Multa da 400 mila euro per sito e-commerce italiano: non consegnava i prodotti

Multa da 400 mila euro per sito e-commerce italiano: non consegnava i prodotti

Nuova gatta da pelare per il sito di e-commerce italiano Techmania, il quale alcuni mesi fa veniva chiuso sotto l'ordine dell'Antitrust

di pubblicata il , alle 12:02 nel canale Web
 

A metà ottobre 2015 l'Antitrust metteva i sigilli al sito Techmania, uno dei negozi digitali più noti nella sfera italiana grazie ai prezzi praticati molto competitivi. Il portale è diventato famoso anche per motivi meno dignitosi che hanno poi portato alla chiusura del sito negli scorsi mesi: non tutti gli ordinativi venivano rispettati, ed anzi parecchi utenti lamentavano la scarsa serietà del servizio per via di mancate consegne o forti ritardi rispetto a quanto dichiarato sul sito stesso.

Oltre alla chiusura del servizio, i gestori dovranno provvedere anche al pagamento di una sanzione di 400 mila euro. La multa fa parte del procedimento avviato sulla base delle lamentele di cui parlavamo poco sopra, e conclude l'iter giudiziario a cui è stato sottoposto il portale: "Attraverso il web, l'operatore offriva diversi prodotti tecnologici, in particolare smartphone, tablet, personal computer e televisori, indicati come già disponibili, a cui però non seguivano la spedizione e l'effettiva consegna ai consumatori", ha comunicato l'autorità garante.

"Successivamente, ai clienti venivano opposte difficoltà di varia natura", continua. "Prima in merito ai reali tempi di consegna dei beni e poi in ordine alla restituzione dell'importo pagato dopo la risoluzione del contratto". La multa arriva dopo un'indagine condotta con l'ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza, che ha portato alla luce percentuali molto alte di ordini annullati e per i quali i consumatori non avevano ricevuto il rimborso loro spettante.

Un copione che abbiamo visto molto spesso negli ultimi periodi: prezzi bassi, disponibilità dichiarata fittizia, consegne mai effettuate e difficoltà nel contattare lo staff dell'azienda o ricevere i rimborsi anche dopo lunghi periodi dall'ordine. A metà 2015 l'Antitrust aveva multato altri quattro operatori e-commerce del Belpaese, i quali si comportavano in maniera molto simile rispetto a Techmania, e l'Autorità ha dichiarato che ad oggi vi sono quattro procedimenti in corso.

Nel corso del 2015 l'Antitrust ha irrogato sanzioni per un totale di 970 mila euro, con l'attività di monitoraggio che naturalmente continuerà al fine di "assicurare comportamenti corretti da parte delle imprese che operano nel commercio elettronico" e proteggere i consumatori i quali purtroppo occupano una posizione "particolarmente debole" in questo campo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lobotom17329 Febbraio 2016, 12:23 #1
Sappiamo come andrà a finire.

Non tutti avranno indietro i propri soldi e questa multa salatissima resterà impagata, nel frattempo chi ha aperto Techmania aprirà (intestandola alla moglie o all' amico) Techmania2 e continuerà come se niente fosse.

Tra 5/7 anni (il tempo di far passare quanto basta per prescrivere il tutto) scopriremo che anche le tasse dovute non erano mai state versate ma ugualmente l' agenzia delle entrate metterà a bilancio per pompare i propri risultati annuali.

W l' Italia.
sniperspa29 Febbraio 2016, 12:27 #2
Multa che finirà nelle tasche di chi? (sempre se pagheranno cosa di cui dubito altamente)

Io gli confischerei tutto soldi e beni e farei in modo di rimborsare chi è stato truffato almeno..
Yin29 Febbraio 2016, 13:32 #3
ci sono siti che da anni fanno ciò ma restano misteriosamente aperti , recoverybios
dado197929 Febbraio 2016, 13:46 #4
Originariamente inviato da: lobotom173
Sappiamo come andrà a finire.

Non tutti avranno indietro i propri soldi e questa multa salatissima resterà impagata, nel frattempo chi ha aperto Techmania aprirà (intestandola alla moglie o all' amico) Techmania2 e continuerà come se niente fosse.

Tra 5/7 anni (il tempo di far passare quanto basta per prescrivere il tutto) scopriremo che anche le tasse dovute non erano mai state versate ma ugualmente l' agenzia delle entrate metterà a bilancio per pompare i propri risultati annuali.

W l' Italia.

E non acquistare da siti del genere... io sono 15 anni che acquisto online e non ho mai preso una sola: o sono fortunato o guardo molto bene prima di acquistare.
Mettersi nell'ordine di idea che conviene spendere poco di + e acquistare da Amazon.
Originariamente inviato da: sniperspa
Io gli confischerei tutto soldi e beni e farei in modo di rimborsare chi è stato truffato almeno..

