Apple osserva Pegatron per allentare la dipendenza da Foxconn

Apple osserva Pegatron per allentare la dipendenza da Foxconn

La Mela potrebbe affidarsi a Pegatron per ampliare il proprio bacino di produttori partner, diversificare i rischi e, forse, affidarle la produzione dell'iPhone "low-cost"

di pubblicata il , alle 11:06 nel canale Apple
AppleiPhonePegatronFoxconn
 

Apple pare essere al lavoro per rafforzare i propri rapporti con Pegatron e, al contempo, allentare quelli con Foxconn allo scopo di ridurre la propria dipendenza dal più grande produttore contrattista di elettronica di consumo, attualmente responsabile della produzione di molti dei dispositivi dell'azienda di Cupertino.

La Mela vuole cercare di accrescere la propria catena di fornitura, anche a fronte della crescente competizione da parte degli avverarsari, allo scopo inoltre di diversificare i rischi dopo i problemi emersi con il lancio di iPhone 5 quando Foxconn ha consegnato esemplari con difetti estetici.

Pegatron potrebbe inoltre presentare accordi di produzione più interessanti, nel tentativo di accaparrarsi una porzione importante del business consumer electronics di Apple. Inoltre Foxconn ha perso una parte del proprio vantaggio competitivo a seguito delle azioni intraprese per migliorare le condizioni di lavoro nelle fabbriche, a seguito dei controlli portati avanti dai gruppi di tutela dei lavoratori.

Nel corso del tempo Apple ha trovato sempre maggior difficoltà ad esercitare il proprio controllo su Foxconn, come ad esempio accaduto con l'episodio della variazione dei fornitori di componentistica senza che la Mela ne fosse stata informata. Contemporaneamente anche Foxconn ha mostrato qualche segno di insofferenza nei confronti di Apple, per via della crescente complessità dei prodotti dell'azienda di Cupertino e della conseguente difficoltà di produrli nei volumi necessari alla Mela.

Secondo quanto riferisce il Wall Street Journal, pare che Pegatron potrebbe essere il principale produttore del discusso iPhone "low-cost". In realtà in tal senso le indiscrezioni sono abbastanza confuse: Foxconn e Pegatron potrebbero infatti spartirsi gli ordinativi, con la prima che si occuperà della maggior parte degli ordini della fase iniziale e la seconda che si accollerà inoltre la produzione dei modelli precedenti iPhone 4 e 4S. Pegatron inoltre dovrebbe avviare una massiccia campagnia di assunzioni, per circa 40 mila lavoratori, per la seconda metà del 2013. is in the offing.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TripleX30 Maggio 2013, 11:55 #1
gia' mi vedo i dipendenti costretti ad indossare la magliettina i love apple!
ormai non avendo piu' conigli da tirar fuori dal cilindro visto che la concorrenza sia a livello hardware che software e' anni luce avanti...tagliano costi di produzione nella speranza di contenere le perdite ...
acerbo30 Maggio 2013, 12:22 #2
Originariamente inviato da: TripleX
gia' mi vedo i dipendenti costretti ad indossare la magliettina i love apple!
ormai non avendo piu' conigli da tirar fuori dal cilindro visto che la concorrenza sia a livello hardware che software e' anni luce avanti...tagliano costi di produzione nella speranza di contenere le perdite ...


lucreghert30 Maggio 2013, 15:53 #3
Originariamente inviato da: pulsar68
In realtà esiste già un iphone low-cost:

[COLOR="Blue"]Analizzando solo le componenti principali, possiamo notare che:
Il processore costa solo 14 €;
La memoria flash (di base 16GB) costa 8 €, così come la RAM;
Le componenti più costose sono lo schermo (34 &#8364, le varie antenne radio/wireless (31 &#8364 e le non precisate componenti elettromeccaniche (30 &#8364.
Il tutto per un totale di 155 € netti a dispositivo, a cui vanno aggiunti i 5 € di costi di assemblaggio e i 5 € di spedizione internazionale (non specifica eventuali oneri doganali), per un totale di 165 € per ogni iPhone 5 assemblato.[/COLOR]



Analizzando invece i costi dell'ultimo gioiello di casa Zamzung risulta che il costo di produzione è di 237$.
Però in questo caso non è possibile parlare di samsung low cost anzi,secondo i tuoi calcoli vale davvero tutti i soldi che costa e al prezzo che te lo vendono non vanno aggiunti i costi di mantenimento del personale, di imballaggio, di spedizione, le spese per la promozione e quelle per i brevetti e le varie licenze....
Balthasar8530 Maggio 2013, 18:38 #4
Ragazzi.. non dimenticate che quest'anno la vera rivoluzione è la televisione eh!!
Notizia interessante forse per gli addetti ad i lavori.. ma credo che non interessi a nessun utente in quale fabbrica vengono assemblati, il risultato dovrà esser il medesimo in ogni caso.


CIAWA
simon7130 Maggio 2013, 20:23 #5
Originariamente inviato da: TripleX
gia' mi vedo i dipendenti costretti ad indossare la magliettina i love apple!
ormai non avendo piu' conigli da tirar fuori dal cilindro visto che la concorrenza sia a livello hardware che software e' anni luce avanti...tagliano costi di produzione nella speranza di contenere le perdite ...


Anni luce avanti su cosa? Come? Perché infila 26 core in un Arm, o mette 16Gb di Ram o mette il display da 5 pollici secondo te è progresso?

Se quello è progresso, tenetevelo pure, grazie....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^