IBM si volge verso "open hardware"

IBM si volge verso open hardware

Big Blue ha deciso di adottare per la propria architettura Power una strategia simile all'open source per il software

di pubblicata il , alle 15:06 nel canale Processori
IBM
 

IBM ha dichiarato durante un evento tenutosi ieri a New York che l'architettura Power sulla quale si basano tutti i processori server IBM si avvierà verso la filosofia open source, anche se in questo caso sarebbe meglio dire open hardware, ovvero un progetto nel quale partner e sviluppatori di terze parti portranno partecipare per lo sviluppo tecnologico del chip.

IBM potrà quindi utilizzare tutte le alleanze che ha stretto nel corso del 2003, realtà che già operano nello stabilimento di Fishkill: AMD, nVidia, Chartered Semiconductor Manifacturing. IBM sarà così in grado di estendere la collaborazione con i partner e parallelamente di divulgare informazioni più dettagliate sull'architettura dei propri processori. Gli obiettivi della compagnia sono quelli di giungere alla realizzazione di chip più flessibili e versatili

Questa nuova strategia interessa ovviamente anche Apple, che è un partner particolarmente importante per Big Blue per quanto riguarda i processori. Pare, infatti, che indirettamente siano stati i buoni risultati ottenuti con il processore PowerPC 970, sviluppato proprio in collaborazione con la Mela che pare abbia spinto per l'introduzione della tecnologia AltiVec, che hanno convinto IBM a intraprendere questa nuova rotta.

IBM ha in mente diverse iniziative per supportare questa nuova filosofia; strategie che vanno dalla creazione di un nuovo portale per l'architettura Power, nel quale trovare risorse e documentazione, alla distribuzione di un "Power Architecture Pack" gratuito e alla costituzione di un "Power Architecture Center" dove tecnici IBM possano fornire assistenza ed in seguito anche tecnici di terze parti dopo aver superato un programma di certificazione.

Fonte: Macitynet.it - Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Wonder01 Aprile 2004, 15:16 #1
Open per modo di dire...solo se te ne intendi di progettazioen di chip suppongo e se fai parte del Fishkill
ilsensine01 Aprile 2004, 15:17 #2
Da vedere se per "open hardware" intendono quello che intendono questi signori:
http://www.opencores.org/
avvelenato01 Aprile 2004, 15:57 #3
open nel senso di "non proprietario", ed è già una bella cosa.
Alla fine s'è visto che la strategia vincente è l'open, i brevetti e le royalities ci dovrebbero sì essere ma solo nei campi dove non sia necessario uno standard. La maggior parte delle soluzioni pc proprietarie sono state fallimentari o si sono scavate una nicchia, anche Apple ha dovuto arrendersi, divenendo man mano sempre più interoperabile con componenti standard (e infatti anche la qualità dei suoi prodotti è impennata rispetto a molti anni fa)
pietse01 Aprile 2004, 17:20 #4
che sia questa la base della piattaforma che ha in mente IBM per linux? Non troppo tempo fa se n'è parlato, mi pare fosse "PowerLinux".
Se invece le case si decidessero a fare driver, dato che a loro costa poco e si ingrazierebbero gli utenti "linux"
zetec01 Aprile 2004, 21:04 #5
quoto x pietse il problema drivers è scandaloso x un sistema operativo ke si fa sempre più strada....
Ginopilot01 Aprile 2004, 21:39 #6
C'e' gia' sparc o sbaglio?
Tecnico!!01 Aprile 2004, 23:38 #7
fishkill....
ilsensine02 Aprile 2004, 09:09 #8
Originariamente inviato da pietse
Se invece le case si decidessero a fare driver, dato che a loro costa poco e si ingrazierebbero gli utenti "linux"

Originariamente inviato da zetec
quoto x pietse il problema drivers è scandaloso x un sistema operativo ke si fa sempre più strada....

Diffidate dalle case che fanno driver proprietari per linux, e preferite quelle (e sono molte) che, rilasciando le specifiche sull'hw (anche sotto nda permissivi), consentono agli sviluppatori del kernel di realizzare driver liberi.

Non credo che IBM per "open hardware" intenda quello che intendono dalle parti di opencores, credo invece che si riferisca alla documentazione dettagliata delle varie funzioni. Questo eliminerebbe alla radice il problema dei driver sotto linux.
ilsensine02 Aprile 2004, 09:30 #9
Altre informazioni interessanti si trovano qui:
http://punto-informatico.it/p.asp?i=47637

Vale la pena di quotare alcuni punti:
Lo stesso modello di IBM è senza dubbio più simile a quello che governa Java piuttosto che a quello che caratterizza i software con licenza open source. Benché il colosso di Armonk abbia promesso di aprire e condividere con gli altri produttori diversi aspetti dell'architettura Power, rimangono saldamente nelle sue mani diverse tecnologie chiave, quali ad esempio il set di istruzioni: in questo modo IBM si è assicurata l'esclusiva facoltà di produrre processori compatibili.

Questo taglia definitivamente fuori il concetto di "open hardware".

La strategia di IBM segue da vicino quella adottata da ARM per i suoi chip embedded: quest'ultima, che si limita a progettare le CPU e vendere le relative licenze, si avvale della collaborazione di un ampio numero di produttori per adattare costantemente la propria architettura ai nuovi tipi e alle nuove generazioni di dispositivi.

Per chi non lo sapesse, la ARM progetta dei core di cpu semplici, senza cache, mmu, ecc. I produttori poi possono integrare nei propri processori il core arm, realizzando dei processori completi (e compatibili a livello di codice eseguibile!) aggiungendo le parti mancanti in base a quello che vogliono ottenere. I processori basati su arm si trovano in molti sistemi embedded (ad es. pda e telefonini recenti). La Intel è l'unica al mondo ad avere una licenza che le consente di modificare il core arm: i suo processori StrongArm e pxa sono derivati appunto dai core "personalizzati". Gli altri possono comunque usare i core così come sono, completandoli con le parti necessarie, ottenendo così processori completi a bassi costi di progettazione.
E' stato un modello di grande successo, sia per i produttori hw che sw, e su questi dispositivi linux - ovviamente - gira che è una meraviglia.
Italian Stallio02 Aprile 2004, 12:37 #10
L'Open hardware é una manna per i produttori di FPGA e CPLD. Con questi Chip riprogrammabili e sorgenti "hardware" liberi, non ti costerá nulla avere un bel PC in casa dalle dimensioni ridotte.

A proposito: IBM ha messo un processore PowerPC da 400 MHz integrato su un FPGA della Xilinx. Il piú grande di questi chip ha 4 PowerPc!! Un mio amico ha una board sperimentale, ha giá messo su Linux!! Peccato che il display LCD sia solo di pochi centimetri......

Questo é il futuro......

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^