Netflix vuole dire addio alla ''condivisione'' dell'abbonamento da parte dei furbetti. Cosa potrebbe cambiare?

Netflix vuole dire addio alla ''condivisione'' dell'abbonamento da parte dei furbetti. Cosa potrebbe cambiare?

Netflix ha intenzione di modificare la "condivisione" dell'abbonamento per contrastare quello che è divenuto un fenomeno ossia la "vendita" di quote sull'account a persone sconosciute.

di pubblicata il , alle 20:01 nel canale Web
Netflix
 

Netflix vuole dire basta alla condivisione fasulla "in famiglia". Sappiamo bene come gli utenti del servizio di streaming più famoso al mondo possano condividere il proprio abbonamento in famiglia tra i parenti per ridurre in qualche modo il costo totale dell'abbonamento. Questo però ha creato nell'ultimo periodo la condivisione "fasulla" di account che vengono addirittura messi in vendita in Rete. Netflix vuole evitare tutto questo ed ha annunciato che continuerà ad effettuare controlli sugli account condivisi illegalmente dagli utenti con amici e parenti.

Netflix: una perdita da non sottovalutare

Nell'ultimo resoconto finanziario, relativo al terzo trimestre del 2019, il product chief Greg Peters ha dichiarato apertamente come il proprio team stia da tempo eseguendo un monitoraggio delle password tra utenti che decidono di condividerle con altre persone cercando di adottare strategie "low cost". Ecco che proprio su questa questione Greg Peters ha voluto ribadire la volontà da parte di Netflix di arginare il più possibile il problema che per l'azienda ha senza dubbio una perdita in termini economici.

"Continueremo a esaminare la situazione e individueremo dei metodi consumer friendly per limitare queste situazioni, ma al momento non abbiamo grandi piani di fare qualcosa di diverso al riguardo" ha dichiarato Greg.

Leggendo le condizioni di Netflix sappiamo che: "Qualsiasi contenuto visualizzato attraverso il servizio è solo per uso personale e non commerciale e non può essere condiviso con persone al di fuori della propria famiglia". Alla lettera questo significa che le persone al di fuori della famiglia o del nucleo familiare non possano effettivamente utilizzare il medesimo abbonamento. Eppure sono davvero tanti gli utenti che cercano di rimediare al prezzo mensile di Netflix dividendo il totale con altre persone anche sconosciute e questo Netflix sembra non voglia più acconsentirlo con la volontà di fermare il fenomeno.



Stando ai dati emersi da una ricerca, addirittura il 35% dei nati tra il 1981 e il 1996 condivide sistematicamente la propria password per i servizi streaming, contro il 19% degli utenti appartenenti alla generazione tra il 1960 e il 1980 e il 13% dei cosiddetti dei nati tra il 1945 e il 1959. Come risolvere tutto ciò? Netflix sta pensando di analizzare magari la posizione di chi utilizza l'abbonamento e di bloccare colui che non fa effettivamente parte della famiglia anche se in tal caso potrebbero crearsi problematiche sul nucleo familiare. Sono solo indiscrezioni ma di fatto si sa con certezza che l'azienda sta valutando provvedimenti per il futuro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

146 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
al13522 Ottobre 2019, 20:22 #1
e ti pareva che per colpa dei soliti furbetti ci rimettiamo tutti.
addirittura la vendita di account condivisi per pochi euro. mavaffanculo voi e ste pezzottate...
gd350turbo22 Ottobre 2019, 20:24 #2
Originariamente inviato da: al135
e ti pareva che per colpa dei soliti furbetti ci rimettiamo tutti.
addirittura la vendita di account condivisi per pochi euro. mavaffanculo voi e ste pezzottate...


Fatti un giro su telegram, cercando netflix, e ti si aprirà un "dark web" !
al13522 Ottobre 2019, 20:28 #3
Originariamente inviato da: gd350turbo
Fatti un giro su telegram, cercando netflix, e ti si aprirà un "dark web" !


appena fatto, boia! pure gli spagnoli in mezzo
omerook22 Ottobre 2019, 20:39 #4
Sono proprio curioso di vedere come farà Netflix a determinare chi fa parte della famiglia o meno. Diciamo che hanno inventato l'account condiviso mer fare marketing ma ora hanno bisogno di una scusa per eliminarlo.
Tedturb022 Ottobre 2019, 20:54 #5
masticassi!
al13522 Ottobre 2019, 20:58 #6
Originariamente inviato da: omerook
Sono proprio curioso di vedere come farà Netflix a determinare chi fa parte della famiglia o meno. Diciamo che hanno inventato l'account condiviso mer fare marketing ma ora hanno bisogno di una scusa per eliminarlo.


da quello che dice con la posizione ma piu verosimilmente con ip pubblico, che gia ci sono quando ti logghi. poi ci saranno i furbetti che tenteranno con i proxy etcetc... ma sicuramente diventa piu complesso da aggirare
OUTATIME22 Ottobre 2019, 21:05 #7
Originariamente inviato da: al135
da quello che dice con la posizione ma piu verosimilmente con ip pubblico, che gia ci sono quando ti logghi. poi ci saranno i furbetti che tenteranno con i proxy etcetc... ma sicuramente diventa piu complesso da aggirare

Il problema è che il concetto di famiglia è differente....
Paradossalmente così sono più avvantaggiati degli studenti che abitano insieme.
omerook22 Ottobre 2019, 21:07 #8
Ip pubblico ? Quindi quando i famigliari stanno fuoricasa niente Netflix ? Prova con qualcosa d'altro
OUTATIME22 Ottobre 2019, 21:14 #9
Originariamente inviato da: omerook
Ip pubblico ? Quindi quando i famigliari stanno fuoricasa niente Netflix ? Prova con qualcosa d'altro


Non ci sono molte alternative.... Al limite si può mettere un limite sul numero di dispositivi registrati.
omerook22 Ottobre 2019, 21:21 #10
Ma i dispositivi registrati non è detto che siano dei famigliari. Siamo al punto di partenza.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^