Memorie DDR2: alcuni produttori ancora cauti

Memorie DDR2: alcuni produttori ancora cauti

Alcuni produttori taiwanesi di memorie restano ancora cauti nello spingere la produzione in volumi di memorie DDR2 nonostante un buon tasso di penetrazione sul mercato

di pubblicata il , alle 08:58 nel canale Memorie
 

Nonostante il tasso di penetrazione sul mercato per quanto riguarda le memorie DDR2 sia cresciuto di undici punti percentuali nel corso della prima metà dell'anno 2005, alcuni produttori di memorie hanno stilato previsioni piuttosto conservative in merito ad una possibile ulteriore crescita e di conseguenza hanno deciso di ritardare i piani della produzione in volumi.

PSC (Powerchip Semiconductor Corporation) si aspetta di avviare la produzione in volumi delle memorie DDR2 alla fine del terzo trimestre, il che corrisponde ad un ritardo di due mesi rispetto i piani originari.

PSC ha intenzione di riorganizzare la capacità produttiva di memorie DDR2 e DDR, ma ciò avverrà non prima del quarto trimestre dell'anno. La compagnia, comunque, continua a tenere le memorie DDR come produzione primaria. PSC continuerà a seguire questa strada al fine di soddisfare la consistente domanda del mercato spot.

ProMOS Technologies prevede invece che le memorie DDR2 si diffonderanno come prodotti mainstream solo a partire dal primo trimestre del prossimo anno. La compagnia inizierà ad avviare la produzione pilota nel corso del mese attuale e la produzione di massa sarà invece avviata nel quarto trimestre.

Nanya Technology ha espresso previsioni più ottimistiche in merito alla produzione di memorie DDR2. La compagnia si aspetta di variare il rapporto di produzione tra DDR2 e DDR dall'attuale 45:55 a 65:35 nell'ultimo trimestre dell'anno.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sirus14 Luglio 2005, 09:32 #1
beh la spinta finale all'utilizzo delle DDR2 la darà il passaggio di AMD a questo tipo di memoria quindi credo che per il 2006 queste memorie saranno lo standard di fatto

interessante vedere il passaggio che Nanya vuola fare, 45:55 a 65:35 piuttosto forte dire
barabba7314 Luglio 2005, 09:44 #2
Anche io stavo osservando la stessa cosa: dal 45 al 65 è un bel salto...e ad oggi solo per i proci intel...una parte, neanche tutti...con il passaggio di AMD le DDR2 diverranno lo standard.
JohnPetrucci14 Luglio 2005, 10:05 #3
Anch'io penso che Amd darà la scossa finale in tal senso, ma le mie ddr dovranno durare il più possibile, visto che a livello di prestazioni non ci sono grosse differenze.
bjt214 Luglio 2005, 13:28 #4
Mah, visto che in America quasi il 50% di PC venduti sono notebook e che fino al Sonoma non c'era domanda di memoria DDR2, non mi sorprende questo dato. Purtroppo non è a causa di AMD (o almeno non principalmente per lei) che c'è questo ritardo: tra scorte di chipset e schede madri 865 (mio cugino è da pochi mesi che è passato ad assemblare PC con socket 775 e DDR2) e la questione portatili, più AMD... Ecco il risultato.
mjordan15 Luglio 2005, 06:03 #5
Originariamente inviato da: sirus
beh la spinta finale all'utilizzo delle DDR2 la darà il passaggio di AMD a questo tipo di memoria quindi credo che per il 2006 queste memorie saranno lo standard di fatto

interessante vedere il passaggio che Nanya vuola fare, 45:55 a 65:35 piuttosto forte dire


Infatti
mjordan15 Luglio 2005, 06:04 #6
Originariamente inviato da: JohnPetrucci
Anch'io penso che Amd darà la scossa finale in tal senso, ma le mie ddr dovranno durare il più possibile, visto che a livello di prestazioni non ci sono grosse differenze.


Effettivamente sarebbe proprio che uno se le vuole cambiare perchè senno' le DDR vanno ancora una bomba.
mjordan15 Luglio 2005, 06:05 #7
Originariamente inviato da: bjt2
Mah, visto che in America quasi il 50% di PC venduti sono notebook e che fino al Sonoma non c'era domanda di memoria DDR2, non mi sorprende questo dato. Purtroppo non è a causa di AMD (o almeno non principalmente per lei) che c'è questo ritardo: tra scorte di chipset e schede madri 865 (mio cugino è da pochi mesi che è passato ad assemblare PC con socket 775 e DDR2) e la questione portatili, più AMD... Ecco il risultato.


Il fatto è che produrre in volumi per un mercato planetario non dovrebbe essere poi una cosa tanto semplice....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^