Adattatore Socket 423 - Socket 478

Adattatore Socket 423 - Socket 478

Powerleap presenta un adattatore per le vecchie schede madri Pentium 4, limitato però al solo supporto alle cpu con Core Willamette a 0.18 micron

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:59 nel canale Processori
 
Powerleap ha ufficialmente introdotto un convertitore per cpu Intel Pentium 4, che permette il montaggio di processori Socket 478 su schede madri Socket 423.
Il nuovo modello PL-P4, però, non integra una circuiteria di alimentazione autonoma, tantomeno un convertitore di voltaggio: questo implica che non è possibile montare processori Pentium 4 basati su Core Northwood ma che sia necessario utilizzare solo cpu con Core Willamette.

L'adattatore Powerleap, pertanto, permetterà ai possessori di schede madri Socket 423 di montare sul proprio sistema uno dei nuovi processori Celeron basati su Core Willamette e 128 Kbytes di cache L2, attesi per la fine del mese di Maggio. In alternativa, sarà comunque possibile montare una cpu Pentium 4 Socket 478 basata su Core Willamette a 256 Kbytes di cache L2, ancora in commercio anche se progressivamente sostituite dalle equivalenti versioni Northwood con 512 Kbytes di cache L2 e processo produttivo a 0.13 micron.

images682013.jpg
Parte superiore dell'adattatore, con Socket 478


images682015.jpg
Parte inferiore dell'adattatore, con pin per l'inserimento nel Socket 423


Ulteriori immagini sono disponibili on line a questo indirizzo. Il prodotto dovrebbe avere un costo di circa 40 dollari, con disponibilità in comemrcio prevista per fine Maggio.

Fonte: xbitlabs.com.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
subrahmanyam17 Aprile 2002, 10:15 #1
di questo adattatore se n'era gia' parlato mi sembra...
pensate che un adattore per i northwood sarebbe troppo costoso?
Al3ego17 Aprile 2002, 10:32 #2
Come al solito Intel riesce a mettere in difficoltà i suoi utenti. Il prossimo zoccolo quale sarà? Socket 424? Socket 479? Che schifo...
COLLA17 Aprile 2002, 10:51 #3
no ti ho capito Al3ego
Giax17 Aprile 2002, 10:59 #4
Penso che Al3ego voleva dire che i sistemi Intel sono sempre meno scalabili....
Lo ZiO NightFall17 Aprile 2002, 11:07 #5
la scalabilità dei sistemi è tutt'altra cosa...
subrahmanyam17 Aprile 2002, 11:12 #6
cmq mi pare che perlomeno il socket 478 rimanga nei piani futuri di Intel
mom475117 Aprile 2002, 11:12 #7
Sono solo le discutibili politiche di marketing di Intel che non fanno scalare le mainboard, non il numero di pin del socket ;-)
Guarda ad esempio i processori di classe PII/PIII: Intel ha tentato 3 volte di far cambiare mainboard agli utenti:
1) da slot 1 a PPGA (socket 370)
2) da PPGA a FC-PGA
3) da FC-PGA a FC-PGA2 (Tualatin)
Ce n'era motivo? No, perchè adesso ci sono schede madri slot 1 con 5 anni di vita, su cui girano dei Tualatin 1300, grazie ad adattatori di terze parti.
Forse in Intel non hanno ancora realizzato che non sono più monopolisti incontrastati.
Al3ego17 Aprile 2002, 11:24 #8
Beh in effetti non mi sono spiegato molto, ma pensavo quello che mom4751 ha scritto, cioè che per politiche di marketing Intel cerca di vendere quanti più chipset possibili a prescindere dall'effettiva necessità di cambiarli. Da ciò poi la difficoltà dell'utente per aggiornare il proprio sistema, visto che Intel stessa cerca di inculcare la necessità di cambiare Motherboard per montare un nuovo processore (anche quando ciò non è assolutamente vero).
barabba7317 Aprile 2002, 11:27 #9
Uno dei motivi per cui Intel tende a cambiare n° dei pin è che costa meno progettarne uno completamente nuovo da integrare nel nuovo prodotto piuttosto che adattarne uno già esistente. Intel lo ha sempre fatto, solo che oggi sono cambiate le condizioni ambientali, cioè non è più monopolista!
Al3ego17 Aprile 2002, 11:33 #10
Mah, io direi non che costa meno ma che ci si guadagna di più, se vogliamo parlare di posizioni da monopolista... insomma Intel pensi di più ai suoi utenti invece che pensare solo ai suoi guadagni. Viva la concorrenza

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^