C'è un Chromebook Pro, con anima da 2-in-1, nel futuro di Samsung

C'è un Chromebook Pro, con anima da 2-in-1, nel futuro di Samsung

L'azienda coreana prepara il lancio di una nuova soluzione Chromebook, dotata di schermo touch e caratterizzata da soluzioni tecniche peculiari per questa famiglia di prodotti

di pubblicata il , alle 19:09 nel canale Portatili
SamsungARMGoogleChromeChromebook2-in-1
 

Il mercato delle proposte Chromebook, sistemi notebook basati su sistema operativo Chrome OS di Google, non ha ancora ottenuto nel mercato italiano il successo che ha invece riscosso in altri paesi come gli Stati Uniti. La profonda dipendenza di Chrome OS dalla connessione web a banda larga nel limita in parte la diffusione in Italia, soprattutto in quelle aree nelle quali questa non è facilmente accessibile.

samsung_chromebook_pro_1.jpg (46917 bytes)

A livello globale le proposte Chromebook continuano a suscitare interesse, ed è per questo motivo che Samsung sta sviluppando una nuova proposta di fascia alta indicata con il nome in codice di Kevin. Questo prodotto, del quale Samsung non ha fornito alcuna informazione ufficiale, viene indicato con il nome di Samsung Chromebook Pro ed è apparso per un breve periodo di tempo tanto sul sito web dell'azienda come listato da alcuni rivenditori.

Quali le caratteristiche tecniche di questo prodotto? Uno schermo da 12,3 pollici di diagonale di tipo touch, con risoluzione di 2.400x1.600 pixel e rapporto tra i lati di 3:2; spessore variabile tra 12,9 e 13,9 millimetri, memoria storage locale da 32 Gbytes e memoria di sistema di 4 Gbytes. La componente CPU vede una soluzione a 6 core con architettura ARM, con due core Cortex A72 a basso consumo abbinati a quattro core Cortex A53 a più elevate prestazioni.

samsung_chromebook_pro_2.jpg (38163 bytes)

Il display è montato su cerniere che ne permettono la rotazione completa dietro la base con tastiera, così da trasformarlo in un tablet. Un Chromebook con anima di 2-in-1, possiamo dire a tutti gli effetti. Non manca un pennino integrato nello chassis, caratteristica particolarmente utile per una interazione differente con lo schermo touch e che ricorda quanto implementato da Samsung negli smartphone della famiglia Note.

samsung_chromebook_pro_3.jpg (47618 bytes)

Interessante il dato di autonomia, indicato pari a 10 ore; il peso è contenuto in 1,08 Kg. Questo prodotto dovrebbe debuttare nel corso delle prossime settimane, per un listino pari a 499 dollari nel mercato nord americano: una cifra non contenuta in assoluto per una soluzione Chromebook, ma interessante alla luce delle specifiche tecniche che sono emerse.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MisterG17 Ottobre 2016, 19:45 #1
Che bomba!
SoxxoZ17 Ottobre 2016, 21:15 #2
Spettacolo. Quanto vorrei un'alternativa a questo, preistorico dentro, Windows.
LucaLindholm17 Ottobre 2016, 21:37 #3

Ma per favore!

Fra 8 giorni e 18 ore Microsoft presenterà la nuova gamma [B][U]Surface[/U][/B] che sterminerà tutto ciò che c'è attualmente sul mercato (anche di App£e) e questi vorrebbero farne una pallida imitazione con Android???

Aahhahahahaha!!
acerbo17 Ottobre 2016, 22:15 #4
Originariamente inviato da: LucaLindholm
Fra 8 giorni e 18 ore Microsoft presenterà la nuova gamma [B][U]Surface[/U][/B] che sterminerà tutto ciò che c'è attualmente sul mercato (anche di App£e) e questi vorrebbero farne una pallida imitazione con Android???

