Per ARM i Netbook rappresentano il futuro

Per ARM i Netbook rappresentano il futuro

Il CEO di ARM analizza il mercato netbook e sottolinea come, in futuro la sua società giocherà un ruolo da protagonista, con Microsoft o meno

di pubblicata il , alle 09:49 nel canale Portatili
MicrosoftARM
 

A parlare è niente di meno che il CEO di ARM, Warren East: nel corso di una intervista rilasciata al sito internet Pc Pro, il capo della nota società ha predetto che i Netbook in un ipotetico scenario futuro potranno raggiungere il 90% del mercato. Ovviamente, all'interno di questo segmento, il CEO si augura che la propria società ricopra il ruolo di uno dei protagonisti grazie alle sue CPU.

East crede che il mercato dei netbook continuerà a ritimi vertiginosi anche negli anni a venire. Uno dei punti su cui il CEO di ARM ci tiene a dire la sua riguarda la presenza di CPU Intel Atom all'interno della maggior parte dei sistemi Netbook: "certo, il processore principale è fornito da Intel, ma è possibile trovare molta ARM sia nei moduli Wi-Fi sia in quelli Bluetooth. Molto spesso inoltre troviamo anche ARM all'interno dell'hard disk e qualche volta anche nella camera integrata di sistema". Il prossimo passo, quindi sarà quello di vedere ARM fornire la CPU, secondo Warren East.

Una delle principali discriminanti che mina la diffusione delle soluzioni netbook sviluppate con CPU ARM, riguarda l'impossibilità di eseguire sistemi operativi sviluppati per architetture x86, come Windows XP, Vista o 7. Le soluzioni devono pertanto essere prodotte e commercializzate con sistemi operativi come Windows CE, distribuzioni Linux o con Android o Chrom OS.

Proprio sottolineando questo ultimo elemento East ha affermato "Attualmente i progressi che Linux sta facendo registrare sono decisamente importanti. Credo che sia solo una questione di tempo affinchè ARM guadagni mercato, con o senza l'aiuto di Microsoft" e proprio al colosso di Redmond Easts tira l'ultima frecciata: "Microsoft ci conosce molto bene, lavora con noi da 12 anni a questa parte e tutti i suoi sistemi operativi per il mobile sono sviluppati su ARM", indicando come un aiuto da parte di Microsoft non sarebbe affatto sgradito.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ironashram04 Febbraio 2010, 10:16 #1
vedremo
JackZR04 Febbraio 2010, 11:01 #2
ARM sta ben considerando il mercato dei Netbook ma dovrebbe cominciare già a considerare quello dei Tablet, basta vedere il successo che già stanno avendo iPad e GooglePad che ancora non sono usciti, un Tablet con ARM ed Android (ma anche Maemo, Moblin, etc..) stravenderebbe.
Cmq auguro ad ARM di sfondare in questi settori perchè i suoi processori sono validi (poi la concorrenza non fa mai male).
montanaro7904 Febbraio 2010, 11:18 #3
na.. con i netbook fai piu cose che con un tablet e vuoi mettere la comodità della tastiera fisica ?
dovrebbero piuttosto rivedere i prezzi di sti netbook perchè la differenza con i notebook a colte e minima ..

i tablet pc secondo me andrebbero bene se integrati in un "gualcosa" tipo computer di bordo per un' auto.. anche perchè non riesco a capire la loro utilità ...
JackZR04 Febbraio 2010, 11:33 #4
Originariamente inviato da: montanaro79
na.. con i netbook fai piu cose che con un tablet e vuoi mettere la comodità della tastiera fisica ?
dovrebbero piuttosto rivedere i prezzi di sti netbook perchè la differenza con i notebook a colte e minima ..

i tablet pc secondo me andrebbero bene se integrati in un "gualcosa" tipo computer di bordo per un' auto.. anche perchè non riesco a capire la loro utilità ...

C'è chi il tablet già lo usa per lavoro e chi lo usa per cazzeggiare (come si fa con l'iPod Touch ma meglio), con l'avvento dell'iPadella i Tablet diventeranno di moda e venderanno parecchio, soprattutto perchè costeranno dalla metà fino ad un quarto del prodotto della mela.
!fazz04 Febbraio 2010, 12:22 #5
Originariamente inviato da: montanaro79
na.. con i netbook fai piu cose che con un tablet e vuoi mettere la comodità della tastiera fisica ?
dovrebbero piuttosto rivedere i prezzi di sti netbook perchè la differenza con i notebook a colte e minima ..

i tablet pc secondo me andrebbero bene se integrati in un "gualcosa" tipo computer di bordo per un' auto.. anche perchè non riesco a capire la loro utilità ...


