Sony taglierà 8000 posti di lavoro

Sony taglierà 8000 posti di lavoro

Le cattive notizie, causate da un trimestre finanziario non certo facile, si susseguono e tocca ora al colosso giapponese, costretto a importanti tagli sulla propria forza lavoro

di pubblicata il , alle 13:46 nel canale Multimedia
Sony
 

Dopo il responso ottenuto dalla chiusura della borsa Nipponica, Sony ha annunciato misure per rinforzare la propria struttura societaria, lasciando presagire qualche azione drastica. Citando le parole esatte del colosso giapponese: "series of measures to strengthen its corporate structure and bolster profitability across the Sony Group. These initiatives are in response to the sudden and rapid changes in the global economic environment.". Misure importanti, dettate quindi dalla situazione dell'economia mondiale, di certo non in uno dei momenti migliori della storia.

Sony ha stimato di dover ridurre i costi di circa 100 miliardi di yen, il corrispettivo di poco più di un miliardo di dollari, con il cambio attuale, entro il 31 Marzo 2010. La maggior parte dei tagli sarà effettuata sul ramo definito "electronic business": il colosso nipponico diminuirà gli investimenti per lo sviluppo di sensori CMOS e ha cancellato piani di espansione, compreso quello che prevedeva la prossima apertura di una fabbrica per la produzione di TV LCD per il mercato europeo. In totale Sony ridurrà gli investimenti nel business elettronico di circa il 30%.

La "riqualificazione" societaria non si ferma alla riduzione di investimenti, ma prevede anche la chiusura di circa il 10% delle sue 57 fabbriche, sempre entro il 31 Marzo 2010. Il processo porterà ad una razionalizzazione del personale, che, a spanne, comporterà il licenziamento di 8000 dipendenti dei suoi attuali 160.000 impiegati.

Il caso di Sony potrebbe rappresentare, secondo l'opinione di molti, non un semplice caso isolato ma soltanto la punta dell'iceberg: nei primi mesi del 2009 saranno altre le società che comunicheranno la propria "riqualificazione".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

85 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Scezzy10 Dicembre 2008, 13:51 #1
In tutto il mondo si parla di 900.000 posti di lavoro che andranno in fumo nel 2009 o mi sbaglio ? Quindi e' ovvio che questa e' solo la punta di un iceberg.
SwatMaster10 Dicembre 2008, 14:00 #2
Che schifo. Vergogna.
Puddo10 Dicembre 2008, 14:05 #3
Che schifo?Vergogna??Perchè mai?Mica Sony è una società no-profit,cosa dovrebbero fare?Andare in perdita?Fallire?
coschizza10 Dicembre 2008, 14:07 #4
Originariamente inviato da: SwatMaster
Che schifo. Vergogna.


hai ragione avrebbero dovuto fare come in italia quindi ostinarsi di salvere quei 8.000 e poi mandare a casa 160.000.

ma noi siamo oltre altro che america
mtk10 Dicembre 2008, 14:11 #5
son tutti capaci di dare sostegno ai lavoratori con i soldi degli altri....se un azienda deve tagliare posti e' meglio che lo faccia subito,prima che sia troppo tardi e debba poi fallire e lasciare tutti a casa.
ma certa gente non capira' mai certi discorsi,certa gente pensa che le fabbriche crescano dal nulla e l imprenditore sia' li a rubare i soldi agli operai.....
fabrizioq10 Dicembre 2008, 14:13 #6
Originariamente inviato da: SwatMaster
Che schifo. Vergogna.

Gia' dovevano fare come in Italia che per salvare gli 8000 dell' Alitalia, affossano migliaia di aziende
che a loro volta licenzieranno come minimo 100.000 persone.
Che deve fare Sony? mica e' una ONLUS.....
mjordan10 Dicembre 2008, 14:18 #7
Originariamente inviato da: SwatMaster
Che schifo. Vergogna.


Meglio 8000 che una corporation intera affossata. Che poi per la maggior parte secondo me stanno a prendere pure la palla al balzo per fare una bella ripulita di impiegati parenti del direttore tecnico, che conoscono la cugina del commerciale, che si era innamorata del trade marketing specialist, la cui sorella conosceva il capo filiale... Stai tranquillo che per la gente che vale, in un'azienda, ci si ripensa cinque volte prima di interrompere una collaborazione.

Ovvio che non è sempre cosi e la situazione non è generale, perchè in crisi ci siamo veramente. Ma vogliamo contare le posizioni duplicate all'interno di grandi corporazioni? Gente che prende lo stipendio per stare seduta a una sedia a non fare un'emerito cazzo? Io ne conosco parecchie di queste realtà.
Stevejedi10 Dicembre 2008, 14:18 #8
magari come buona uscita gli danno una PS3 vista l'attuale diminuzione delle vendite, liberano un pò il magazzino :P
tokun10 Dicembre 2008, 14:19 #9
Originariamente inviato da: coschizza
hai ragione avrebbero dovuto fare come in italia quindi ostinarsi di salvere quei 8.000 e poi mandare a casa 160.000.

ma noi siamo oltre altro che america



quoto, e aggiungo per poi alzare le tasse a tutti gli italiani per pagare il sussidio a quei 160000

noi proprio facciamo schifo a soluzioni di salvataggio
imperatore_bismark10 Dicembre 2008, 14:26 #10
mi dispiace per quelle persone che perderanno il lavoro, ma io odio sony...quindi può anche fallire!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^