Sono delle SRL (Società a responsabilità limitata)... non rispondono con il capitale proprio i soci e il capitale della società è ridicolo.
Ma dove vivete?
adapter29 Febbraio 2016, 13:53 #5
Originariamente inviato da: dado1979
E non acquistare da siti del genere... io sono 15 anni che acquisto online e non ho mai preso una sola: o sono fortunato o guardo molto bene prima di acquistare.
Mettersi nell'ordine di idea che conviene spendere poco di + e acquistare da Amazon.

Sono delle SRL (Società a responsabilità limitata)... non rispondono con il capitale proprio i soci e il capitale della società è ridicolo.
Ma dove vivete?


Bhe ma cosa pretendi...Quello che fa le pulci su 2 euro e 50 centesimi c'è e ci sarà sempre.
Io guardo prima alle garanzie che il sito mi offre e poi a risparmiare 2 euro....
gd350turbo29 Febbraio 2016, 14:16 #6
Io quando cerco una cosa scarto i siti che costano troppo e scarto anche quelli che costano poco !
muppo29 Febbraio 2016, 14:20 #7
Originariamente inviato da: dado1979
E non acquistare da siti del genere... io sono 15 anni che acquisto online e non ho mai preso una sola: o sono fortunato o guardo molto bene prima di acquistare.
Mettersi nell'ordine di idea che conviene spendere poco di + e acquistare da Amazon.

Sono delle SRL (Società a responsabilità limitata)... non rispondono con il capitale proprio i soci e il capitale della società è ridicolo.
Ma dove vivete?


quindi dovremo tutti comprare da amazon solamente?
Io non credo. Amazon avrai i suoi pregi, ma se ci si ferma a guardare all'apparenza e al tornaconto personale e non della comunità alla lunga ci si ritorce contro pure il pregio alquanto unico che ha (e lo sappiamo tutti che è il post vendita).
Cambiare le leggi in italia e proteggere di più l'acquirente e non fregarsene per favorire avvocati e multinazionali, migliorare il libero mercato e non favorire i soliti noti per migliorare il mercato online,ma questo non avviene e non avverrà e ancor di più se seguiamo la tua stessa logica. E il perchè ormai mi sembra alquanto OVVIO.
Ah e giusto per la cronaca, l'ultimo hardware che ho preso su amazon era USATO e venduto come nuovo. Era palesemente un reso, e mi sarebbe anche stato bene, magari potevano anche scriverlo. ma mancava praticamente tutto il bundle e in più l'oggetto era stra-usato e trattato da cani, una controllatina prima no?
fraussantin29 Febbraio 2016, 14:22 #8
Originariamente inviato da: dado1979
Sono delle SRL (Società a responsabilità limitata)... non rispondono con il capitale proprio i soci e il capitale della società è ridicolo.
Ma dove vivete?


in caso di dolo è responsabile l; amministratore . altrimenti tanzi non finiva dentro.
adapter29 Febbraio 2016, 14:27 #9
Originariamente inviato da: muppo
quindi dovremo tutti comprare da amazon solamente?
Io non credo. Amazon avrai i suoi pregi, ma se ci si ferma a guardare all'apparenza e al tornaconto personale e non della comunità alla lunga ci si ritorce contro pure il pregio alquanto unico che ha (e lo sappiamo tutti che è il post vendita).
Cambiare le leggi in italia e proteggere di più l'acquirente e non fregarsene per favorire avvocati e multinazionali, migliorare il libero mercato e non favorire i soliti noti per migliorare il mercato online,ma questo non avviene e non avverrà e ancor di più se seguiamo la tua stessa logica. E il perchè ormai mi sembra alquanto OVVIO.
Ah e giusto per la cronaca, l'ultimo hardware che ho preso su amazon era USATO e venduto come nuovo. Era palesemente un reso, e mi sarebbe anche stato bene, magari potevano anche scriverlo. ma mancava praticamente tutto il bundle e in più l'oggetto era stra-usato e trattato da cani, una controllatina prima no?


In effetti qua ti do ragione.
Mi è successa una cosa simile anche a me, non ho fatto altro che rendere nuovamente l'articolo (anche se funzionava perfettamente) e far presente che era rovinato/usato in precedenza.
Qua purtroppo si tratta di capire che gestiscono migliaia di resi al giorno e qualcosa può sfuggire.
Se però ti capita la stessa cosa con una SRL farlocca tipo quella di questo articolo, ti girano le palle a mille perchè sai già in partenza che lo pendi a lisca di pesce in quel posto....
muppo29 Febbraio 2016, 14:35 #10
Originariamente inviato da: adapter
In effetti qua ti do ragione.
Mi è successa una cosa simile anche a me, non ho fatto altro che rendere nuovamente l'articolo (anche se funzionava perfettamente) e far presente che era rovinato/usato in precedenza.
Qua purtroppo si tratta di capire che gestiscono migliaia di resi al giorno e qualcosa può sfuggire.
Se però ti capita la stessa cosa con una SRL farlocca tipo quella di questo articolo, ti girano le palle a mille perchè sai già in partenza che lo pendi a lisca di pesce in quel posto....


più che d'accordo, ecco perchè DEVONO cambiare le leggi.
Ma favorire cosi spudoratamente le multinazionali no.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^