Internet in Italia va a rilento: colpa anche della mancanza della TV via cavo?

Internet in Italia va a rilento: colpa anche della mancanza della TV via cavo?

Tutta colpa di Mamma RAI se le nostre connessioni internet vanno a rilento? In quei paesi in cui la penetrazione dei servizi via cavo è molto ampia gli operatori sono stati costretti a grossi investimenti per reggere la concorrenza dei servizi via cavo, spingendo in alto l'asticella delle prestazioni delle reti. L'Italia vedo uno 0% alla voce TV via cavo...

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 15:51 nel canale Web
RAIHuawei
 

In Italia ci troviamo spesso a lamentarci della qualità (e soprattutto della velocità) delle nostre connessioni internet: lo facciamo a ragione, come conferma il recente report rilasciato da Akamai. Secondo il report la velocità media di Internet in Italia si attesta ad un valore di 8,2 Mbps. Un valore ben distante da quello della Norvegia, prima in classifica, con una velocità di ben 20,1 Mbps. Sono molte le cause a cui è imputabile questa arretratezza, che è innanzitutto una mancanza di infrastrutture adeguate. L'orografia e la distribuzione del nostro Paese sono certamente un punto di criticità per chi costruisce le reti, ma dall'Ultra BroadBand Forum 2016 organizzato da Huawei a Francoforte emerge un nuovo dato da aggiungere al puzzle.

TV via cavo in Italia allo 0%

Italia e Grecia sono gli unici Paesi Europei ad avere una copertura della televisione via cavo pari allo 0%. Come influenza questo fatto la scarsa qualità delle connessioni internet? Analizzando il tema dello sviluppo della banda ultra larga negli anni a venire, da qui al 2020, Matthias Kurth Presidente della European Cable Operators Association, associazione che riunisce a livello europeo i fornitori di servizi di televisione via cavo, ha evidenziato come al giorno d'oggi portare la TV via cavo in casa delle persone non è molto differente da farvi arrivare una connessione internet: sempre di dati stiamo parlando.

In quei paesi in cui la penetrazione dei servizi via cavo è molto ampia gli operatori 'incumbent', termine con cui nelle telecomunicazioni si indicano le aziende ex-monopoliste, sono stati costretti negli anni a grossi investimenti per reggere la concorrenza dei servizi via cavo, spingendo in alto l'asticella delle prestazioni delle reti.

Questa concorrenza è stata sicuramente di beneficio per gli utenti, che trovano da un lato gli operatori pronti a investire per migliorare le reti e dall'altro i provider della TV via cavo sotto pressione (e quindi alla ricerca di miglioramenti per i propri servizi) da quando gli operatori di rete si sono trasformati anche in content provider. Tutta colpa quindi di Mamma RAI se le nostre connessioni internet vanno a rilento?

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

51 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick30 Settembre 2016, 16:06 #1
Beh se avessimo adoperato in un secondo momento la tv via cavo avremmo forse una configurazione diversa.

Però ritengo sia stato un bene non adoperarla in un primo momento (subito), poichè l'implementazione del passato come negli usa è stata fatta con coassiali in rame. Dunque nessun vantaggio effettivo rispetto ad una bella fibra monomodale di ora.

Spostare la tv via cavo avrebbe anche il non trascurabile vantaggio di poter riconvertire quelle frequenze ora utilizzate per il broadcast per altri scopi, 5G sperimentale incluso.
inited30 Settembre 2016, 16:09 #2
La tv via cavo è uno dei motivi per cui, dove sono, ho 150Mbps in downlink.
acerbo30 Settembre 2016, 16:34 #3
Originariamente inviato da: Rubberick
Beh se avessimo adoperato in un secondo momento la tv via cavo avremmo forse una configurazione diversa.

Però ritengo sia stato un bene non adoperarla in un primo momento (subito), poichè l'implementazione del passato come negli usa è stata fatta con coassiali in rame. Dunque nessun vantaggio effettivo rispetto ad una bella fibra monomodale di ora.

Spostare la tv via cavo avrebbe anche il non trascurabile vantaggio di poter riconvertire quelle frequenze ora utilizzate per il broadcast per altri scopi, 5G sperimentale incluso.


