Samsung fuori dal mercato dei lettori Blu-ray: arriva la conferma ufficiale

Samsung fuori dal mercato dei lettori Blu-ray: arriva la conferma ufficiale

Samsung ha anticipato l'uscita dal mercato dei lettori Blu-ray, confermando a diverse fonti che non ci sono piani su modelli futuri non ancora commercializzati

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Multimedia
Samsung
 

Con l'arrivo della banda ultra-larga, del digital delivery e dello streaming online è diventato sempre più chiaro che i dischi ottici vecchia scuola sono destinati a scomparire. Magari non all'improvviso e con tempi di transizione piuttosto lunghi, ma il loro destino sembra inevitabile. E con lo stop alla produzione da parte di Samsung lo standard più moderno basato sui dischi ottici, il Blu-ray, ha appena fatto un passo in più verso la bara.

Il colosso coreano ha infatti dichiarato a Forbes che ha smesso di produrre lettore Blu-ray 4K Ultra HD, e CNET è riuscita a confermare la notizia anche per quanto riguarda i modelli compatibili con la risoluzione Full HD. Un portavoce della compagnia avrebbe infatti rivelato alla fonte che "Samsung non lancerà nuovi player Blu-ray o Blu-ray 4K nel mercato americano". La morte del Blu-ray potrebbe quindi avvenire dall'oggi al domani?

Non corriamo troppo. È infatti possibile che Samsung continuerà a produrre i modelli attualmente in commercio ancora per mesi, forse anni, o ancora potrebbe lanciare nuovi modelli in mercati esterni non USA. È chiaro però che lo stop allo sviluppo di nuove tecnologie stabilisce l'uscita dal mercato da parte del colosso, proprio come Oppo aveva fatto lo scorso mese di aprile, con la differenza che l'uscita di Samsung è molto più reboante.

Samsung è stata la prima a lanciare un lettore Blu-ray 4K in commercio nel 2016, e potrebbe essere una fra le prime a uscire dal business. E i motivi sono chiarissimi: la vendita di dischi è in calo su tutte le statistiche condotte negli ultimi mesi, e Blu-ray e DVD non hanno scampo. Secondo una ricerca di Nielsen dell'ultimo trimestre del 2018 c'era un lettore ottico nel 66% delle case con un TV, stima in calo rispetto al 72% dell'anno precedente.

Ma il dato più sconfortante, per le tecnologie ottiche, è un altro: i DVD/Blu-ray nelle case degli americani non vengono utilizzati. In media, infatti, gli adulti statunitensi trascorrono solo 5 minuti al giorno delle loro attività su schermo attraverso un disco ottico. Il tutto a favore dei servizi di streaming anche per quanto riguarda i servizi 4K, il cui prezzo medio è diminuito sensibilmente nel corso dei dodici mesi precedenti allo studio di Nielsen.

Per alcuni utenti il disco fisico rappresenta ancora oggi il miglior modo per fruire di contenuti multimediali, sia sul piano della qualità, sia su quello dell'esperienza in sé (l'acquisto e il possesso di un qualcosa di fisico, oltre al fatto dell'inserimento del disco prima della visione). Ma la maggior parte degli utenti considera irrilevante il valore aggiunto del disco fisico, considerando lo streaming come il miglior compromesso per la visione multimediale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pipperon19 Febbraio 2019, 12:09 #1
da un'azienda irrilevante, se non avesse quote di mercato bulgare, sarebbe solo un bene.
il consumatore oggi ha cio' che si merita.
Voglio vedere gli amanti dei "tanti picsel" dove trovano i 50Mbps per alimentare un 1080 a bassa qualita'.
cronos199019 Febbraio 2019, 12:23 #2
Originariamente inviato da: pipperon
da un'azienda irrilevante, se non avesse quote di mercato bulgare, sarebbe solo un bene.
il consumatore oggi ha cio' che si merita.
Voglio vedere gli amanti dei "tanti picsel" dove trovano i 50Mbps per alimentare un 1080 a bassa qualita'.
Un filmato 4k di 2 ore non compresso sta sui 30 GB di spazio (mediamente). Considerando un flusso dati costante, serve una banda di 4,17 MB/sec. Una 50Mbps ti permette 6,25 MB/sec.

