chiudi X
Age of Empires Definitive Edition in DIRETTA

Segui la diretta sui nostri canali YouTube - Twitch - Facebook

Galileo manda il suo primo messaggio di navigazione

Galileo manda il suo primo messaggio di navigazione

Inviata da Giove-A la prima stringa con i dati per calcolare la distanza tra esso e la terra

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 17:46 nel canale Portatili
 

Galileo, la costellazione di satelliti che dovrebbe affiancarsi al GPS americano e al GLONASS russo, ha visto nel corso del suo sviluppo diversi rallaentamenti e ritardi, ma ora sembra finalmente aver imboccato la strada giusta.

Il satellite Giove-A, primo fra i trenta che l'ESA (l'ente spaziale europeo) metterà in orbita 23.222 kilometri sopra le nostre teste, ha inviato il suo primo messaggio di navigazione a terra. Il messaggio del 2 maggio, come ripota TGDaily, conteneva una stringa di informazioni per permettere di misurare la distanza tra il satellite e la base ricevente.

Il satellite era attivo nell'invio di altri segnali generici già dal 12 gennaio dello scorso anno. Il passo è importante, ma forse non abbastanza grande per permettere di stare nei piani dell'ESA, che prevede l'inizio dell'operatività del sistema all'inizio del 2008 e l'operatività completa entro il 2012.

Al suo completamento la costellazione sarà formata da 30 satelliti, di cui 27 operativi e tre di riserva, e dovrebbe garantire un'accuratezza maggiore del GPS,arrivando a una precisione di circa un metro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

43 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fukka7508 Maggio 2007, 18:00 #1
Ma della stazione di telerilevamento per Galileo che avrebbero dovuto costruire nel famigerato "polo tecnologico" romano si sa nulla?
vincino08 Maggio 2007, 18:02 #2
Io veramente so che la scarsa precisione dell'attuale gps è una cosa voluta dal governo americano. Praticamente introducono volontariamente un errore per far scendere la precisione della posizione per uso civile. Per uso militare invece la precisione è al di sotto del metro.
Genesio08 Maggio 2007, 18:03 #3
E' un po' off topic ma...non credevo che i satelliti fossero così "bassi". ora non ricordo assolutamente quanto è "spessa" la terra tra atmosfera, cososfera etc...ma 23 km credo non sia classificabile come "spazio". Forse salendo sull'everest e guardando in alto si vedono i satelliti a occhio nudo ?
Crisidelm08 Maggio 2007, 18:06 #4
Infatti 23Km sono troppo pochi...anche 23000 Km in effetti sembrano pochini.
flapane08 Maggio 2007, 18:06 #5
Originariamente inviato da: Genesio
E' un po' off topic ma...non credevo che i satelliti fossero così "bassi". ora non ricordo assolutamente quanto è "spessa" la terra tra atmosfera, cososfera etc...ma 23 km credo non sia classificabile come "spazio". Forse salendo sull'everest e guardando in alto si vedono i satelliti a occhio nudo ?


Link ad immagine (click per visualizzarla)
Crisidelm08 Maggio 2007, 18:08 #6
Almeno, se vogliono essere geostazionari, i satelliti...
Crisidelm08 Maggio 2007, 18:08 #7
E cmq la notizia sul sito Tgdaily parla di 23222 Km.
flapane08 Maggio 2007, 18:09 #8
direi che si sono confusi
peitro08 Maggio 2007, 18:12 #9
ovviamente sono 23000 km
Crisidelm08 Maggio 2007, 18:12 #10
E in quanto alla precisionedel GPS americano, è vero che non è così preciso proprio per ragoni di sicurezza: pensa se fosse veramente preciso anche per usi civili, "chiunque"(con i soldi necessari, e la volontà di farlo) potrebbe costruirsi un missile a guida GPS. Invece c'è anche il limite della velocità massima sopra alla quale il GPS per uso civile non funziona (proprio per evitare i problemi "bellici".

E quindi mi chiedo se Galileo invece offrirà tale possibilità...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^