Aahhahahahaha!!


mi sa che l'unica cosa che riesce a sterminare microsoft sono i vostri cervelli
sterock7717 Ottobre 2016, 22:23 #5
Io anche se non amo android per vari motivi , chrome os come linea di principio lo apprezzavo , cioè un sistema browser based per HW leggero visto che non serve installare nulla sfruttando appieno lo standard html5 e futuro 6 o dir si voglia , con potenzialità atte a sostituire i classici applicativi installati.
Poi come rivoluzione mettono uno store da cellulare su un netbook, scelta prettamente commerciale per attirare utenza illusa di qualcosa di innovativo che non lo è. Per essere innovativo doveva rimanere al vecchio progetto full browser. Punto.
acerbo17 Ottobre 2016, 22:37 #6
Originariamente inviato da: sterock77
Io anche se non amo android per vari motivi , chrome os come linea di principio lo apprezzavo , cioè un sistema browser based per HW leggero visto che non serve installare nulla sfruttando appieno lo standard html5 e futuro 6 o dir si voglia , con potenzialità atte a sostituire i classici applicativi installati.
Poi come rivoluzione mettono uno store da cellulare su un netbook, scelta prettamente commerciale per attirare utenza illusa di qualcosa di innovativo che non lo è. Per essere innovativo doveva rimanere al vecchio progetto full browser. Punto.


Bah, io invece non capisco a cosa serva una macchina dedicata per farci girare chrome, quando basta installare chrome su un qualunque OS.
Personalmente uso chrome su ubuntu e ci svolgo piu' o meno l'80% delle attività quotidiane, perché come giustamente dici ormai sta tutto sul web, ma non capisco cosa mi darebbe in piu' chrome OS.
Avere invece insieme a chrome applicazioni diverse da quelle integrate inel browser, giochini e altre utilty non sarebbe affatto male.
Comunque di ufficiale non c'é ancora nulla, certo che un eventuale chromebook touchscreen con tanto di pennino fà pensare ...
LMCH18 Ottobre 2016, 01:58 #7
Originariamente inviato da: acerbo
Bah, io invece non capisco a cosa serva una macchina dedicata per farci girare chrome, quando basta installare chrome su un qualunque OS.
Personalmente uso chrome su ubuntu e ci svolgo piu' o meno l'80% delle attività quotidiane, perché come giustamente dici ormai sta tutto sul web, ma non capisco cosa mi darebbe in piu' chrome OS.
Avere invece insieme a chrome applicazioni diverse da quelle integrate inel browser, giochini e altre utilty non sarebbe affatto male.
Comunque di ufficiale non c'é ancora nulla, certo che un eventuale chromebook touchscreen con tanto di pennino fà pensare ...


Chromeos ha il vantaggio che anche il SO viene semplificato e ridotto all'essenziale (è una distro Linux ridotta ai minimi termini) ed è molto più semplice ripristinare tutto alle condizioni iniziali e ricaricare i propri documenti ed app in automatico.

Premesso questo, ho da tempo due chuwi hi12, uno con Android (ed è quello che uso di più per il web, la lettura di documenti ecc.) ed uno ha Windows 10 ( che uso per tutta la roba che gira esclusivamente sotto Windows), non c'è confronto, Windows 10 per quanto snellito è pesante ha ancora troppa roba legacy nello stesso SO che rovina l'ergonomia complessiva dell'esperienza d'uso.
Ora che con Ubuntu 16.10 è possibile installare facilmente il supporto per il touchscreen del'hi12, appena ho tempo provo pure quello, ma non credo che rimpiazzerà Android, quest'ultimo ha un vantaggio enorme in termini di app che sfruttano bene l'UI touch, ma paradossalmente Ubuntu potrebbe far fuori Windows 10 sull'altro tablet (visto che alla fine lo uso principalmente per libreoffice, editare codice con qt creator e compilare roba per cui esistono toolchain anche per Linux, la roba davvero "solo su windows" è quella così pesante che è meglio farla girare sul notebook "per roba pesante", magari da gestire tramite vnc mentre sto stravaccato sul divano con il chuwi + tastiera pogo clip.