Penso sia chiaro dove voglio arrivare. Le linee in fibra attuali permettono ampiamente di avere contenuti in 4k non compressi (e generalmente sono compressi anche sui BR che compri). Quindi il discorso è solamente su quello che i servizi di streaming offrono: la tecnologia per veicolare al meglio il segnale esiste.


La fibra di casa mia, che funziona bene ma non è certo di chissà quale livello (cabinet piuttosto distante, di tipo FTTC), arriva intorno ai 70 Mbps.
LkMsWb19 Febbraio 2019, 13:47 #3
Originariamente inviato da: cronos1990
Un filmato 4k di 2 ore non compresso sta sui 30 GB di spazio (mediamente). Considerando un flusso dati costante, serve una banda di 4,17 MB/sec. Una 50Mbps ti permette 6,25 MB/sec.

Penso sia chiaro dove voglio arrivare. Le linee in fibra attuali permettono ampiamente di avere contenuti in 4k non compressi (e generalmente sono compressi anche sui BR che compri). Quindi il discorso è solamente su quello che i servizi di streaming offrono: la tecnologia per veicolare al meglio il segnale esiste.


Un filmato non compresso occupa anche 10GB/minuto in 4k, i blu-ray sono ovviamente già compressi di loro (h.264 i BR classici, h.265 i 4k/HDR). E comunque hanno bitrate più alti di quello che stimi, un BR di un classico film FullHD spesso ha 30-35GB di film, quelli 4k di più. Certo, c'è anche l'audio lossless di mezzo che di suo si prende 4-7Mbit/s.

Ma il problema principale al di là della media sono i picchi di bitrate, che su BR sono anche altissimi, e che su streaming devi per forza bloccare. Infatti la differenza di qualità la percepisci proprio in queste scene difficili. Con 4k HDR la 70Mbit non ti coprirebbe quei picchi. Quindi rientra il discorso di mettere un certo buffer etc. etc., in sostanza la cosa è un po' più complicata, ecco.

EDIT: senza contare che o abiti solo, o probabilmente c'è qualcun'altro che usa la stessa linea.
gd350turbo19 Febbraio 2019, 14:02 #4
Tempo fa avevo provato "ready player one", dico che strano a volte si blocca poi doopo un pò riparte...
Vado a vedere le caratteristiche del file, e vedo che ha un bitrate sui 100 Mbit...
DakmorNoland19 Febbraio 2019, 14:10 #5
Dalla mia esperienza personale, ben venga lo streaming, onestamente su LG TV c'è Rakuten, non paghi nulla e hai la qualità paragonabile alla Apple TV. Personalmente non credo si noti alcuna differenza tra Blu Ray 4k e un film 4k su Rakuten, che supporta anche HDR e Dolby Vision.

Al contrario su Netflix la qualità è piuttosto altalenante e non mi sembra all'altezza, soprattutto parlo dei contenuti in 4k, decisamente inferiori a Rakuten TV. Forse dovuto al diverso codec utilizzato.

Grossa differenza si ha invece lato audio, ma purtroppo anche su molti BR 4k (tipo quelli della Warner) molto spesso la traccia italiana è uno scarso Dolby Digital 5.1, quindi soprattutto per noi italiani la differenza con lo streaming sarebbe ridotta. Certo che se invece parliamo di quei pochi film in Dolby Atmos senza compressione in italiano, allora è un altro discorso, o anche per chi guarda in lingua inglese originale.

Io proprio per evitare tali problemi ho un ottimo impianto 2.1, ma evito 5.1 o altro che tanto con le tracce pietose che abbiamo in italiano, verrebbero sfruttati poco o niente.

