Apple, Intel e telefonia mobile: qual è la strada del futuro?

Apple, Intel e telefonia mobile: qual è la strada del futuro?

Due interpretazioni di due autori diversi sembrano intrecciarsi e sposarsi perfettamente. Ve ne proponiamo un sunto, che dimostra come spesso alcune scelte nascondano motivazioni ben precise che vanno oltre la semplice evidenza dei fatti

di pubblicata il , alle 14:14 nel canale Apple
AppleIntel
 

Da quando, qualche mese fa, Apple Computer ha dichiarato che le macchine dei prossimi anni saranno equipaggiate con Intel, si rincorrono sulla rete numerose elucubrazioni sui veri motivi del passaggio verso le nuove CPU ed altrettante numerose speculazioni riguardo al futuro della compagnia di Cupertino.

Nella giornata di ieri sono apparse sulla rete due interessanti interpretazioni sulla casa della Mela, una ad opera di Jon Stokes per Arstechnica e un'altra pubblicata su Macity. La prima, intitolata "Inside the big switch: the iPod and the future of Apple Computer", si propone di mettere in luce i veri aspetti della transizione ai processori Intel, adducendo motivazioni tratte da fonti che l'autore indica come particolarmente attendibili. La seconda, "Apple la rete cellulare se la fa da sè?" è uno scenario, nemmeno poi così inverosimile, in cui la compagnia di Steve Jobs potrebbe decidere di diventare nel futuro prossimo una compagnia di telefonia mobile. Come vedremo si tratta di due interpretazioni destinate ad intrecciarsi.

Ma andiamo con ordine. Jon Stokes nel proprio articolo, cerca di esporre, almeno secondo il suo punto di vista, le reali motivazioni per le quali Apple ha deciso di adottare processori Intel per le macchine future. Stokes vuole puntualizzare il fatto che oltre a motivazioni "tecnologiche", come l'assenza di processori a 3GHz o quella di processori G5 per PowerBook (quest'ultima, per altro, smentita pochi giorni fa proprio da IBM con il lancio di nuove CPU), conterebbero molto di più alcuni problemi di rapporti tra le due compagnie. Secondo le informazioni in possesso dell'autore dell'articolo, Apple sarebbe stata per IBM (e a suo tempo per Motorola) un cliente piuttosto difficile e IBM, di contro, un fornitore un po' troppo conservativo.

A questa situazione andrebbe aggiunto un aspetto da non sottovalutare, ovvero la possibilità di Intel di poter fornire chip per applicazioni embedded, ovvero i processori appartenenti alla linea Xscale. Viene facile intuire che questi processori risulterebbero ideali per essere implementati nelle prossime versioni di iPod, magari proprio in un eventuale lettore con funzionalità video che cerchi di contrastare in qualche modo la console Playstation Portable in uscita, in Europa, a Settembre.

Perché Xscale giocherebbe un ruolo così importante? Perché in questo modo l'intera produzione di Apple sarebbe basata su chip Intel. Esattamente ciò che avviene con un altro colosso del settore, Dell Computer che, proprio per questo motivo, ottiene sconti particolarmente convenienti da Intel.

Stokes va oltre, affermando che per Apple, ma del resto come per tutto il settore informatico la cui attenzione si sta spostando più sugli "accessori" che sui PC stessi, il core-business attuale sia rappresentato maggiormente dall'universo iPod-iTunes (e magari in futuro anche da un eventuale video store) e che questo universo sarà la forza trainante del futuro con l'iPod a rappresentare the "Macintosh" of the new millennium.

Proprio il cambiamento del core-business di Apple sarebbe una delle fondamenta sulle quali Macity redige il suo pezzo riguardante il futuro di Apple, ovvero la possibilità che la compagnia diventi un gestore di telefonia mobile. Per l'esattezza un MVNO, ovvero Mobile Virtual Network Operator. La chiave di volta sta nella parola "Virtual": negli Stati Uniti, per essere una compagnia di telecomunicazioni, non è necessario possedere una propria infrastruttura di rete ma è sufficiente affitare questa da altri operatori già presente sul territorio. Virgin Mobile, ad esempio, fa uso delle infrastrutture della compagnia Sprint, fusasi recentemente con Nextel.

