Internet più veloce ed efficiente grazie a Google Brotli

Internet più veloce ed efficiente grazie a Google Brotli

Google ha annunciato un nuovo algoritmo di compressione per le pagine web, chiamato Brotli. Sostituisce Zopfli e viene eseguito con un'efficienza del 20/26% superiore rispetto a quest'ultimo

di Nino Grasso pubblicata il , alle 08:31 nel canale Web
Google
 

Con i siti e i servizi del web che diventano sempre più complessi, la necessità di migliorare gli algoritmi di compressione delle pagine sta diventando sempre maggiore, soprattutto in ambiente mobile. Ed è con questa premessa che Google vuole offrire la soluzione migliore, che prende il nome di Brotli. Brotli è un algoritmo open-source in grado di offrire un'efficienza del 20-26% superiore rispetto a quanto possibile con Zopfli, il precedente modello della società.

Proprio come il suo predecessore, Brotli è stato progettato con l'unico scopo di rendere il caricamento delle pagine web più efficiente. Si tratta, secondo Google, di un "formato lossless che comprime i dati utilizzando una combinazione dell'algoritmo LZ77 e del codice Huffman, con un'efficienza comparabile a quella dei migliori sistemi di compressione generici disponibili attualmente". Secondo i dati rilasciati da Google Brotli dovrebbe essere più veloce dell'implementazione di Deflate più efficace.

Nei test condotti su Linux 3.13.0 su un Intel Xeon Eg-1650 v2 operante alla frequenza di 3,5GHz, i ricercatori Google affermano che Brotli viene eseguito con un rapporto di compressione 3.381:1 ad una velocità di compressione di 98,3MB/s e decompressione di 334MB/s. Sulla stessa macchina, l'implementazione di Deflate più veloce riesce a comprimere a 93,5MB/s e decomprimere a 323MB/s, ma con un rapporto di compressione meno preciso pari a 2.913:1.

Google ha sviluppato il nuovo Brotli nella speranza che venga introdotto all'interno di parecchi browser per la navigazione online, ma è chiaro che la tecnologia è soprattutto rivolta in ambiente mobile. Un algoritmo di compressione più efficace si traduce in caricamenti più rapidi da una parte, ma dall'altra potrebbe consentire miglioramenti sensibili nella durata della batteria dei dispositivi e un traffico internet inferiore a parità di contenuti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rommie24 Settembre 2015, 09:05 #1

Pubblicita....

Eliminata quella le pagine si caricano il 600% più velocemente.
cignox124 Settembre 2015, 09:20 #2
Bisognerebbe anche capire qual'é il rapporto medio tra testo e dati multimediali (immagini, video, musica etc). Se io accellero la trasmissione dei testi del 20%, ma questi rappresentano solo il 50% del traffico, ho velocizzato il tutto del 10%...
benderchetioffender24 Settembre 2015, 09:54 #3
potrebbe consentire miglioramenti sensibili nella durata della batteria dei dispositivi e un traffico internet inferiore a parità di contenuti.


bwahahah

sensibili è proprio grossa.... non credo che il problemone di arrivare a fine giornata si risolva tirando via un 20% di consumo -di banda-
(e pure meno, lo smartphone non si usa solo tramite pagine web, ci sono moltissimi download di contenuti che non passano per compressione)
anche perchè il grosso dei consumi alla fin fine è il monitor
ha ragione l'utente sopra: meno pubblicità = piu leggibilità e meno dati e si carpiscono le informazioni piu velocemente
andbad24 Settembre 2015, 11:30 #4
Bah. Se una cosa viene compressa, deve anche essere de-compressa. Il guadagno in termini di banda ci può essere, ma il consumo di batteria potrebbe per assurdo aumentare.

By(t)e
Rubberick24 Settembre 2015, 11:30 #5
sembrerebbe poco ma magari su scala immensa le cose cambiano
CamilloCorleone24 Settembre 2015, 12:45 #6
Originariamente inviato da: Rommie
Eliminata quella le pagine si caricano il 600% più velocemente.


Eliminata quella, paghi un canone al sito che visiti, visto che la gente non lavora gratis. Oppure, eliminata quella, chi si occupa di scrivere e amministrare i contenuti smette di farlo visto che se devo stare 8 ore dietro un computer per offrire un servizio gratuito vado a finire sotto ai ponti nel giro di due mesi.
NetNightmareITA24 Settembre 2015, 14:17 #7
Originariamente inviato da: CamilloCorleone
Eliminata quella, paghi un canone al sito che visiti, visto che la gente non lavora gratis. Oppure, eliminata quella, chi si occupa di scrivere e amministrare i contenuti smette di farlo visto che se devo stare 8 ore dietro un computer per offrire un servizio gratuito vado a finire sotto ai ponti nel giro di due mesi.


Dove è scritto che devi guadagnare con un sito internet ?
Un tempo i siti si reggevano su appassionati che ci mettevano tempo e passione.
E gli articoli erano di ben altro spessore. Non lo schifo che c'è oggi. Un articolo semiserio ogni 5 di completa fuffa.

CIAWA
litocat24 Settembre 2015, 14:31 #8
Originariamente inviato da: NetNightmareITA
Dove è scritto che devi guadagnare con un sito internet ?
Un tempo i siti si reggevano su appassionati che ci mettevano tempo e passione.
E gli articoli erano di ben altro spessore. Non lo schifo che c'è oggi. Un articolo semiserio ogni 5 di completa fuffa.

CIAWA

E quello semiserio a volte è pure scopiazzato da altri siti.
CamilloCorleone27 Settembre 2015, 16:30 #10
Originariamente inviato da: NetNightmareITA
Dove è scritto che devi guadagnare con un sito internet ?
Un tempo i siti si reggevano su appassionati che ci mettevano tempo e passione.
E gli articoli erano di ben altro spessore. Non lo schifo che c'è oggi. Un articolo semiserio ogni 5 di completa fuffa.

CIAWA


Dov'è scritto che sui siti internet non ci debba essere la pubblicità? Io sono del parere che chi offre contenuti ed è un "appassionato" può tranquillamente offrirli gratuitamente. Chi invece lo vuole fare come professione, deve essere libero di poterci guadagnare. Se vuoi andare a fare volontariato, lo fai, ma non è per questo che medici e infermieri non devono guadagnare.
In Italia però purtroppo tutto ciò che è legato ad Internet e all'informatica è una stupidaggine, una cosa da ragazzini, un gioco, quindi è normale pensare che non ci si debba guadagnare. Non sai quanti pretendono assistenza praticamente gratuita sui PC perché "tanto mio nipote sarebbe capace lo stesso" oppure "se mi cerco la guida su internet posso farlo anche io".
Però quando chiamano un idraulico che gli prende €50 l'ora non pensano che se leggessero un manuale o se chiamassero il cugino sarebbe gratis.
Allo stesso modo spiegami perché le testate giornalistiche di tutto il mondo e di tutti i tempi hanno potuto pagare i propri redattori e generare utili, mentre una testata giornalistica online DEVE (secondo l'arroganza generale) lavorare gratis. Ti sto offrendo un contenuto, perdo ore e ore per te, non ti chiedo nemmeno di pagare, metto solo dei banner pubblicitari e devo ancora essere insultato? Se ti danno fastidio i miei banner, così come "se ti dà fastidio pagare €1 il giornale", puoi benissimo non visualizzare la pagina così come "puoi benissimo non comprarlo".

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^