Naufraga il progetto per Taiwan Memory Company

Naufraga il progetto per Taiwan Memory Company

Il piano di istituire un produttore di memorie partecipato dal governo taiwanese potrebbe essere accantonato ancor prima di partire

di pubblicata il , alle 16:30 nel canale Memorie
 

Il progetto di istituire un produttore di memorie taiwanese con forte partecipazione del governo potrebbe giungere al capolinea prima ancora di partire. Secondo quando dichiarato da Bloomberg, il legislatore taiwanese ha rifiutato una pubblica richiesta di finanziamento chiedendo che il progetto venga accantonato.

"Il tempo per investire è ormai passato. Abbiamo chiesto al Ministro degli affari economici di fermare il progetto, il governo dovrebbe rsipettare la nostra decisione" ha dichiarato Ting Shou-chung, esponente del principale partito di maggioranza.

Il governo ha in realtà trovato ostacoli a questo progetto sin dal mese Marzo, dopo la scelta di non effettuare una fusione tra Nanya e Powerchip, i principali produttori del paese, e a seguito del mancato interesse di queste due realtà nella partecipazione al progetto.

Nel frattempo Elpida Memory, importante produttore giapponese, ha avuto la possibilità di stringere importanti accordi di "technology-for-capacity" con ProMOS e WinBond. In questa maniera Elpida ha impegnato gran parte della capacità produttiva delle due realtà taiwanesi per la realizzazione dei propri prodotti, lasciando così poche possibilità alla creazione di Taiwan Memory Company la quale, a questo punto, potrebbe non vedere mai la luce.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto13 Novembre 2009, 17:24 #1

tmc

se le due realtà di produzione non hanno interesse a collaborare,vuol dire che hanno rispettabilissimi margini di guadagno e ottime prospettive per il futuro
Goulash16 Novembre 2009, 08:32 #2
Originariamente inviato da: supertigrotto
se le due realtà di produzione non hanno interesse a collaborare,vuol dire che hanno rispettabilissimi margini di guadagno e ottime prospettive per il futuro


Non per contraddirti, ma secondo me sara' perche' le due realta' nazionali hanno rifiutato di partecipare al progetto in quanto il Governo ne avrebbe fatto parte, presumo con una quota azionaria maggiore del 50%.

Inoltre io condivido pienamente la bocciatura, ci sono oramai "troppe" aziende che chiedono stanziamenti governativi e poi gestiscono il patrimonio nazionale nel modo piu' egoistico e presuntuoso che si possa, vedi passaggi di proprieta' e cambi di denominazione solo per evitare il Fisco.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^