Green Pass: quali sono le novità! Come riceverlo e dove vale secondo il nuovo decreto

Green Pass: quali sono le novità! Come riceverlo e dove vale secondo il nuovo decreto

Il Green Pass o per meglio dire della Certificazione Verde COVID-19 è diventata realtà ormai da qualche mese. Il governo però, vista la preoccupazione della variante Delta, ha deciso di utilizzarlo in modo più specifico per limitare alcune attività dal prossimo 6 agosto. Ecco allora tutto quello che dovete sapere sul nuovo decreto.

di pubblicata il , alle 12:10 nel canale Web
 

Il Green Pass è finalmente realtà dallo scorso giugno! Dopo tanta attesa il Governo italiano ha ufficializzato con un DPCM la Certificazione verde COVID-19 ossia il famoso Green Pass che permetterà a chiunque di viaggiare (in Italia o in Europa), di partecipare agli eventi o anche di fare tutto quello che finora era stato in qualche modo bloccato a causa della pandemia. È un passaggio obbligato per chi vuole tornare alla normalità di un tempo (o quasi) ma è di fatto una ripartenza in sicurezza con la facilità dell'accesso, anche in modo digitale, ad un pass che permette di avere sempre e comunque a portata di mano un lasciapassare per ogni tipo di attività.

La diffusione della variante Delta, fortemente contagiosa e che sta facendo risalire velocemente i contagi, ha fatto sì che il Governo decidesse con un nuovo decreto di ampliare l'uso del Green Pass anche per alcune attività o anche per entrare ad esempio in un ristorante al chiuso. Una novità che viene sfruttata dal Governo per non dover tornare sulle chiusure del paese che sappiamo non vanno più a genio a nessuno dopo i duri mesi trascorsi dalla scoperta del virus.

Vediamo allora cosa cambia rispetto a prima. Come è possibile avere il Green Pass (anche digitalmente) e soprattutto cosa è possibile fare e cosa no con o senza il Green Pass.

Green Pass: come è fatto e come ottenerlo

La Certificazione verde COVID-19 - EU digital COVID certificate nasce su proposta della Commissione europea per agevolare la libera circolazione in sicurezza dei cittadini nell'Unione europea durante la pandemia di COVID-19. È una certificazione digitale e stampabile (cartacea), che contiene un codice a barre bidimensionale (QR Code) e un sigillo elettronico qualificato. In Italia, viene emessa soltanto attraverso la piattaforma nazionale del Ministero della Salute.

La Certificazione attesta una delle seguenti condizioni:

  • aver fatto la vaccinazione anti COVID-19 (anche con una dose)
  • essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore
  • essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi

In questo caso ricordiamo che mentre nei giorni scorsi si parlava della possibilità di adeguare le regole per il rilascio della Certificazione verde a quelle europee, consentendo di scaricare il documento solo a 14 giorni dalla seconda dose di vaccino, alla fine si è deciso di lasciare le cose come stanno per il momento. Questo significa che il Green Pass si potrà ottenere a due settimane dalla prima dose (validità di 9 mesi).

Acquisire la Certificazione verde COVID-19 è semplice. Sono stati previsti più canali, con o senza identità digitale, in piena autonomia o con un aiuto.

Tutte le certificazioni associate alle vaccinazioni effettuate saranno rese disponibili entro il 28 giugno. Se hai ricevuto via sms o email il codice per avvenuta vaccinazione, test negativo o la guarigione da COVID-19 puoi già scaricare la Certificazione verde.

La Certificazione verde COVID-19, in Europa “EU Digital COVID Certificate”, è rilasciata in Italia dal Ministero della Salute in formato digitale e stampabile.

Ecco tutte le piattaforma da dove poter estrapolare e ricevere il certificato verde:

1) Dal sito del Governo a QUESTA PAGINA

Dopo esserti autenticato con le tue credenziali SPID o CIE, puoi acquisire la Certificazione verde COVID–19 direttamente sul sito.

QUI per richiedere la certificazione verde COVID-19

2) Con Tessera Sanitaria o documento di identità

Puoi ottenere la Certificazione verde COVID–19 senza utilizzare l’identità digitale (SPID o CIE).

Se possiedi la Tessera Sanitaria inserisci:

  • le ultime 8 cifre del numero identificativo della tua tessera sanitaria,
  • la data di scadenza della stessa,
  • uno dei codici univoci ricevuti con:
    • il tampone molecolare (CUN)
    • il tampone antigenico rapido (NRFE)
    • il certificato di guarigione (NUCG).
    In alternativa a questi codici, puoi inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria.

Se non possiedi la Tessera Sanitaria, in quanto non sei iscritto al SSN, inserisci:

  • il tipo e numero di documento che hai fornito in sede di esecuzione del tampone o di emissione del certificato di guarigione
  • la data di scadenza della stessa,
  • uno dei codici univoci ricevuti con:
    • il tampone molecolare (CUN)
    • il tampone antigenico rapido (NRFE)
    • il certificato di guarigione (NUCG).
    In alternativa a questi codici, puoi inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria.

