Steve Jobs è adesso un marchio napoletano, vinta la causa contro Apple

Steve Jobs è adesso un marchio napoletano, vinta la causa contro Apple

È nato un nuovo Steve Jobs, ma questa volta a Napoli ed è un marchio di abbigliamento e accessori hi-tech. Ecco l'incredibile storia dei fratelli Barbato

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Apple
Apple
 

Steve Jobs è appena diventato un marchio italiano, per la precisione napoletano. Vincenzo e Giacomo Barbato sono riusciti nell'impresa storica di battere Apple in tribunale e appropriarsi del nome dell'iconico co-fondatore della Mela, nonché visionario del mondo informatico. I due registravano il marchio Steve Jobs nel 2012 con chiari richiami alla mela morsicata di Cupertino nel logo, ed infatti non è tardata ad arrivare la risposta della multinazionale con quattro enormi faldoni recapitati nell'ufficio della neonata realtà napoletana.

Ma nell'agosto del 2014 l'Ufficio per l'armonizzazione nel Mercato Interno, organo ufficiale dell'UE, ha rigettato l'opposizione "nella sua interezza" visto che Apple non ha mai registrato il marchio del suo fondatore. I due Barbato lo avevano infatti scoperto all'interno di una ricerca di mercato, sfruttandone così l'occasione e sfidando la multinazionale americana in una proverbiale lotta fra Davide contro Golia. E anche in questo caso il gigante ha dovuto capitolare, dopo aver attaccato i due napoletani sul fronte del logo, con la J morsicata troppo simile alla Mela di Cupertino.

I due fratelli hanno potuto raccontare la loro incredibile storia solo negli scorsi giorni, al termine del lungo iter di tutela del marchio, ma possono farlo da vincitori. Con il nuovo marchio Steve Jobs i due imprenditori campani intendono sfornare capi d'abbigliamento a tema informatico e accessori hi-tech, continuando in una professione che affrontano da anni per conto di terzi. Con l'obiettivo di mettersi in proprio hanno cercato il nome del nuovo brand, e fra questi l'opzione più gettonata era il nome del visionario che ha fondato decenni fa uno dei marchi hi-tech più celebri al mondo.

Un colpaccio che ricorda uno dei romanzi di critica scritto e pubblicato qualche anno fa da Antonio Menna, Se Steve Jobs fosse nato a Napoli (link e-book formato Kindle), che racconta le difficoltà di due imprenditori partenopei (Stefano Lavori e Stefano Vozzini) ad avviare un'azienda di successo in Italia partendo da zero. Ma questa volta c'è il lieto fine e, sebbene non sia nata una nuova Apple in Italia, almeno c'è nato un nuovo Steve Jobs grazie alla determinazione dei due imprenditori napoletani.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

78 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo27 Dicembre 2017, 13:38 #1
Bellissima !!!

Io spero che gli appleiani vadano a comprare da costoro, se lo meritano !!!
mattia.l27 Dicembre 2017, 13:51 #2
i napoletani non si smentiscono mai vedo...

brand inutile al pari di quelli di lapo o di quella linea di abbigliamento a nome di uno zingaro che aveva travolto delle persone da ubriaco
ironman7227 Dicembre 2017, 13:52 #3
Non amo Apple.. ma questi sfruttano qualcosa che non dovrebbe essere sfruttato ...
sfumato27 Dicembre 2017, 13:58 #4

parmesan napoletano

Sono napoletano non sono un fanboy Apple ma vendere prodotti "tecnologici" madre in Cina e stoccati "a basch a ferrovia" con il logo Stefano lavori a me come dicevano una volta i tretrè [CIT.] A me m par na str*****,
E'come il parmisan degli Americani.
zappy27 Dicembre 2017, 14:05 #5
ovviamente a questi dell'abbigliamento non frega 'na mazza.
Apple farà n'offerta x comprare il marchio e loro incasseranno un bel po' di soldi.
fine della storia.
blackshard27 Dicembre 2017, 14:06 #6
Grandiosa la vicenda, tristissimo brillare di luce riflessa.
Fosse stato legittimo tanto di cappello, ma così è un po' una porcata. Da campano onestamente mi fa' provare un po' di vergogna.
gd350turbo27 Dicembre 2017, 14:06 #7
Originariamente inviato da: zappy
ovviamente a questi dell'abbigliamento non frega 'na mazza.
Apple farà n'offerta x comprare il marchio e loro incasseranno un bel po' di soldi.
fine della storia.


Sicuro come il sorgere del sole !
sintopatataelettronica27 Dicembre 2017, 14:13 #8
Originariamente inviato da: ironman72
Non amo Apple.. ma questi sfruttano qualcosa che non dovrebbe essere sfruttato ...


Son d'accordo. Di cattivissimo gusto e irrispettoso, pure. Anche l'articolo è pietoso, lo descrive come un successo italiano . "C'è nato un nuovo Steve Jobs" ?????? Ma che razza di........ (son senza parole, veramente).

Ma poi è assurdo pure che abbiano vinto la causa sul brevetto.. cioè.. 'ste leggi sul brevetto sono una più assurda dell'altra e basta.

Già far brevettare - e far usare come nome di azienda - il nome di una persona (tra l'altro famosa) mi pare folle (soprattutto visto l'intento) .. ma pure il richiamo alla mela morsicata nel "logo"... cioè...

Comunque rischia di finire che apple paga tanti milioni per acquisire il marchio e ..questi approffittatori senza scrupoli han raggiunto il loro obiettivo. Che tristezza. Anche l'articolo - e il suo finale - è alquanto indecoroso.
demon7727 Dicembre 2017, 14:19 #9
Originariamente inviato da: ironman72
Non amo Apple.. ma questi sfruttano qualcosa che non dovrebbe essere sfruttato ...


Eh in effetti non è una buona cosa.
Fa notizia il fatto che due ragazzotti abbiano battuto in tribunale nientemeno che Apple.. ma per il resto è una squallida operazione di marketing.
sniperspa27 Dicembre 2017, 14:25 #10
Adesso se tutto va bene apple se li compra per una bella cifra e vissero felici e contenti

In ogni caso non è che mi faccia molto pena Apple onestamente

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^