Manderemo 1 milione di persone su Marte e creeremo tanti posti di lavoro. Ecco il piano di Elon Musk

Manderemo 1 milione di persone su Marte e creeremo tanti posti di lavoro. Ecco il piano di Elon Musk

Musk torna a parlare della colonizzazione di Marte e della creazione di una città abitata da oltre 1 milione di persone. Ecco il piano ambizioso del boss di SpaceX

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

Elon Musk è uno degli utenti Twitter più prolifici, e in uno scambio di battute degli scorsi giorni ha rivelato uno dei più ambiziosi programmi di SpaceX: l'azienda ha pianificato di costruire una città su Marte al fine di popolarla con circa un milione di abitanti entro il 2050. Per riuscirci dovrà costruire una flotta di 1000 Starship, un razzo in fase di sviluppo oggi da oltre 110 metri di lunghezza progettato nello specifico per i viaggi nello spazio profondo.

SpaceX Starship

Elon Musk ha poi indicato che il traguardo finale è di lanciare una media di tre Starship al giorno, in una finestra temporale studiata per rendere sicuro ed efficiente il viaggio, rendendo i viaggi su Marte disponibili a tutti: "Deve essere tale che chiunque possa andare se lo desidera, con prestiti disponibili per coloro che non dispongono della somma richiesta". Viaggiare verso Marte potrebbe essere inoltre una sorta di investimento per il futuro. Musk ha precisato infatti che "ci sarà un sacco di lavoro" disponibile per tutti.

Se costruito così come da progetto, Starship sarà il sistema di lancio spaziale più potente mai creato: ogni lancio dovrebbe essere in grado di inviare nello spazio più di 100 tonnellate di materiale e fino a 100 persone. Musk non ha specificato cosa sia necessario introdurre nella navicella per ogni lancio, tuttavia è prevedibile che grossa parte della disponibilità sia occupata da cibo, acqua, materiali e strumenti per la costruzione degli avamposti marziani.

Perché "la vita diventi multiplanetaria" è necessario che vengano inviati in orbita anche sistemi di assistenza alla vita avanzati, e diverse centinaia di migliaia di tonnellate di materiale. Con mille voli la flotta di Musk potrebbe mandare su Marte circa 100.000 persone, sfruttando le brevi finestre temporali (circa ogni 26 mesi) che consentono, in base all'allineamento fra Terra e Marte, di viaggiare in maniera efficiente sul piano del consumo di carburante.

Secondo Musk è possibile ottimizzare le tempistiche e i costi di viaggio caricando la flotta marziana nell'orbita terrestre, e poi da lì inviare tutte le 1000 navi in una finestra di 30 giorni ogni 26 mesi. È da osservare che Musk è oggi meno ottimista rispetto al passato, quando indicava che saremmo riusciti a inviare le 1000 Starship ogni anno, e non ogni 26 mesi. Si tratta comunque di traguardi entrambi difficili da raggiungere con le tecnologie attuali.

Il 27 Dicembre scorso Musk aveva dichiarato che un nuovo prototipo di Starship potrebbe essere lanciato già entro la fine di marzo. Lo sviluppo è stato rallentato, subendo un ritardo, dopo un'esplosione involontaria avvenuta durante un test di pressurizzazione del serbatoio di carburante dello scorso 20 novembre. SpaceX dovrà costruire circa 20 prototipi prima che gli ingegneri possano garantire voli sicuri per carico e persone. Il sistema di lancio completo includerà anche un booster chiamato Super Heavy, con il razzo che raggiungerà quindi una lunghezza di circa 118 metri.

Sopra il booster ci sarà la navicella Starship, che si staccherà una volta esaurito il carburante del booster e che sarà in direzione verso Marte. Entrambe le componenti principali del sistema saranno riutilizzabili, con un costo per il singolo lancio che dovrebbe essere intorno ai 2 milioni di dollari. Si tratta anche questo di un piano estremamente ambizioso: basti pensare che la cifra che ha in mente Musk è centinaia di volte inferiore rispetto a un lancio dalle caratteristiche simili eseguito con gli attuali space launch system, anche quelli progettati e attualmente in uso dalla stessa SpaceX.