Quel che intendo dire è che è difficile trovare il mix/blend giusto tra una UI touch ed una "desktop"
(specialmente su hardware relativamente "leggero" )
pingalep18 Ottobre 2016, 08:47 #8
ma perchè la forza di un os dovrebbe essere la semplicità del ripristino? solo in macchine o so scadenti proni a crash senza soluzioni che non sia il ripristino questa è una feature.
detto questo la macchina si repsenta bene ma dopo il note 7 preferisco vederlo in giro per due tre mesi e poi valutare
AlexAlex18 Ottobre 2016, 09:20 #9
Originariamente inviato da: sterock77
Poi come rivoluzione mettono uno store da cellulare su un netbook, scelta prettamente commerciale per attirare utenza illusa di qualcosa di innovativo che non lo è. Per essere innovativo doveva rimanere al vecchio progetto full browser. Punto.


Nello store non ci sono solo giochini, anzi, ci sono anche parecchie applicazioni interessanti e solo alcune erano anche presenti tra le estensioni di chrome. In questo modo hanno quindi aggiunto un sacco di nuove possibilità e permettono agli sviluppatori di creare applicazioni per entrambi in un colpo solo.

Originariamente inviato da: acerbo
Bah, io invece non capisco a cosa serva una macchina dedicata per farci girare chrome, quando basta installare chrome su un qualunque OS.


cambia che gestire ubuntu o un qualunque altro OS "tradizionale" richiede tempo e competenze in più per gestirlo, configurarlo, aggiornarlo, ecc...
Al classico parente/amico che periodicamente incasina tutto e ti chiama, più spesso con windows anche causa virus e malware vari, per sistemargli il pc un chromebook va abenissimo, ci fa esattamente le stesse cose che comunque farebbe e nel caso peggiore fai un reset totale come sui telefonini e via...
Chiaro che un OS "tradizionale" permette anche molto di più, quindi per te è probabilmente una scelta migliore di un chromebook.

Originariamente inviato da: pingalep
ma perchè la forza di un os dovrebbe essere la semplicità del ripristino? solo in macchine o so scadenti proni a crash senza soluzioni che non sia il ripristino questa è una feature.
detto questo la macchina si repsenta bene ma dopo il note 7 preferisco vederlo in giro per due tre mesi e poi valutare

Diventa importante per il tipo di utenti a cui sono indirizzati, che anche se fanno qualche casino si sistema tutto in un attimo. Oppure in ambienti di lavoro in cui non servono grandi strumenti, magari basta gestire qualche documento e accedere a qualche applicazione web (database, gestionali, siti, ecc... ). Se un dispositivo si rompe in pochi minuti lo si sostituisce, tanto basta accenderlo ed inserire l'account.

Poi non so quanto da noi siano utilizzati, ma oltre al dispositivo c'è anche l'integrazione con servizi per il lavoro e soprattutto per la scuola, e forse questo è uno dei motivi del successo negli usa.
Marko#8818 Ottobre 2016, 09:53 #10
Originariamente inviato da: LucaLindholm
Fra 8 giorni e 18 ore Microsoft presenterà la nuova gamma [B][U]Surface[/U][/B] che sterminerà tutto ciò che c'è attualmente sul mercato (anche di App£e) e questi vorrebbero farne una pallida imitazione con Android???

Aahhahahahaha!!


Io trovo il Surface un bel prodotto e ogni tanto valuto l'acquisto ma lo sterminio di cui parli non si è visto in 4 versioni, dubito che all'improvviso tutti vorranno un Surface.

Originariamente inviato da: acerbo
Bah, io invece non capisco a cosa serva una macchina dedicata per farci girare chrome, quando basta installare chrome su un qualunque OS.
Personalmente uso chrome su ubuntu e ci svolgo piu' o meno l'80% delle attività quotidiane, perché come giustamente dici ormai sta tutto sul web, ma non capisco cosa mi darebbe in piu' chrome OS.
Avere invece insieme a chrome applicazioni diverse da quelle integrate inel browser, giochini e altre utilty non sarebbe affatto male.
Comunque di ufficiale non c'é ancora nulla, certo che un eventuale chromebook touchscreen con tanto di pennino fà pensare ...


Beh, in teoria un Chromebook può avere hardware poco potente dal basso costo e consumo. Per il cazzeggio e la produttività base compri un Chromebook a 3/4/500 euro e hai macchine scattanti con schermi decenti mentre roba con windows di quella fascia ti becchi i Celeron 1366*768 TN e hard disk meccanico che vanno meno di un cellulare...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^