La riforma europea del copyright a rischio per l'opposizione di 11 Paesi

La riforma europea del copyright a rischio per l'opposizione di 11 Paesi

La riforma europea sul copyright subisce un altro ritardo: undici Paesi si sono opposti alla novità, rimarcando come non sia a favore degli utenti. Tra i Paesi oppositori anche l'Italia

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Web
 

La tanto discussa riforma del copyright su cui si sta lavorando in Europa sembra arrivata a un punto di forte incertezza: undici Paesi, compresa l'Italia, hanno infatti comunicato la propria opposizione alla riforma dicendosi particolarmente contrari all'introduzione degli Articoli 11 e 13.

Tra le motivazioni portate dagli Stati contrari agli articoli, c'è principalmente la scarsa tutela dei diritti degli utenti nella nuova riforma. Tra gli elementi più critici della riforma troviamo l'introduzione della cosiddetta "tassa sui link" dell'articolo 11, che fa sì che l'inclusione di porzioni di testo ("snippet") da parte dei motori di ricerca possa portare a richieste di pagamento, e l'implementazione di filtri richiesta dall'articolo 13 per evitare che siti come YouTube ospitino contenuti pirata. Potete leggere maggiori dettagli nel nostro pezzo sulla riforma del copyright in Europa.

Si tratta al momento di un ritardo, più che di un addio alla riforma. L'approvazione era prevista per marzo, ma con quest'ultimo "inciampo" la riforma potrebbe slittare oltre maggio, quando ci saranno le elezioni: se non si riuscirà a ottenere un accordo prima delle elezioni, dunque, la nuova direttiva potrebbe davvero essere quantomeno rivista profondamente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
randy8822 Gennaio 2019, 15:54 #1
Siamo ancora lontanissimi dall'eliminazione di questa aberrazione, partorita dalla mente di 5 tossico-dipendenti.

Ma un primo passo è stato fatto, ed eventuali elezioni positive alle Europee di Marzo, potrebbero incredibilmente mettere la parola fine a questa... insensatezza.

Io continuo a crederci poco, però almeno una speranza c'è.
mak7722 Gennaio 2019, 16:07 #2
Ci sono elezioni europee alle porte, non dimentichiamo chi ha votato a favore
amd-novello22 Gennaio 2019, 23:06 #4
Originariamente inviato da: randy88
d eventuali elezioni positive alle Europee di Marzo, potrebbero incredibilmente mettere la parola fine a questa... insensatezza.


chi è contro?
randy8823 Gennaio 2019, 00:48 #5
Originariamente inviato da: amd-novello
chi è contro?


Non ho ancora studiato le forze politiche, quindi non ti saprei dire.
Ed è anche il caso che mi dia una mossa.
Sandro kensan23 Gennaio 2019, 12:10 #6
Bene, 11 mi sembrano abbastanza.
amd-novello23 Gennaio 2019, 12:23 #7
.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^