La Starship vedrà diverse tappe intermedie prima di raggiungere Marte: oltre alla prova entro fine marzo, SpaceX ha dichiarato di voler organizzare un lancio del razzo con una persona dentro già entro la fine del 2020. Inoltre, la navicella dovrebbe raggiungere la superficie lunare, secondo i piani attuali, entro il 2022. Oltre alla fase progettuale SpaceX dovrà affrontare anche diverse sfide normative, come ad esempio garantire la piena sicurezza degli abitanti delle località vicine alla zona di lancio sulla Terra.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

80 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
canislupus20 Gennaio 2020, 18:52 #1
Vista la mole di proseliti (alcuni anche fanboy), non credo avrà difficoltà a trovare un volontario per fare il viaggio inaugurale.
Certo se dovesse riuscire anche solo ad arrivare sulla Luna sarebbe un risultato non da poco soprattutto ragionando sull'impegno economico rispetto alle missioni NASA da fantastiliardi (tengono famiglia, bisogna capirli... ).
Saturn20 Gennaio 2020, 19:00 #2
Originariamente inviato da: canislupus
Vista la mole di proseliti (alcuni anche fanboy), non credo avrà difficoltà a trovare un volontario per fare il viaggio inaugurale.
Certo se dovesse riuscire anche solo ad arrivare sulla Luna sarebbe un risultato non da poco soprattutto ragionando sull'impegno economico rispetto alle missioni NASA da fantastiliardi ([B][SIZE="4"]tengono famiglia, bisogna capirli...[/SIZE][/B] ).


Ginopilot20 Gennaio 2020, 19:02 #3
Il problema più grosso sarà, una volta sbarcati, non farsi soffocare dallu pilu.
marcram20 Gennaio 2020, 19:05 #4
Originariamente inviato da: canislupus
Vista la mole di proseliti (alcuni anche fanboy), non credo avrà difficoltà a trovare un volontario per fare il viaggio inaugurale.
Certo se dovesse riuscire anche solo ad arrivare sulla Luna sarebbe un risultato non da poco soprattutto ragionando sull'impegno economico rispetto alle missioni NASA da fantastiliardi (tengono famiglia, bisogna capirli... ).


Non serve essere suoi proseliti. Penso che ogni astronauta sogni di essere il primo a mettere piede su Marte...
Marko_00120 Gennaio 2020, 19:11 #5
intanto hanno programmato "Sfera" progetto per avere
in orbita 638 satelliti che necessiterà di 148 missili
di classe leggera (36 missili Angara-1.2), media (88 missili Soyuz-2.1b)
e pesante (24 missili Angara-A5).
il progetto prevede 334 satelliti di comunicazione,
55 satelliti di navigazione e 249 dispositivi di telerilevamento della Terra.
che permetteranno di mettere in pratica il progetto "Russian OneWeb"
che prevede telefonia, dati in alta velocità prima 100 Gbit/s poi 1Tgit/s
progetto Skif e IoT M2M progetto Marathon, su tutto il territorio
russo e in estensione sul resto del mondo.
(è previsto il portare le connessioni base, per tutti i russi, gratuitamente)
tempistiche entro il 2030.
fonte Roscosmos
-
1000 Starship ogni ogni 26 mesi?
leggo che "Un missile "semplice", come il falcon 9 di SpaceX,
può richiedere 18 mesi per essere realizzato"
ditelo a Musk che non può sparare razzi che non riesce ad assemblare.
canislupus20 Gennaio 2020, 19:11 #6
Originariamente inviato da: marcram
Non serve essere suoi proseliti. Penso che ogni astronauta sogni di essere il primo a mettere piede su Marte...


Ma in generale credo che chiunque vorrebbe avere una simile fortuna quantomeno per il fatto che saresti ricordato per decenni.
Il problema è che se spendendo MILIARDI di euro la Nasa ha fatto spesso fatica ed è arrivata una volta sulla Luna, con una cifra che è N volte più bassa Musk dovrebbe arrivare su Marte.
Francamente non mi sentirei tanto tranquillo, ma ripeto forse ci stupirà tutti quanti (scettici compresi), ma finchè ciò non avverrà dal mio pdv saranno solo proclami.
dado197920 Gennaio 2020, 19:22 #7
Abbiamo questo di pianeta e dovremo cercare di salvarlo… altro che viaggi spaziali et simili… mi spiego meglio: la velocità della luce è un limite invalicabile e ci confina nella Terra per sempre.
Xeon6020 Gennaio 2020, 19:39 #8
Originariamente inviato da: dado1979
Abbiamo questo di pianeta e dovremo cercare di salvarlo… altro che viaggi spaziali et simili… mi spiego meglio: la velocità della luce è un limite invalicabile e ci confina nella Terra per sempre.