Ne sei sicuro?

io sono cablato con il coassiale, volendo potrei richiedere anche l'allaccio gratuito direttamente col cavo ottico e relativa sostituzione del router, e vado a 96megabit in download e circa 6 in upload con la banda dedicata al traffico ipTV separato da quello dati.
Si possono avere connessioni veloci anche con cavi di rame analogici, basta fare le infrastrutture.
Il vantaggio del 100% fibra ottica lo avrei soprattutto con l'upload che passerebbe a 50 mega, ma per le mie necessità non é fondamentale.
floc30 Settembre 2016, 16:37 #4
ma che senso ha pensare alla mancanza di penetrazione della tv via cavo come motivo della scarsa qualita' delle connessioni in un paese dove fino al 2000 c'era SOLO TELECOM? Non sarebbe cambiato nulla.
acerbo30 Settembre 2016, 16:40 #5
Originariamente inviato da: floc
ma che senso ha pensare alla mancanza di penetrazione della tv via cavo come motivo della scarsa qualita' delle connessioni in un paese dove fino al 2000 c'era SOLO TELECOM? Non sarebbe cambiato nulla.


Sarebbe cambiato TUTTO, perché costringevi la gente a guardare la tv via internet come nei paesi sviluppati e non installando milioni di parabole e antenne del digitale terrestre come nei campi rom e le infrastrutture sarebbero venute di conseguenza, la televisione sarebbe stato un traino per internet e viceversa, all'estero si tende a ragionare cosi' da quasi 15 anni.
AleLinuxBSD30 Settembre 2016, 16:43 #6
E' chiaro che più concorrenza porterebbe a miglioramenti ma data la situazione italiana, la morfologia del nostro territorio, ed i noti problemi burocratici, ecc. perché non pensare invece a soluzioni a costo zero per l'utenza e lo Stato?
Es. usare parte del canone Rai e parte delle entrate pubblicitarie di Mediaset, dato che si trovano in condizioni di oligopolio, imponendo ai provider una velocità minima effettiva decente, con l'incentivo di ottenere parte di queste denari.
Marci30 Settembre 2016, 16:59 #7
Originariamente inviato da: AleLinuxBSD
E' chiaro che più concorrenza porterebbe a miglioramenti ma data la situazione italiana, la morfologia del nostro territorio, ed i noti problemi burocratici, ecc. perché non pensare invece a soluzioni a costo zero per l'utenza e lo Stato?
Es. usare parte del canone Rai e parte delle entrate pubblicitarie di Mediaset, dato che si trovano in condizioni di oligopolio, imponendo ai provider una velocità minima effettiva decente, con l'incentivo di ottenere parte di queste denari.


Non mi sembra che l'Italia sia lunico stato ad avere delle montagne.. In pianura padana poi KM e KM di piattume.
fano30 Settembre 2016, 17:07 #8
Stavolta comunque "mamma RAI" non c'entra nulla

Le prime "TV libere" tipo Telebiella trasmettevano effettivamente via cavo, poi venne la Mammì che legalizzò le TV libere, ma pose come limitazione che la tv via cavo è vietata in Italia... non ha senso? Perché in Italia soprattutto nel settore telecomunicazioni le leggi hanno mai senso?

Quindi è grazie alla Mammì che in Italia le poche reti via cavo sono state smantellate, è per questo che ci siamo dovuti guardare per anni la TV analogica con le righe e pupparci il monopolio Telecom per anni quando all'estero i provider via cavo ti facevano andare a 100 MB/s senza tante menate!

Una cosa però non è che si deve sostituire il SAT o il DTT con il cavo uno deve essere libero di scegliere il sistema che preferisce in particolare il DTT deve esistere sempre il cavo ve lo scordate nella casa di campagna sul monticello... con il DTT o il SAT qualcosa vedreste comunque!
azi_muth30 Settembre 2016, 17:09 #9
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/web/in...cavo_64885.html

Tutta colpa di Mamma RAI se le nostre connessioni internet vanno a rilento? In quei paesi in cui la penetrazione dei servizi via cavo è molto ampia gli operatori sono stati costretti a grossi investimenti per reggere la concorrenza dei servizi via cavo, spingendo in alto l'asticella delle prestazioni delle reti. L'Italia vedo uno 0% alla voce TV via cavo...

Click sul link per visualizzare la notizia.


Aver privatizzato un'azienda pubblica per creare un monopolio privato cedendo la rete invece non c'entra nulla vero?
matteo130 Settembre 2016, 17:11 #10
in realtà un tentativo per la tv via cavo fu fatta verso il 1996-1997 circa con la piattaforma stream; un mio parente che abitava a bologna si abbonò 1 anno alla tv via cavo, ma i costi mensili erano molto alti; vado a memoria circa 50-60 vecchie mila lire al mese per l'offerta base

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^