Mercedes e Bosch ufficializzano il primo parcheggio ''autonomo''. Ecco come l'auto si parcheggia da sola

Mercedes e Bosch ufficializzano il primo parcheggio ''autonomo''. Ecco come l'auto si parcheggia da sola

Le due aziende hanno ottenuto il via libera dalle autorità della città di Stoccarda. Nel Museo Mercedes-Benz si potrà parcheggiare l'auto con lo smartphone. Ecco come funzionerà.

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Scienza e tecnologia
Mercedes-BenzBoschDaimler
 

Arrivare al parcheggio, scendere e con il semplice tap sullo smartphone far parcheggiare autonomamente l'auto. Non è il futuro è già il presente. Parliamo di Stoccarda e del via libera che le autorità della cittadina hanno dato a Mercedes e Bosch per il nuovo Automated Valet Parking ossia il parcheggio all'interno del Museo di Mercedes-Benz che per la prima volta al mondo utilizzerà un sistema completamente privo di "fattore" umano per lo spostamento delle auto.

Come funziona il nuovo Automated Valet Parking

Il servizio di parcheggio custodito ma completamente automatizzato dunque fa della tecnologia la sua arma fondamentale. Basterà infatti una semplice applicazione scaricabile sullo smartphone per poter parcheggiare, in un'area circoscritta, in modo autonomo e senza il conducente a bordo. La speciale autorizzazione a procedere è stata concessa dall'autorità amministrativa regionale di Stoccarda, in stretta collaborazione con il Ministero dei trasporti del Baden-Württemberg, a seguito delle valutazioni eseguite dal TÜV Rheinland.

Al Museo Mercedes-Benz della cittadina i guidatori possono lasciare il proprio veicolo all’ingresso del parcheggio e impartire all’auto, attraverso lo smartphone, il comando di parcheggiarsi da sola. L'autovettura in questo caso si sposta autonomamente nello spazio assegnato e parcheggia senza assistenza, né alcun guidatore a bordo. Stessa cosa al ritorno quando assolutamente in autonomia l'auto verrà richiamata, questa procederà dal posto auto dove era posizionata fino al proprietario.

Tutto questo è chiaramente possibile grazie alla combinazione tra l'infrastruttura intelligente del parcheggio che viene appunto fornita da Bosch e la tecnologia presente nell'auto firmata appunto Mercedes-Benz. In questo caso i sensori Bosch installati nel parcheggio monitorano il corridoio di marcia e l’area circostante, fornendo continuamente le informazioni necessarie per guidare l'auto Mercedes. L'algoritmo presente nell'auto converte poi i comandi dell'infrastruttura in manovre di guida. Le auto possono persino salire e scendere autonomamente le rampe di accesso ai vari piani del parcheggio.

"Questa decisione da parte delle autorità mostra che innovazioni come il parcheggio con servizio di ritiro e riconsegna dell’auto sono già possibili in Germania" ha dichiarato Markus Heyn, membro del consiglio di amministrazione di Robert Bosch GmbH "La guida e il parcheggio senza conducente sono elementi fondamentali per la mobilità di domani. Il sistema di parcheggio automatizzato mostra fino a che punto abbiamo già progredito lungo questo percorso di sviluppo".

Un progetto nato nel 2015 per mano di Bosch e Daimler che avevano in mente un parcheggio completamente autonomo e lo hanno effettivamente realizzato a distanza di soli 4 anni dopo un paio di anni di sperimentazione con il pubblico. Tanta tecnologia a bordo delle auto ma anche all'interno del parcheggio con importanza data all'illuminazione ma anche alla possibilità di bloccare l'auto in caso di pedoni o altre autovetture in giro per il parcheggio. Una luce azzurra, di fatto, è stata usata per individuare all'interno del parcheggio il movimento di un auto a guida autonoma e questo per informare sia i pedoni all'interno del parcheggio che le altre auto che si muoveranno con un conducente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia24 Luglio 2019, 17:12 #1
azz.. ma quei parcheggi così spaziosi dove li trovano ? no perchè in italia di norma ci sono 20 cm per parte e non 80 cm per parte ...
capisco il parcheggio autonomo ma dovrebbero ridurre un pelino gli ingombri per far finta di essere nel mondo reale e non in un laboratorio..
kamon24 Luglio 2019, 17:43 #2
Beh concetto interessante, certo, qualora venisse standardizzato tra parcheggi e varie case automobilistiche, per adesso si può solo dire: "c'è un museo mercedes dove alcuni modelli di mercedes si possono parcheggiare autonomamente? Fico..."
Bradiper24 Luglio 2019, 22:00 #3
Preferisco un parcheggio sotterraneo tipo alveare, dove in superficie lasci l auto su una piattaforma, e poi è la piattaforma che scende e va a posizionarsi in una cella vuota,utile per tutti i modelli di auto e soprattutto in un area modestamente piccola si possono sviluttare verso il basso molti molti parcheggi.
Qarboz24 Luglio 2019, 22:19 #4
Originariamente inviato da: Bradiper
Preferisco un parcheggio sotterraneo tipo alveare, dove in superficie lasci l auto su una piattaforma, e poi è la piattaforma che scende e va a posizionarsi in una cella vuota,utile per tutti i modelli di auto e soprattutto in un area modestamente piccola si possono sviluttare verso il basso molti molti parcheggi.


Concordo, ed è curioso il fatto che non ne abbiano già costruiti (o almeno io non ne ho mai sentito parlare) dato che la tecnologia necessaria è disponibile da decenni; probabilmente avranno valutato che per rientrare dai costi di installazione passerebbe troppo tempo oppure dovrebbero applicare tariffe talmente alte che nessuno li userebbe
thecatman24 Luglio 2019, 23:33 #5
però sarebbero più sicuri per la carrozzeria e per i ladri e vandali.
dovrebbero inventarsi qualcosa anche per i parcheggi dei centri commerciali.
infine spero che diventi una tecnologia di massa anche le piccole utilitarie.
ramses7725 Luglio 2019, 14:22 #6
Settimana scorsa ho provato la nuova Classe A. Rientrato dal giro, nel parcheggio della concessionaria il venditore mi ha suggerito di provare il parcheggio assistito. Una volta trovato un posto in parallelo, l'auto ha iniziato la manovra e si è inserita. Poi siccome era troppo laterale è uscita da sola per rimettersi più centrata e a momenti si schianta con una che passa in strada. "ah si, ho dimenticato di dirle che deve guardare lei se arrivano auto". Ah niente, ho pensato... Poi si è allineata ed è entrata schiantando lo spoiler anteriore sul marciapiede davanti. "ah si, se il marciapiede è troppo basso non lo rileva". Alla fine un parcheggio nel quintuplo del tempo, con un quasi incidente e uno spoiler rotto. Mah... Resto scettico su queste cose. Non è meglio parcheggiarsela da soli l'auto? A cosa servono un mucchio di costosi sensori che si possono rompere, da mantenere, per fare un parcheggio in un tempo assurdo?
tallines25 Luglio 2019, 18:52 #7
Tra un pò, non occorrerà fare neanche più la patente, tanto....fanno tutto queste auto - robot, ma daiiiiii....


che all' esame di scuola guida c' era l' ingegnere dietro e mi ha chiesto di parcheggiare e di uscire dal parcheggio.........prova superata ovviamente

e poi ste cose automatizzate a me non sono mai piaciute

L' uomo non lo sostitusce nessunoooo, tanto meno i robot, in questi casi, per le auto .

Poi sarei curioso di vedere come questa auto o queste auto, parcheggiano in città o nei parcheggi dei centri commerciali, quando sono full....seeee aspèèèèè

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^