Ma per quale motivo Apple prenderebbe in considerazione una strada che, apparentemente, non ha nulla a che fare con i settori nei quali è attualmente impegnata? La risposta sta proprio in iTunes ma anche nel tanto anticipato e, secondo le voci di corridoio, prossimo al rilascio, "Mactorola", ovvero il cellulare di Motorola con funzionalità di iTunes integrate. L'intenzione di Apple sarebbe, in ultima analisi, quella di poter fornire un servizio articolato in acquisto-download legale di musica-ascolto con un solo apparecchio portatile.

In molti si chiederanno se non sarebbe sufficiente, per la compagnia di Cupertino, stringere accordi con altri operatori già esistenti per rendere disponibile il servizio di download. Secondo le informazioni pare che queste trattative non siano state lasciate intentate, ma che i gestori di reti mobile abbiano chiesto royalties piuttosto consistenti sulle transazioni tramite cellulare il che avrebbe, inevitabilmente, portato Apple ad aumentare i prezzi dei brani e delle compilation disponibili sul proprio store.

Non perdendo comunque di vista il fatto che, almeno inizialmente, tale eventualità sarà limitata solamente agli Stati Uniti, si può affermare che le premesse sembrano piuttosto valide. Se Apple dovesse tuttavia decidere di intraprendere questa strada, dovrà scontrarsi con un problema di tecnologia. E' noto, infatti, che sul territorio statunitense vi sono una manciata di standard e protocolli di telecomunicazioni tutti incompatibili fra loro come PCS, GSM, TDMA, CDMA e via discorrendo. Ma aspettiamo un momento....e se tutto fosse rimandato al momento in cui le reti WiMAX diverranno effettivamente disponibili sul territorio? Sì, proprio WiMAX che, tra le altre cose, vede Intel come promotore principale....

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
terrys312 Luglio 2005, 14:31 #1
Moooolto interessante...
Special12 Luglio 2005, 14:32 #2
Molto interessante, soprattutto la parte finale...
Ecco quindi quale potrebbe essere la motivazione principale del passaggio...
Spectrum7glr12 Luglio 2005, 14:53 #3
il fatto è che Intel ha tali e tanti settori di attività (ed in tutti è comunque all'avanguardia) che una partnership con questo colosso può generare una quantità incredibile di scenari...se una cosa è certa comunque è che chiunque abbia rapporti privilegiati con Intel non ha da pentirsene ed Apple ha fatto bene a saltare sul carro: la tecnologia di Intel con le intuizioni di marketing che da sempre caratterizzano Apple potrebbero rappresentare un bionomio in grado di incidere notevolmente su mercati anche teoricamente distanti da quello "canonico" dei PC.
Barone di Sengir12 Luglio 2005, 14:55 #4
bhe, certo, con il WiMAX potrebbero metterlo anche da noi in un soffio... con la copertura che prospettano mappare il territorio sarà all'incirca aggiornare le antenne attuali dei cellulari...
norp7412 Luglio 2005, 15:31 #5
a occhio direi che l'analisi di Stokes - che già avevo letto su ars - è più realistica di quella di macity. Ripeto, ad occhio, ma comunque rientra pur sempre nella mia "area" di competenza
ReLupo12 Luglio 2005, 15:37 #6
Mumble mumble...
Più che economia politica pare fantascienza!

Sicuramente non si é mai parlato così tanto della Apple come negli ultimi tempi...
ripper7112 Luglio 2005, 15:45 #7
è solo un commento (spero) simpatico, non voglio creare flames.... ma vi siete accorti che da quando c'è l'accordo con Apple la Intel è "diventata simpatica" a molti?
FinDuZ12 Luglio 2005, 15:48 #8
e tutto e' partito da un apparecchietto per ascoltare gli MP3!!
(parlo della storia recente)

grendinger12 Luglio 2005, 16:01 #9
Mah, sembrerebbe che Apple voglia creare una enorme "base" di conoscenza del brand, nella convinzione ( neanche tanto campata in aria, direi ) che questo renda più facile/probabile l'adozione della piattaforma Mac+OSX.

Imho
uukk12 Luglio 2005, 17:32 #10
Speriamo che Apple non faccia come IBM e venda la divisione Notebook ai cinesi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^