Tecnologie a 28 e 20 nanometri per i prodotti AMD del 2015

Tecnologie a 28 e 20 nanometri per i prodotti AMD del 2015

Mark Papermaster, CTO di AMD, conferma come per l'azienda americana non sia più importante adottare tecnologie produttive più innovative per i propri prodotti., ma ottenere il miglior bilanciamento possibile tra funzionalità e costi

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 17:01 nel canale Processori
AMD
 

Quello dell'ICT è un mercato che è caratterizzato da annunci di nuovi prodotti, destinati al pubblico consumer come a quello professionale, portati avanti con una periodicità predefinita e che catturano l'attenzione degli utenti. Dietro i numerosi annunci di vari prodotti troviamo però molta innovazione, soprattutto con riferimento alle tecnologie produttive.

Se uno o più chip sono spesso il cuore di qualsiasi prodotto della nostra industria è evidente come l'evoluzione di servizi e funzionalità debba passare attraverso nuove architetture, costruite con tecnologie produttive che nel corso degli anni diventano sempre più sofisticate. Da questo l'importanza nella scelta del processo produttivo: ad una sua maggiore complessità corrisponde in genere la possibilità di integrare un numero crescente di funzionalità nel chip e quindi nel prodotto.

D'altro canto una tecnologia produttiva più sofisticata implica costi maggiori e, quantomeno nella fase inziale di implementazione, alcune difficoltà nell'ottenere elevate rese produttive. E' anche con questo spirito che AMD ha da alcuni anni a questa parte scelto di non partecipare ad una sorta di competizione con le altre aziende del settore per l'adozione del processo produttivo più sofisticato, ma optando per far costruire i propri prodotti con tecnologie consolidate.

Mark Papermaster, Senior Vice President e Chief Technology Officer di AMD, ha fornito alcune indicazioni su quelle che saranno le tecnologie adottate da AMD nel corso del prossimo anno per i propri prodotti. L'occasione è stata un intervento tenuto alla Barclays Global Technology Conference, durante il quale Papermaster ha rimarcato come nel corso del prossimo anno AMD intenda utilizzare tecnologie produttive a 28nm e a 20nm per propri prodotti, senza tuttavia specificare quali prodotti adotteranno quali tecnologie. E' ipotizzabile che i 20 nanometri saranno utilizzati per il versante GPU, mentre la tecnologia a 28 nanometri sarà abbinata alle proposte APU.

In seguito AMD passerà a tecnologie di tipo FinFET, ma senza che questo implichi un debutto per primi sul mercato. AMD si vuole in questo posizionare come immediato inseguitore, adottando tecnologie più sofisticate nel momento in cui la fase di adozione iniziale sul mercato sia stata completata e il processo possa per questo motivo diventare economicamente più conveniente.

Papermaster ha inoltre specificato come nel corso del 2015 vedremo da parte di AMD un refresh delle architetture, i cui dettagli verranno forniti più avanti durante il nuovo anno. E' possibile che questo possa implicare tanto una nuova architettura di GPU a prendere il posto di quella Graphics Core Next attualmente adottata, come nuove soluzioni CPU x86 basate su microarchitettura nuova rispetto a quella Bulldozer attualmente in uso.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lights_n_roses12 Dicembre 2014, 21:03 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/cpu/te...2015_55266.html

Mark Papermaster, CTO di AMD, conferma come per l'azienda americana non sia più importante adottare tecnologie produttive più innovative per i propri prodotti., ma ottenere il miglior bilanciamento possibile tra funzionalità e costi

Click sul link per visualizzare la notizia.


Beh la mancanza di processo produttivi nuovi è ciò che ha veramente castrato AMD negli ultimi anni, tant'è vero che la linea FX ha saltato ben 2 importanti step evolutivi saltando i core steamroller ed il ben più importante Excavator (pronto da tempo) per la mancanza di processi produttivi sui 20-28 nm in formato SOI (processo che veniva realizzato in collaborazione con IBM e che quest'ultima ha smesso di fare..lasciano in qualche modo AMD nei guai.
Gli attuali FX sono ancora costruiti a 32 nm SOI con core Piledriver.


Pare che la nuova architettura denominata ZEN che stanno sviluppando sarà sui 16 nm FinFet.
htpci12 Dicembre 2014, 21:22 #2
si certo! se alla base non c'e' una buona progettazione il PP te lo puoi ficcare direttamente li. a me pare che amd stia solo trovando la classica scusa perche' non ha i maroni di ammettere che le sue cpu nascono inferiori alla controparte intel. prima o poi gli specchi si romperanno e finalmente si potranno arrampicare su questo muro.
Nhirlathothep13 Dicembre 2014, 06:03 #3
Ho letto molte congetture sul futuro AMD, al momento proprio non ho idea di cosa tirerà fuori lato cpu.

Forse solo apu per il mercato consumer ?
Se intel inizierà a mettere le iris pro integrate nelle proprie cpu di fascia consumer, le apu avranno problemi seri
calabar13 Dicembre 2014, 09:41 #4
Le Iris Pro sono costose a causa della memoria dedicata. A livello driver poi Intel è ancora parecchio indietro rispetto ad AMD e Nvidia.

@htpci
Che i processori AMD abbiano i loro limiti è chiaro a tutti, ma che oggi ci sia un netto svantaggio anche sul lato del processo produttivo è altrettanto evidente.
Quando AMD potrà fare il grosso salto sul processo produttivo (32 nm SOI -> 16 nm FinFET) è molto probabile che il divario con Intel venga notevolmente ridotto. Essere fermi da tempo non può che rendere più ampio il salto una volta che si passerà al nuovo processo produttivo.
Sawato Onizuka13 Dicembre 2014, 18:09 #5
indietro a livello driver, Intel?

ultimamente [arco di 2-3 anni] sia AMD che nVidia han avuto build davvero sfortunelle o uscite male. Il peggio mi sia capitato sulle integrate Intel (fortuna? mah) è dover tornare ad una versione precedente perché magari l'ultima disponibile non veniva digerita dal gioco XYZ.

Onestamente qui lo dico e qui lo chiudo: D-Sub, DVI, HDMI o DP, cavolo. La qualità 2D ad impostazione default che mi appare quando collego qualsiasi integrata Intel a monitor, tv, ... per i miei occhi è il meglio attualmente che ci sia poi magari è soggettivo, ammetto che non ho i 10/10 quindi non sono una lince

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^