guarda che esistono tablet anche con la tastiera gli slate (tablet senza tastiera) sono solo una sottocategoria dei tablet
avvelenato04 Febbraio 2010, 12:30 #6
non possono piagnucolare che mamma microsoft non li aiuta gnegnene.
Non funziona così.
un Windows Xp/Vista/Seven su architettura ARM sarebbe una gran fregatura per l'utonto tipo, convinto di potercisi installare i giochettini e i programmini degli amici, e invece no.
Per adesso linux invece è utilizzato per lo più da persone di competenza informatica superiore alla media, e questo vale ancor più per chi lo utilizza (consapevolmente) al di fuori del mondo x86, per cui PER ADESSO non ha dovuto affrontare grandi problemi di supporto. Ho bisogno del programma X, mi scarico i sorgenti e me li ricompilo.
Se arm spera di far breccia nel mercato delle cpu mainstream grazie a windows o a linux, hai voglia. Gli utonti non avranno la possibilità di installarsi i programmi dei loro amici e perciò lo reputeranno guasto, oppure un bidone.
Pts.Mac04 Febbraio 2010, 12:32 #7
Originariamente inviato da: avvelenato
non possono piagnucolare che mamma microsoft non li aiuta gnegnene.
Non funziona così.
un Windows Xp/Vista/Seven su architettura ARM sarebbe una gran fregatura per l'utonto tipo, convinto di potercisi installare i giochettini e i programmini degli amici, e invece no.
Per adesso linux invece è utilizzato per lo più da persone di competenza informatica superiore alla media, e questo vale ancor più per chi lo utilizza (consapevolmente) al di fuori del mondo x86, per cui PER ADESSO non ha dovuto affrontare grandi problemi di supporto. Ho bisogno del programma X, mi scarico i sorgenti e me li ricompilo.
Se arm spera di far breccia nel mercato delle cpu mainstream grazie a windows o a linux, hai voglia. Gli utonti non avranno la possibilità di installarsi i programmi dei loro amici e perciò lo reputeranno guasto, oppure un bidone.


Perfettamente d'accordo
jokerpunkz04 Febbraio 2010, 12:45 #8
ma speriamo bene! che i netbook ritorninno ad essere quello che erano!
Chiancheri04 Febbraio 2010, 12:58 #9
Originariamente inviato da: avvelenato
non possono piagnucolare che mamma microsoft non li aiuta gnegnene.
Non funziona così.
un Windows Xp/Vista/Seven su architettura ARM sarebbe una gran fregatura per l'utonto tipo, convinto di potercisi installare i giochettini e i programmini degli amici, e invece no.
Per adesso linux invece è utilizzato per lo più da persone di competenza informatica superiore alla media, e questo vale ancor più per chi lo utilizza (consapevolmente) al di fuori del mondo x86, per cui PER ADESSO non ha dovuto affrontare grandi problemi di supporto. Ho bisogno del programma X, mi scarico i sorgenti e me li ricompilo.
Se arm spera di far breccia nel mercato delle cpu mainstream grazie a windows o a linux, hai voglia. Gli utonti non avranno la possibilità di installarsi i programmi dei loro amici e perciò lo reputeranno guasto, oppure un bidone.



mai provato ubuntu? gira anche su arm.

Freescale rilascerà dei portatili compatibili 100% con ubuntu sopra. Non si deve compilare una mazza. SI scelgono i software da una lista (come su iphone) e si installano...

Gente negli ultimi 3 anni, distribuzioni come ubuntu se la battono tranquillamente con windows per facilità d'uso. Sono 2 cose diverse ovviamente, ma non c'è nulla di difficile.

Qualsiasi lettore di questo sito (che immagino quindi che abbia un minimo di cognizioni informatiche), ci mette 30 minuti ad usare ubuntu.

Con arm+linux c'è solo da guadagnare (e risparmiare).
JackZR04 Febbraio 2010, 13:08 #10
Originariamente inviato da: avvelenato
non possono piagnucolare che mamma microsoft non li aiuta gnegnene.
Non funziona così.
un Windows Xp/Vista/Seven su architettura ARM sarebbe una gran fregatura per l'utonto tipo, convinto di potercisi installare i giochettini e i programmini degli amici, e invece no.
Per adesso linux invece è utilizzato per lo più da persone di competenza informatica superiore alla media, e questo vale ancor più per chi lo utilizza (consapevolmente) al di fuori del mondo x86, per cui PER ADESSO non ha dovuto affrontare grandi problemi di supporto. Ho bisogno del programma X, mi scarico i sorgenti e me li ricompilo.
Se arm spera di far breccia nel mercato delle cpu mainstream grazie a windows o a linux, hai voglia. Gli utonti non avranno la possibilità di installarsi i programmi dei loro amici e perciò lo reputeranno guasto, oppure un bidone.

Loro non piagnucolano affatto, al contrario hanno intenzione di entrare in questo settore a prescindere da M$, le possibilità ci sono tutte visto il successo che stanno avendo ultimamente con le piattaforme mobili; nessuno compra i netbook per giocarci ma per navigare e scrivere, non c'è per forza bisogno di un OS come Win7 o una distro Linux particolare, Windows CE andrebbe benissimo così come Android o Maemo o altre distro Linux semplificate (basta che non siano come Linpus o Xandros, veramente brutte); anche sui prodotti della Mela (iPod, iPhone, iPad, tutti ARM) gli utonti non possono installare i programmi degli amici però hanno un gran successo; ora come ora non è facile per ARM sfondare ma ce la può fare, quello che gli manca credo sia un (o più OS ottimizzato per quel tipo di piattaforma e utilizzo, relativa community, servizi come l'AppStore della Mela e credo che Linux abbia già buona parte di tutto ciò.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^