NASA Ingenuity ha bisogno di un aggiornamento software, primo volo rimandato

NASA Ingenuity ha bisogno di un aggiornamento software, primo volo rimandato

Il drone-elicottero NASA Ingenuity ha riscontrato un problema durante uno degli ultimi test prima della prova di volo su Marte. Gli ingegneri del JPL hanno deciso di procedere con un aggiornamento software per risolvere la situazione.

di pubblicata il , alle 15:44 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Come abbiamo scritto recentemente, il drone-elicottero NASA Ingenuity ha avuto un problema (non grave) durante la prova del rotore ad alta velocità. Questo ha bloccato il tentativo del primo volo su Marte che era previsto per Domenica 11 Aprile. Ora il JPL ha annunciato che grazie a un aggiornamento software dovrebbe essere possibile correggere il problema rilevato e procedere con la roadmap.

nasa ingenuity

NASA Ingenuity, un aggiornamento software per provare a volare

Secondo quanto riportato, il problema nella sequenza di comando identificato potrà quindi essere corretto con un aggiornamento software, che è risultata essere la soluzione migliore tra quelle pensate dagli ingegneri di NASA Ingenuity.

Sarà quindi modificato il software di controllo di volo del drone-elicottero e reinstallato. Il nuovo software andrà a modificare la sequenza di avvio dei sistemi di controllo permettendo "sia all'hardware che al software di passare in sicurezza allo stato di volo". Prima sarà necessario testare queste modifiche qui sulla Terra, cosa che avverrà tra oggi e domani.

nasa marte

Come spiegato dal JPL, non è tanto lo sviluppo dell'aggiornamento software di NASA Ingenuity a essere impegnativo quanto la procedura di validazione dello stesso. Inoltre anche l'invio del pacchetto di dati dovrà seguire una serie di passaggi come l'invio passando attraverso gli orbiter e il rover Perseverance.

Non c'è una nuova data per il primo volo su Marte. Gli ingegneri hanno dichiarato che la prova dovrebbe essere fissata per la prossima settimana. Sempre il JPL ha scritto come tutte le altre parti (alimentazione, comunicazione, controllo termico) funzionano correttamente. Ricordiamo che il primo volo prevede di sollevarsi a un'altezza di circa 3 metri per circa 30". Se questo test avrà successo, allora si passerà a prove ancora più complesse.

Essendo operazioni mai provate prima su un altro pianeta non c'è uno storico di dati da poter utilizzare come base. Gli ingegneri sono quindi molto cauti in tutte le fasi che precedono il volo su Marte. Non resta dunque che attendere ancora qualche giorno, la finestra stabilita è di 30 giorni (considerando che nel frattempo il rover Perseverance non potrà muoversi, anche se continuerà a raccogliere dati e informazioni).

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!
13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
386DX4013 Aprile 2021, 15:57 #1
Speriamo che l'aggiornamento vada a buon fine immagino sia una cosa piuttosto delicata..
zappy13 Aprile 2021, 16:43 #2
Originariamente inviato da: 386DX40
Speriamo che l'aggiornamento vada a buon fine immagino sia una cosa piuttosto delicata..

già...ormai anche le sonde spaziali sono buggate, e ci vuole il download di un nuovo firmware... chissà se c'è la fibbra su marte
386DX4013 Aprile 2021, 16:52 #3
Originariamente inviato da: zappy
già...ormai anche le sonde spaziali sono buggate, e ci vuole il download di un nuovo firmware... chissà se c'è la fibbra su marte


Gia' immagino la schermata di recovery di droid con il file zip da aggiornare sperando che al reboot arrivi in fondo..
najmarte13 Aprile 2021, 17:36 #4
'na roba tipo "if errore then ignore" ?
maxsona13 Aprile 2021, 17:45 #5
Originariamente inviato da: najmarte
'na roba tipo "if errore then ignore" ?

E' la stessa cosa che ho pensato io

Potrebbe esserci una difformità nei tempi di spin up delle eliche tra reale e ipotizzato?
Kyo7213 Aprile 2021, 18:09 #6
E se al termine dell'aggiornamento arriva un BSOD?
386DX4013 Aprile 2021, 18:29 #7
O una cosa stile bios vecchio tipo..

"Keyboard non rilevata, premere F1 per continuare"

Jack.Mauro13 Aprile 2021, 18:52 #8
A parte le facili battute su windows update, la nasa ha sempre utilizzato la tecnica degli aggiornamenti firmware da remoto (molto remoto....)

Tempo fa avevo letto le linee guida della programmazione "spaziale" dove indicavano, tra l'altro, che ogni software deve essere semplice e privo di parti inutili.
Prima che un rover atterri (alluni, ammarti, avveneri...), è inutile che abbia a bordo il firmware per far funzionare i suoi strumenti scientifici, ma avrà il firmware necessario per gestire il distacco dal razzo e l'atterraggio.
Una volta atterrato, è inutile che il firmware contenga le routine per staccarsi dal razzo, gli verrà caricato direttamente il firmware per gestire gli strumenti ed il movimento.

https://standards.nasa.gov/standard/nasa/nasa-gb-871913
zappy13 Aprile 2021, 21:39 #9
Originariamente inviato da: Jack.Mauro
...Tempo fa avevo letto le linee guida della programmazione "spaziale" dove indicavano, tra l'altro, che ogni software deve essere semplice e privo di parti inutili.
Prima che un rover atterri (alluni, ammarti, avveneri...), è inutile che abbia a bordo il firmware per far funzionare i suoi strumenti scientifici, ma avrà il firmware necessario per gestire il distacco dal razzo e l'atterraggio.
Una volta atterrato, è inutile che il firmware contenga le routine per staccarsi dal razzo, gli verrà caricato direttamente il firmware per gestire gli strumenti ed il movimento.

https://standards.nasa.gov/standard/nasa/nasa-gb-871913

beh, allora direi che hanno esperienza di assistenza remota
Rubberick13 Aprile 2021, 22:50 #10
Basta che non lo fanno fare alla M$

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^