La crisi dei chip colpisce anche i router, ritardi superiori a un anno per le consegne

La crisi dei chip colpisce anche i router, ritardi superiori a un anno per le consegne

Gli operatori telefonici stanno registrando un ritardo di 60 settimane nella consegna di router a causa della crisi che sta colpendo la produzione di chip.

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Periferiche
 

Anche i router sono coinvolti nel ciclone che ha travolto il mondo della produzione di chip e che sta creando problemi in tutti i settori, dalle auto alla tecnologia di consumo come schede video e console. Secondo quanto riportato da Bloomberg, i provider di connettività "stanno registrando ritardi di oltre un anno" per quanto riguarda gli ordini di router Internet. Si parla di attese fino a 60 settimane.

Il possibile esaurimento dei router è un tema critico per gli operatori telefonici, in quanto potrebbe impedire o frenare la stipula di nuovi abbonamenti con i clienti in un momento molto favorevole, con aziende, enti pubblici e singole persone alla ricerca di connessioni migliori per supportare le attività di smart working e didattica a distanza (DAD).

Karsten Gewecke, responsabile delle attività regionali europee di Zyxel Communications, ha affermato che dopo il blocco della produzione un anno fa in Cina, la situazione è diventata caotica perché parallelamente si è verificata un'impennata della richiesta di migliori apparecchiature di rete. A partire da gennaio, i produttori di chip hanno iniziato a chiedere ai clienti di ordinare con un anno in anticipo.

Alcune aziende hanno cercato di fare quanto più magazzino possibile per non ritrovarsi a corto di router. Nessun provider ha ancora esaurito totalmente i router, ma con una filiera così problematica è un'eventualità che non si può escludere. "Vi siamo stati molto vicini diverse volte", ha detto Gewecke, "potrebbe ancora succedere". L'imprevisto è poi sempre dietro l'angolo: i router Zyxel, ad esempio, si trovavano a bordo della nave Ever Given che ha bloccato il Canale di Suez.

Hock Tan, amministratore delegato di Broadcom, tra i principali progettisti di chip di rete, ha dichiarato il mese scorso che circa il 90% della capacità per il 2021 era già stata ordinata. "Quando parlo con alcuni dei fornitori di chipset, alcuni di loro mi dicono che hanno un overbooking del 300% della loro capacità", ha aggiunto il dirigente europeo di Zyxel.

Oltre all'alta domanda c'è un problema di allocazione della scarsa capacità: i produttori di semiconduttori come TSMC privilegiano la produzione dei chip che garantiscono margini più alti, mettendo in secondo piano quelli meno redditizi. I chip per i router hanno margini inferiori rispetto a quelli per smartphone e PC, di conseguenza la loro produzione non è in cima alle priorità. A esserne maggiormente colpiti sono gli operatori di telecomunicazioni più piccoli, in quanto i provider più grandi possono sfruttare la loro scala e il potere d'acquisto per ottenere forniture più regolari.

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
\_Davide_/12 Aprile 2021, 10:27 #1
Pazienza si fosse parlato di modem o ONT, ma quella di vendere un router per ogni nuovo contratto è solo una pratica scorretta degli operatori: quelli attuali possono andare benissimo per gli anni a venire
canislupus12 Aprile 2021, 10:37 #2
Per la maggior parte delle persone l'esigenza di cambiare router è prossima allo zero... salvo cambio di tipologia di connessione (da rame a fibra ottica).
Onestamente sto usando un router fornito dal mio provider non per scelta, ma perchè qualche anno fa facevano così e te lo imponevano in bolletta.
Spero fortemente che le cose siano cambiate.
Perseverance12 Aprile 2021, 10:55 #3
@Manolo De Agostini
C'è uno stop alla produzione di semiconduttori dovuto, oltre ai problemi della cina, anche alla siccità straordinaria che sta colpendo quei paesi dove solitamente vengono prodotti. L'acqua viene dirottata per altri scopi (salute, ospedali, cibo, ...) e viene tolta alle fabbriche di chip a cui viene imposto lo stop alla produzione. Nello specifico si parlava proprio di apparecchiature di rete ma anche decoder satellitati, dvb-t2 e tutta quell'attrezzatura ausiliaria all'elettronica moderna. La notizia è stata data qualche settimana fa e battuta sulle più importanti testate, io ricordo di aver letto qualcosa su Repubblica. Come mai non viene scritto nulla nell'articolo? Si tratta di altro?
agonauta7812 Aprile 2021, 11:36 #4
Non se ne accorgerà nessuno, tanto per quanto riguarda l'Italia, ci sono magazzini pieni di router obsoleti da vendere. Gli operatori li cambiano ogni 5 anni almeno, quando va bene
Sp3cialFx12 Aprile 2021, 12:16 #5
classico caso in cui si punta il dito alla luna e si guarda il dito

il problema non sono "si ma tanto non ho bisogno di un router nuovo / mi va bene quello vecchio", è che la crisi dei semiconduttori è così grave che ci sono ripercussioni su prodotti che conosciamo tutti... un mesetto fa cercavo delle antenne AC (servono per fare collegamenti punto punto su lunga distanza) e non c'è stato verso di trovarne, adesso i router, Samsung parla di non far uscire i Note quest'anno perché non ci sono i chip... insomma, è una situazione che non ha precedenti, anche se non vi serve cambiare il router (poi se vi si brucia "oh, e adesso?"... che è la situazione in cui mi sono trovato con l'antenna in questione).
Varg8712 Aprile 2021, 12:25 #6
Meno router di m. e spesso blindati fatti strapagare in comode rate. Chissà che finalmente si ritroveranno contratti senza modem router.
L'unica cosa positiva.
agonauta7812 Aprile 2021, 12:29 #7
Il mercato consumer non se ne accorgerà. La fascia di utenza che cerca dispositivi di fascia alta sposterà l'acquisto a quando ci sarà la disponibilità o si accontenterà di prodotti di fascia inferiore. Questo vale per le schede video amd, ssd, Nvidia, ruoter, ps5 e via dicendo. Stiamo parlando di un'utenza così piccola numericamente che non fa testo
giovanni6912 Aprile 2021, 13:08 #8
Chissà che altro ci potrebbe essere su quella Ever Given...
Magari anche parecchie stampanti.

E le autorità egiziane hanno portato un conto di 1$bln da pagare per lasciarla passare...
agonauta7812 Aprile 2021, 13:32 #9
Oramai basta che dall'altra parte del mondo qualcuno molli una scorreggia per trovare la scusa per aumentare i prezzi di questo o quel componente o per giustificare la bassa produzione di un prodotto. Machissenefrega a questo punto
Techie12 Aprile 2021, 14:37 #10
Boh, io di 'sta cosa della carenza di chip ne sento parlare da mesi e mesi... che sia dovuta alla siccità non ci credo manco se lo vedo... sembra, da non addetto ai lavori, più un modo per cercare di alzare artificialmente i prezzi controllando l'offerta. Poi magari mi sbaglierò.

@Giovanni69 devono ancora stabilire se il comandante abbia aumentato la velocità (una volta avvertite le raffiche) sua sponte o su consiglio dei due (2) piloti del canale che erano a bordo per supervisionare le manovre.
La richiesta di risarcimento miliardaria prima che una commissione d'inchiesta - meglio se indipendente - appuri la dinamica dei fatti mi sa tanto di prepotenza.

Comunque se ne interessa anche la NTSB... manderanno Greg Feith (sì, si occupa di aerei, ma chissenefrega), così poi ci fanno la puntata di Meidei Watercrasc Investigheiscion e vediamo tutti com'è andata davvero

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^