OLPC XO in mass production da metà novembre

OLPC XO in mass production da metà novembre

Posticipo di due settimane per la mass production dei notebook XO

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 08:56 nel canale Portatili
 

Ancora ritardi per il famoso XO, il famoso notebook a basso costo sviluppato all'interno dell'iniziativa OLPC (One Laptop per Child). L'inizio della fase di produzione in volumi era previsto per la prima settimana di novembre ma, stando a quanto riportato da Laptoplogic.com, OLPC Foundation ha annunciato un posticipo di due settimane.

Alla base dei ritardi un problema dell'ultimo minuto non meglio precisato. La OLPC Foundation stima di produrre almeno 100.000 XO entro la fine del 2007 mentre al momento i primi ordini sono stati evasi verso Perù e Uruguay. Il notebook XO al momento costa circa $180.00, ben più del previsto ma nei prossimi mesi e in funzione dei maggiori volumi tale cifra dovrebbe abbassarsi verso gli iniziali obiettivi.

In merito al notebook XO e più in generale al progetto OLPC segnaliamo l'iniziativa "Give 1 get 1" che, gravando maggiormente sulle tasche dei paesi industrializzati, dovrebbe dare maggiori possibilità ai paesi in via di sviluppo. Un approfondimento è disponibile a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
axse25 Ottobre 2007, 09:01 #1
ploffff.
mnovait25 Ottobre 2007, 10:31 #2
Originariamente inviato da: axse
ploffff.

peccato...iniziativa fallita...il prezzo continua a salire..
v1nline25 Ottobre 2007, 10:31 #3
ploffff?
ah già è proprio una cagata
Puddus25 Ottobre 2007, 10:55 #4
Ho letto sul loro sito che praticamente con 399$ mandano un laptop a te e uno in donazione, oppure puoi donare 200$ (20$ le spese di spedizione).
Mah, mi sembra che questa iniziativa serva a fare guadagnare le solite multinazionali, sventagliando un nobile pretesto...
Cicerus25 Ottobre 2007, 11:11 #5
180 dollari??? Ovvero lo stipendio di un mese di un uruguaiano! (circa)...
Non è molto giusto, non doveva essere alla portata di tutti?
Zerk25 Ottobre 2007, 11:20 #6
Originariamente inviato da: Cicerus
180 dollari??? Ovvero lo stipendio di un mese di un uruguaiano! (circa)...
Non è molto giusto, non doveva essere alla portata di tutti?


Dove sta il problema? Qui un notebook costa quanto lo stipendio di un mese di un operaio o un ricercatore universitario.
gianly198525 Ottobre 2007, 12:42 #7
Originariamente inviato da: Zerk
Dove sta il problema? Qui un notebook costa quanto lo stipendio di un mese di un operaio o un ricercatore universitario.


Un portatile "MINIMO" (perché di questo parliamo, non è che puoi confrontare l'olpc con un portatile fa 2000euro, lo devi paragonare al minimo indispensabile per superare il digital divide) lo trovi TRANQUILLAMENTE a 499euro se non 459....non credo sia lo stipendio medio di un italiano...o lo stipendio di quelle categorie che citi (mi auguro per loro)..
DevilsAdvocate25 Ottobre 2007, 12:47 #8
Ma l'iniziativa sarà anche valida e regolare, solo che noi "occidentali"
ci plachiamo la coscenza molto di più dando 10 euro per il cibo che
non pagandone 200 per abbattere il digital devide.

Al limite potevano mettere sistemi di contributo libero ed associarsi
ai canali convenzionali (si, è vero che le associazioni classiche si "mangiano"
una bella fettina di quanto intascano, ma hanno comunque più credibilità.
BrightSoul25 Ottobre 2007, 14:46 #9
io ne comprerei uno per mio figlio di 6 anni (al mio tempo ebbi il grillo parlante). Purtroppo non ho figli di 6 anni. Anzi, per la verità non ho figli.
Willy McBride25 Ottobre 2007, 20:19 #10
Stavo anche per commentare, ma se qui non sapete un razzo dell'OLPC non è che posso spiegarvi tutto io.
E poi dicono che internet allarga gli orizzonti... ma quando mai.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^