Tornando allo streaming, il vero problema è mantenere una buona continuità del bitrate lato server. Ad esempio su Rakuten TV dove la qualità è a dir poco superlativa, mi succede spesso di avere 1-2 buffering su 2 ore di film e se capitano in certi punti sono davvero fastidiosissimi!!! La mia connessione va a 65 mega e 20+ in upload e durante questi buffering non avevo nessun altro connesso e la connessione era perfettamente stabile. Infatti su Netflix anche su film in 4k Dolby Vision non mi è mai e dico mai successo che bufferizzasse o che la qualità peggiorasse durante la visione. Quindi tendo a pensare che sia un problema lato server di Rakuten TV, d'altronde si vede subito che i flussi video che usano sono molto più pesanti e definiti di quelli utilizzati da Netflix, visto che sono ampiamente paragonabili ad un BR 4k, quindi immagino che sia anche più difficile per loro erogare un flusso continuo a tutti gli utilizzatori, specie in certi orari.

Quindi quando avremo un servizio come Rakuten senza buffering, sicuramente mi troverò d'accordo con il definitivo passaggio allo streaming, che peraltro sto già usando con grande soddisfazione.

Ho deciso comunque di prendere un lettore BR 4k per poter leggere i miei BR 1080p ma anche per poter vedere Planet Earth II, che in streaming 4k non ho trovato da nessuna parte. Inoltre ritengo che se il prezzo fosse simile all'online, preferirei avere la copia fisica, proprio per evitarmi buffering e altre noie. C'è comunque da dire che anche i lettori UHD possono soffrire di blocchi o altri problemi, proprio per la complessità dei vari strati di cui è costituito un disco UHD.

Staremo a vedere!

Originariamente inviato da: gd350turbo
Tempo fa avevo provato "ready player one", dico che strano a volte si blocca poi doopo un pò riparte...
Vado a vedere le caratteristiche del file, e vedo che ha un bitrate sui 100 Mbit...


Provato come? Parli del BR UHD?
pipperon19 Febbraio 2019, 18:22 #6
Originariamente inviato da: cronos1990
Un filmato 4k di 2 ore non compresso sta sui 30 GB di spazio (mediamente). Considerando un flusso dati costante, serve una banda di 4,17 MB/sec. Una 50Mbps ti permette 6,25 MB/sec.
Penso sia chiaro dove voglio arrivare. Le linee in fibra attuali permettono ampiamente di avere contenuti in 4k non compressi (e generalmente sono compressi anche sui BR che compri). Quindi il discorso è solamente su quello che i servizi di streaming offrono: la tecnologia per veicolare al meglio il segnale esiste.
La fibra di casa mia, che funziona bene ma non è certo di chissà quale livello (cabinet piuttosto distante, di tipo FTTC), arriva intorno ai 70 Mbps.


Caro, gia' solo come gestisci le unita' di misura identifica quanto sei lontano da cio' che pensi di sapere.

1) il BD non solo e' compresso, ma maledettamente compresso. Tanto che era una beta con 50Mbps MOLTO compressi, la versione definitiva, mai decollata, promessa al lancio era da 217Mbps compressi per il 1080. Proporzionalmente per il 4k compressi ne servono 200 e 1200Mbps

2) il 1080 servono, non compressi, 3Gbps
3) il 4k non compressi servono 12Gbps

adesso mi spieghi quale caxxo di connettivita' ti da 12000Mbps quando netflix ti da una media italiano di 3Mbps. Al massimo tu puo' garantire un PAL molto scrauso: un DVD sono 8Mbps e una videocassetta consumer PAL (576) 24Mbps

Dove tu vedi la possibilita' di fare con una adsl da 70Mbps un segnale decoroso (giusto per il PAL?) visto che un palazzone da 100 famiglie genererebbe un flusso che massacra comunque molte dorsali.

pero' se tu pensi che una compressione monstre sia il non compresso... sei un selfista.
Calcola quanti fotogrammi sono forniti con il 4k a 5Mbps (molti streaming) usando lo spazio di un fotogramma non compreso
DakmorNoland19 Febbraio 2019, 20:57 #7
Pipperon ma dove hai trovato queste info? Comunque che io sappia gli attuali BR 4k che sono codificati in h265 hanno picchi massimi fino a 120 mbps, quindi gestibili da una buona connessione internet, almeno apparentemente, perchè le cose sono moooolto più complesse.

