Legno, pietra e metallo: MakerBot annuncia nuovi filamenti PLA compositi

Legno, pietra e metallo: MakerBot annuncia nuovi filamenti PLA compositi

Saranno resi disponibili nel corso del 2015 quattro nuovi filamenti PLA compositi che permetteranno di realizzare oggetti più accurati e prototipi più realistici. Annunciate inoltre alcune iniziative volte ad espandere l'ecosistema esistente

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:31 nel canale Periferiche
MakerBot
 

MakerBot, uno dei principali e più noti produttori di stampanti 3D, ha annunciato in occasione del CES di Las Vegas la prossima disponibilità di nuovi filamenti PLA compositi che permetteranno di realizzare oggetti ancor più accurati.

I filamenti compositi, che verranno immessi sul mercato nel corso del 2015, saranno divisi in tre categorie: metallo, legno, pietra. L'impiego di questi nuovi materiali, anche in forma combinata tra loro nel caso si abbia a disposizione una stampante a più estrusori, permetterà di realizzare prototipi più realistici. I filamenti compositi hanno riescono infatti a mostrare alcune delle proprietà del materiale aggiunto, quindi gli elementi stampati con filamenti compositi metallici possono essere magnetizzati.

Nel corso dell'anno saranno quattro i filamenti compositi rilasciati: Lime PLA+ (calce), Maplewood PLA+ (legno d'acero), Bronze PLA+ (bronzo) e Iron PLA+ (ferro). I filamenti saranno compatibili con le stampanti già esistenti, ma sarà necessario dotarsi di nuovi e appositi Smart Extruder che verranno rilasciati in concomitanza con la disponibilità dei nuovi materiali.

MakerBot ha inoltre annunciato numerose iniziative e collaborazioni che hanno lo scopo di estendere l'ecosistema esistente. Tra di esse si segnala l'avvio di nuovi servizi professionali di formazione, consulenza, progettazione e stampa, l'aggiornamento delle app esistenti e alcuni progetti di collaborazione per dimostrare le potenzialità della prototipazione rapida. Maggiori informazioni sono disponibili sul blog ufficiale della compagnia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Zenida10 Gennaio 2015, 00:28 #1
Molto interessante leggere di sviluppi in questo settore, anche se avrei gradito un approfondimento maggiore sulla composizione del materiale.

Resta comunque un materiale plastico immagino con un mix di altri materiali che richiamano il legno, metallo, ecc.. o cosa???
awvqa12 Gennaio 2015, 02:37 #2

...

attendiam il pla filigrana, giusto per rilanciare un po' i consumi...
LMCH12 Gennaio 2015, 02:49 #3
Originariamente inviato da: Zenida
Molto interessante leggere di sviluppi in questo settore, anche se avrei gradito un approfondimento maggiore sulla composizione del materiale.

Resta comunque un materiale plastico immagino con un mix di altri materiali che richiamano il legno, metallo, ecc.. o cosa???


Si tratta di PLA con polveri dei vari materiali descritti.
In questo modo gli oggetti finiti hanno un aspetto che a prima vista non sembra plastica (e nel caso dei PLA "ferrosi" appaiono feromagnetici, quindi si possono "bloccare" con magneti ecc.).

Insomma, si è ben lontani dalle stampanti 3D industriali che costruiscono oggetti con polveri metalliche sinterizzate direttamente con un laser.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^