Quindi non subiremo un attacco degli alieni, ora mi sento più tranquillo.

Sono perfettamente d'accordo che bisogna avere più rispetto del nostro pianeta ma la ricerca spaziale è ricerca tecnologica che, come quasi sempre, si traduce in ricerca per salvaguardare in forma diretta e indiretta il pianeta Terra se ben sfruttata.

Pensare a viaggi interstellari oggi è pura utopia, ma il sistema solare è vastissimo tutto da scoprire, la fuori ci sono materie prime che noi ci possiamo solo sognare, fonti di energia inesauribile e chissà cos'altro potremmo trovare.
La salvaguardia del pianeta Terra non è in contraddizione con la ricerca spaziale, l'Uomo non è destinato a restare confinato sulla Terra e le ricerche in tal senso le vedo come una opportunità per il pianeta stesso, se saremo saggi da usare la testa.

Cito le frasi che spesso si sentono dagli astronauti della ISS:

Ogni volta che si guarda fuori dall'oblò e si vede quella sfera azzurra si capisce che il nostro pianeta è qualcosa di unico e meraviglioso, ma estremamente fragile. Una volta che vedi la Terra da un'altra prospettiva la ami sempre di più...
giovanbattista20 Gennaio 2020, 20:09 #9
Originariamente inviato da: Xeon60
Quindi non subiremo un attacco degli alieni, ora mi sento più tranquillo.

Sono perfettamente d'accordo che bisogna avere più rispetto del nostro pianeta ma la ricerca spaziale è ricerca tecnologica che, come quasi sempre, si traduce in ricerca per salvaguardare in forma diretta e indiretta il pianeta Terra se ben sfruttata.

Pensare a viaggi interstellari oggi è pura utopia, ma il sistema solare è vastissimo tutto da scoprire, la fuori ci sono materie prime che noi ci possiamo solo sognare, fonti di energia inesauribile e chissà cos'altro potremmo trovare.
La salvaguardia del pianeta Terra non è in contraddizione con la ricerca spaziale, l'Uomo non è destinato a restare confinato sulla Terra e le ricerche in tal senso le vedo come una opportunità per il pianeta stesso, se saremo saggi da usare la testa.

Cito le frasi che spesso si sentono dagli astronauti della ISS:

Ogni volta che si guarda fuori dall'oblò e si vede quella sfera azzurra si capisce che il nostro pianeta è qualcosa di unico e meraviglioso, ma estremamente fragile. Una volta che vedi la Terra da un'altra prospettiva la ami sempre di più...


quindi in conclusione parafrasando la frase degli astronauti mandiamo 9.000.000.000 di persone a fare un giretto orbitale cosi poi avranno a cuore il loro pianeta....ottimo

quindi il Musk ha cominciato a produrre auto elettriche per salvare il pianeta?
vuole creare i viaggi spaziali turistici per salvare il pianeta?
idee confuse temo
l'esplorazione spaziale mi può anche stare bene, ma se devi lanciare una roadster nello spazio credo che come acquisizioni scientifiche siamo a 0 come marketing un 8 pieno, punto

e lo chiamano genio ....credo che sia meglio se questi sono i geni che ci autoterminiamo oggi stesso e non prolunghiamo l'agonia portando il male anche altrove
marcram20 Gennaio 2020, 20:12 #10
Originariamente inviato da: canislupus
Ma in generale credo che chiunque vorrebbe avere una simile fortuna quantomeno per il fatto che saresti ricordato per decenni.
Il problema è che se spendendo MILIARDI di euro la Nasa ha fatto spesso fatica ed è arrivata una volta sulla Luna, con una cifra che è N volte più bassa Musk dovrebbe arrivare su Marte.
Francamente non mi sentirei tanto tranquillo, ma ripeto forse ci stupirà tutti quanti (scettici compresi), ma finchè ciò non avverrà dal mio pdv saranno solo proclami.


Ma son passati 60 anni di incredibile avanzamento tecnologico. Basta vedere, nel giro di pochi anni, quanto è calato il costo per raggiungere l'orbita, proprio grazie alla riusabilità voluta da Musk.
Ovvio che al momento sono solo proclami, ma la realizzabilità degli stessi dipende da chi li fa, ossia il capo della più grande azienda mondiale di lanciatori...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^