Ad esempio ci vuole anche un tempo di risposta sempre al top, un minimo picco in alto di tale valore, può dare buffering o mille altri problemi. D'altronde un video h265 in 4k mette in difficoltà addirittura un hard disk usb 3.0 da 5400rpm e 8MB di cache. Infatti ho notato che dopo 1 minuto di riproduzione inizia ad andare a scatti senza mai smettere, cioè diventa impossibile riprodurre il file. Quindi ci va minimo un disco da 7200rpm e 16MB di cache per avere una riproduzione continua soddisfacente di un h265 equivalente alla qualità di un Blu Ray 4k. Insomma per decodificare in tempo reale e mandare tutto a video ci vuole tanta potenza, che è difficile ottenere in uno streaming diretto.

Come dicevo comunque servizi come Rakuten TV o Apple TV ti danno una qualità praticamente identica a quella di un BR 4k da quello che ho potuto testare, esclusa ovviamente la parte audio che è quella che è, in ogni caso il risultato è ottimo, ma chiaramente sfruttano file più compressi, anche se non so quale codec usino, il problema è che anche questi sistemi su connessione performante, soffrono occasionalmente di buffering, per il discorso che facevo prima. Parliamo appunto di file molto pesanti, che addirittura certi dischi meccanici fanno fatica a gestire senza stutterare.
gd350turbo19 Febbraio 2019, 21:05 #8
Originariamente inviato da: DakmorNoland

Provato come? Parli del BR UHD?

Messo su hd e poi collegato al tv box android, che probabilmente non tiene quel bitrate
pipperon20 Febbraio 2019, 00:32 #9
Originariamente inviato da: DakmorNoland
servizi come Rakuten TV o Apple TV ti danno una qualità praticamente identica a quella di un BR 4k


Premesso che in 4k un BD (come vedi dal simbolo una b incistata in una D) e' di fatto poca roba, in pratica la versione paciugata per il 4k ha un bitrate inferiore alla versione che era prevista alla presentazione per l'HD, fai 2 conti.
Hai dei server che sono connessi mostruosamente con CDN e tutto.
Un bitrate medio di 50 come un BD base con picchi a sfiorare i 100 vuol dire una connessione almeno da 500. Ricordiamo infatti che non solo hai un impacchettamento dei dati sul protollo IP ma anche tutto un signaling a vari livelli che porta via un 20%. In piu' la connessione non e' garantita per quelle velocicita'.
Anche ammettendo che la tua adsl-fibra-o cosa cappero, riesca a mantenere fino all'armadio 100Mbps se e' l'arrivo di un casermone da 100 famiglie con 150TV parliamo di 15Gbps. ora a te forse non dicono nulla, ma un semplice switch per gestire quella follia costa qualche migliaio di euretti.
Prova ad immaginare cosa avviene a livello di isolato o, peggio, di una citta' come milano.
questo e' il motivo per il quale non so, perche non ho mai alnalizzato i 2 servizi che mi dici, ma se vai sul sito di rakunen l'HD anziche a 200Mbps puliti (300 di cavo, 1000 di adsl) come merita dichiarano di fornire, tratteniamo le risate, HD con 5 Mbps.

Poi, certo, e' impossibile (per un setup standard) vedere la differenza fra un PAL e un 4k su di un 40", figuriamoci vedere la differenza fra un 10Mbps e un 600Mbps di un HDD come quello di un cinema.

PS
Per uso AV la presa del mouse (aka USB) e' il male. Connetti quel povero HDD con una presa seria e poi vedrai che se non e' deframmentato alla windoze riesce. Un HDD moderno con la densita' che ha e' piuttosto veloce se non e' del tipo a basso consumo.
cdimauro20 Febbraio 2019, 08:21 #10
Ha ragione Pipperon: 4K (UltraHD, in realtà a 60fps a 8 bit per componente cromatica richiedono 3840*2160*60*3 = 11,9Gbit/s = 1.5GB/s. Quindi per forza di cose è impossibile poter memorizzare un intero film senza alcuna compressione (raw).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^