La Commissione Europea ancora sui DRM

La Commissione Europea ancora sui DRM

Apertura dei sistemi e diritto di recesso: la Commissione Europea prossima alla discussione di questi argomenti relativi alla vendita di musica online

di pubblicata il , alle 10:49 nel canale Multimedia
 

La Commissione Europea sottolinea nuovamente la propria posizione in merito ai sistemi DRM, esplicitando la propria contrarietà ai sistemi chiusi, come l'ecosistema iPod-iTunes di Apple. "Trovate ragionevole poter riprodurre un CD in qualunque riproduttore ma poter ascoltare un brano di iTunes solamente su un iPod?" è la posizione di Meglena Kuneva, Commissario EU per la Protezione dei Consumatori, emersa nel corso di un'intervista riportata sulla rivista tedesca Focus.

Secondo l'EU è auspicabile un mercato in cui i prezzi siano competitivi, i contratti di vendita siano equi e soprattutto confrontabili tra loro, oltre all'introduzione di una sorta di "diritto di recesso" (del quale abbiamo già discusso in questo focus) che definisca un periodo durante il quale i consumatori abbiano la possibilità di restituire il brano acquistato.

Un altro obiettivo della Commissione Europea è quello di unificare e armonizzare tutte le diverse leggi per la salvaguardia dei consumatori sotto un unico cappello pan-europeo. Ed è proprio in questo contesto che si dovrebbe inserire la nuova proposta di istituire il periodo di recesso per i brani acquistati online. Attualmente l'EU sta considerando la possibilità di fare leva sul problema dell'interoperabilità tra riproduttori multimediali per convincere i rivenditori online ad accettare questa proposta.

La Commissione inoltre punta all'apertura dell'ecosistema iPod-iTunes, sulla scia delle numerose iniziative intraprese dalle associazioni consumatori di diversi paesi europei, come Norvegia, Germania e Francia. Kuneva ha assicurato che le proposte saranno discusse a Bruxells nel corso della settimana.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
canislupus12 Marzo 2007, 11:05 #1
Beh in fondo non hanno tutti i torti. E' assurdo dover ogni volta usare un programma proprietario per caricare i brani ed essere vincolati ad un determinato riproduttore. D'accordo che la pirateria va combattuta, ma non a danno di chi onestamente compra i brani pagandoli. Se si continua di questo passo si incentivano anche gli onesti a diventare disonesti.
Automator12 Marzo 2007, 11:11 #2
beh, per l'ingordigia delle majors, a perderci sono quelli onesti che le caanzoni le comprano.... è una situazione abbastanza ridicola
diabolik198112 Marzo 2007, 11:12 #3
Era ora che si iniziasse a scardinale il mopolio dei DRM. Adesso resta da capire come reagirà tutto il sistema delle Major.
Manwë12 Marzo 2007, 11:35 #4
Lo sanno tutti che i politici fanno i favori delle Major e non dei cittadini.
Fx12 Marzo 2007, 12:32 #5
e sarebbe poi ora che sistemassero questa anomalia
Mde7912 Marzo 2007, 14:05 #6
Secondo me il diritto di recesso è una cavolata, uno deve poter ascoltare un'anteprima ma una volta acquistato com'è se lo tiene.
Poi sono curioso di sapere come pensano di implementarlo.
Dox12 Marzo 2007, 15:13 #7
Il problema :

Il signor Major chiama il classico giornale a tiratura internazionale :
-Qui perdiamo migliaia di miliardi per colpa della pirateria , la gente scarica 8-10 album a settimana invece che comprarli in negozio, dobbiamo difendere il diritto d'autore e restituire a chi fa musica la fatica e l'impegno ... il sistema sta per crollare stiamo morendo di fame...

La telefonata del Signor MAjor arrivava dal bordo piscina della sua 4° villa in provenza in quanto quella in california era in ristrutturazione , e sorseggiando una rum e coca finita la telefonata si butta in acqua con 2 brave donne a sguazzarci per le 2 ore restanti prima della cena al miglior ristorate della zona,ovviamente pesce....

Nel frattempo centinaia di musicisti e gruppi tecnicamente più bravi e preparati di britney spears lavorano 12 ore al giorno per arrivare a fine mese in un pub o al MC donald...

ecco questa è la foto poco rassicurante della attuale situazione.

chi vuol salvare questa situazione alzi la mano.... io no
Kivron12 Marzo 2007, 15:54 #8
Originariamente inviato da: Dox
chi vuol salvare questa situazione alzi la mano....io no


Nemmeno io.
Quoto TUTTO.
Sp4rr0W12 Marzo 2007, 17:13 #9
Originariamente inviato da: Dox
Il problema :


Nel frattempo centinaia di musicisti e gruppi tecnicamente più bravi e preparati di britney spears lavorano 12 ore al giorno per arrivare a fine mese in un pub o al MC donald...

ecco questa è la foto poco rassicurante della attuale situazione.

chi vuol salvare questa situazione alzi la mano.... io no


non dimentichiamo il ritorno dei take that di cui tutti sentivamo la mancanza

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^