TikTok: India e USA ai primi posti per richieste di rimozione dei contenuti

TikTok: India e USA ai primi posti per richieste di rimozione dei contenuti

TikTok pubblica il primo report di trasparenza dove mostra quali Paesi abbiano avanzato richieste di rimozione contenuti o di accesso ai dati degli utenti

di pubblicata il , alle 10:14 nel canale Web
TikTok
 

TikTok ha rilasciato nei giorni scorsi il suo primo "Transparency Report" che mostra quali Paesi abbiano inviato richieste per la rimozione di contenuti o per ottenere dati degli utenti. Al primo posto si trova l'India, con 107 richieste per dati degli utenti e 11 richieste di rimozione di contenuti, mentre al secondo posto vi sono gli Stati Uniti con 79 richieste di dati utente e sei richieste di rimozione di contenuti.

Nell'elenco non compare la Cina, il che può essere un po' sorprendente vista l'inclinazione alla censura da parte delle autorità cinesi. Ma in realtà TikTok opera in Cina sotto il nome di Douyin, una piattaforma separata seppur sempre di proprietà del colosso cinese ByteDance.

"TikTok si impegna a collaborare con le autorità nelle adeguate circostanze e allo stesso tempo a rispettare la privacy e i diritti dei nostri utenti" ha commentato Eric Ebnestein, responsabile public policy per TikTok.

Si è trattato di un anno complicato per la nuova piattaforma social: a settembre si è trovata a dover gestire le accuse di censura di contenuti correlati alle manifestazioni di Hong Kong, mentre poco dopo il governo USA aveva sollevato preoccupazioni vedendo in TikTok un problema di sicurezza nazionale. Caso più recente, infine, è quello dell'esercito USA che ha vietato l'uso dell'app ai propri soldati, adducendo motivazioni di minaccia alla cybersicurezza.

Il Comitato per gli investimenti esteri in USA, che si occupa tra l'altro delle operazioni di fusione e acquisizione con compagnie statunitensi, ha preso contatti con ByteDance per un confronto sui problemi di sicurezza nazionale, facendo nascere l'ipotesi che ByteDance possa in qualche modo essere forzata a vendere TikTok.

ByteDance sta comunque valutando la possibilità di stabilire il quartier generale al di fuori della Cina, in un tentativo di prendere le distanze dal Paese. "Siamo stati molto chiari che il modo migliore per competere nei mercati attorno al mondo è dare potere ai team locali" ha dichiarato un portavoce della compagnia al Wall Street Journal la scorsa settimana.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sandro kensan03 Gennaio 2020, 12:34 #1
Non capisco come mai non si veda il collegamento tra la prima parte dell'articolo in cui gli USA chiedono a tiktok i dati degli utenti per finalità antiprivacy e poi la seconda parte in cui si dice che tiktok, quindi la Cina, spia gli utenti.
filippo198003 Gennaio 2020, 18:00 #2
A me invece stupiscono i numeri:
"Al primo posto si trova l'India, con 107 richieste per dati degli utenti e 11 richieste di rimozione di contenuti, mentre al secondo posto vi sono gli Stati Uniti con 79 richieste di dati utente e sei richieste di rimozione di contenuti"

Possibile che in un anno siano così poche? sono numeri veramente bassi considerando quanti utenti sono registrati su Tik Tok?
LMCH04 Gennaio 2020, 08:39 #3
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Non capisco come mai non si veda il collegamento tra la prima parte dell'articolo in cui gli USA chiedono a tiktok i dati degli utenti per finalità antiprivacy e poi la seconda parte in cui si dice che tiktok, quindi la Cina, spia gli utenti.


Forse perché non c'è collegamento?
In base a quanto afferma Bytedance, quelle richieste sono da parte di autorità inquirenti dei rispettivi paesi, mica gli danno accesso libero ed indiscriminato.
omerook04 Gennaio 2020, 09:43 #4
Originariamente inviato da: filippo1980
A me invece stupiscono i numeri:
"Al primo posto si trova l'India, con 107 richieste per dati degli utenti e 11 richieste di rimozione di contenuti, mentre al secondo posto vi sono gli Stati Uniti con 79 richieste di dati utente e sei richieste di rimozione di contenuti"

Possibile che in un anno siano così poche? sono numeri veramente bassi considerando quanti utenti sono registrati su Tik Tok?


Ho fatto la stessa riflessione. Mi sembrano numeri troppo modesti per un social che vanta centinaia di milioni di utenti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^