Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

TSMC: il 2022 si chiude alla grande, ma la frenata è dietro l'angolo

TSMC: il 2022 si chiude alla grande, ma la frenata è dietro l'angolo

Il colosso taiwanese della produzione di semiconduttori per conto terzi, TSMC, ha chiuso il 2022 con un ottimo Q4 ma avverte: il primo semestre del 2023 farà segnare un rallentamento. Cresce la produzione con processi produttivi a 5 nanometri.

di pubblicata il , alle 08:51 nel canale Mercato
TSMC
 

TSMC, il più grande produttore di semiconduttori per conto terzi al mondo, ha chiuso il quarto trimestre fiscale 2022 con un fatturato di 19,93 miliardi di dollari, un miglioramento del 26,7% su base annua ma in calo dell'1,5% sul terzo trimestre (qui pesa il cambio tra NT$ e $). Il margine lordo si è attestato al 62,2%, il margine operativo al 52% e il margine di profitto netto al 47,3%. L'utile netto è cresciuto del 78%.

Nel quarto trimestre le consegne di wafer prodotti a 5 nanometri hanno raggiunto il 32% del fatturato totale, mentre i 7 nanometri si sono fermati al 22%. Bene anche la produzione con processi a 16 e 28 nanometri, ancora molto usati (automotive e non solo), con un peso rispettivamente sul fatturato del 12 e dell'11%.

"La nostra attività nel quarto trimestre è stata frenata dalla debolezza della domanda del mercato finale e dall'aggiustamento delle scorte dei clienti, nonostante la continua diffusione delle nostre tecnologie a 5 nm", ha affermato Wendell Huang, VP e Chief Financial Officer di TSMC. "Entrando nel primo trimestre del 2023, poiché le condizioni macroeconomiche generali rimangono deboli, prevediamo che la nostra attività sarà ulteriormente influenzata dalla continua debolezza della domanda del mercato finale e dall'ulteriore aggiustamento delle scorte da parte dei clienti".

Per il primo trimestre 2023 TSMC si aspetta quindi un fatturato tra 16,7 e 17,5 miliardi di dollari, con un margine lordo tra il 53,5% e il 55,5%. La società taiwanese prevede investimenti per il 2023 tra 32 e 36 miliardi di dollari: nel 2022 prevedeva di spendere 40 miliardi di dollari in Fab ed espansione della produzione, ma poi ha rivisto il dato a 36,3 miliardi di dollari. "Prevediamo che il ciclo dei semiconduttori toccherà il minimo nel primo semestre e assisteremo a una ripresa nella seconda metà del 2023", ha affermato il CEO CC Wei.

Lo stesso CC Wei ha commentato le voci, sempre più insistenti, sullo sbarco in Europa con l'apertura di uno stabilimento produttivo. "In Europa ci stiamo impegnando con consumatori e partner nel valutare la possibilità di realizzare una fabbrica focalizzata sulle tecnologie specifiche per l'automotive, sulla base della domanda degli utenti e del livello di sostegno che otterremo dai governi". D'altronde l'impianto potrebbe sorgere proprio in Germania, la patria dell'auto made in Europe.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8813 Gennaio 2023, 10:06 #1
Si come no ci crediamo, tanto fra una ladrata di prezzi e l'altra sono sicuro che ci guadagneranno rispetto all'anno precedente come sempre.
E' arrivato il momento di imporre un price cap.
Pandemio13 Gennaio 2023, 14:40 #2
Ma che c'entrano loro,sui prodotti finali mica ladrano loro! Anzi mi sembra strano un fatturato di soli 19 mld ! Vuol dire che i chip li vendono a poco visto l enorme domanda che hanno dai molti clienti! Tipo un chip per iPhone 50 dollari e poi a te ti vendono l iPhone a 1400 ?
Naybet El Hassir15 Gennaio 2023, 18:51 #3
20 miliardi li fanno in tre mesi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^