QUI per richiedere la certificazione verde COVID-19

3) Tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico

Puoi acquisire la certificazione verde COVID-19 accedendo al tuo Fascicolo Sanitario Elettronico, con le modalità previste nella tua Regione di assistenza. La Certificazione verde COVID-19 è messa a disposizione in formato scaricabile e stampabile (PDF)

QUI per richiedere la certificazione verde COVID-19

4) Tramite App Immuni o IO

Immuni

Puoi acquisire la Certificazione verde COVID-19 utilizzando l’App Immuni attraverso l’apposita sezione “EU digital COVID certificate” visibile nella schermata iniziale della APP.

Per ottenere la Certificazione verde COVID-19 devi inserire:

  • le ultime 8 cifre del numero identificativo della tessera sanitaria,
  • la data di scadenza della stessa,
  • uno dei codici univoci ricevuti con:
    • il tampone molecolare (CUN)
    • il tampone antigenico rapido (NRFE)
    • il certificato di guarigione (NUCG).
    In alternativa a questi codici, puoi inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria.

La Certificazione verde COVID–19 viene mostrata a video e il QR code salvato nel dispositivo mobile in modo che possa essere visualizzato e mostrato anche in modalità offline.

QUI per richiedere la certificazione verde COVID-19

IO

Presto potrai acquisire la Certificazione verde COVID-19 utilizzando l’App IO, ricevendo direttamente un messaggio ogni volta che la Piattaforma nazionale rilascerà un certificato intestato a te.

QUI per richiedere la certificazione verde COVID-19

5) Con l’aiuto di medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, farmacie

Il medico e il farmacista, accedendo con le proprie credenziali al Sistema Tessera Sanitaria, potranno recuperare la tua Certificazione verde COVID-19. Serviranno il tuo codice fiscale e i dati della Tessera Sanitaria che dovrai mostrare loro. La Certificazione verde COVID-19 ti sarà consegnata in formato cartaceo o digitale.

Green Pass: dove sarà obbligatorio esibirlo?

Il Green Pass, secondo le nuove direttive del Governo che ha approvato proprio nella serata di ieri il nuovo decreto, sarà obbligatorio per tutti dai 12 anni in su per entrare o realizzare alcune specifiche attività (soprattutto al chiuso). Nello specifico sappiate che il Green Pass sarà necessario agli over 12 per l'accesso a:

  • eventi sportivi
  • fiere
  • congressi
  • musei,
  • parchi tematici e di divertimento,
  • centri termali,
  • sale bingo e casinò,
  • teatri
  • cinema,
  • concerti,
  • concorsi pubblici,
  • piscine
  • palestre, 
  • sport di squadra
  • centri benessere

Non solo perché anche per sedersi al Bar (al chiuso) o al ristorante (sempre al chiuso) sarà necessario l'obbligo del Green Pass a meno che la consumazione avvenga al bancone o appunto all'aperto. Rimangono esclusi i trasporti ossia per andare sul bus o in treno, in aereo o in nave non sarà ancora necessario esibire il Green Pass. Se ne riparlerà in caso a settembre con l'avvio delle scuole e di più attività lavorative.

Green Pass: chi controllerà?

A controllare i Green Pass saranno i titolari o i gestori dei vari servizi dove è obbligatoria la certificazione verde. In questo caso si dovrà verificare l'idonea validità della certificazione e in caso di controlli da parte delle autorità sarà possibile anche la sanzione pecuniaria dai 400 ai 1.000€ a carico sia dell'esercente che dell'utente. Non solo perché varrà anche la reiterazione ossia se per 3 volte in 3 giorni l'esercizio verrà ''beccato'' a non rispettare le regole potrà obbligatoriamente venire chiuso da 1 a 10 giorni.

119 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
egounix23 Luglio 2021, 12:32 #1
quindi danno per scontato che tutti gli esercenti siano doppiadosizzati

cool!

mi pare un gran passo in avanti nella democrazia, e io che mi lamentavo se mi guardavano male quando facevo il saluto romano
tommy78123 Luglio 2021, 12:48 #2
io avendo avuto un mese fa un ictus non posso fare il vaccino e non esiste nessuna delega in merito al green pass, grazie mille per avermi escluso così come tutti quelli che non possono per ragioni mediche fare il vaccino. Per la cronaca non posso neanche permettermi di fare tamponi a pagamento a livello economico. Se a tutto questo aggiungiamo che i medici sostengono che le varianti sono causate dai vaccini stessi che selezionano in via indiretta i ceppi resistenti...direi che abbiamo perso il senso della misura.
Però senza pass posso andare al banco passando tra i clienti e consumare là tranquillamente, da chiedersi la differenza tra bancone affollato o tavolino separato quale sia la migliore.
Poi scusate, a settembre se lo mettono obbligatorio per i mezzi pubblici i ragazzi saranno di conseguenza obbligati a vaccinarsi anche se è sconsigliato per i giovani?
Saturn23 Luglio 2021, 12:50 #3
Per capire meglio...adesso ogni singolo bar, piscina, palestra, cinema, etc. etc. dovranno dotarsi di un lettore qr-code ?

Oppure controlleranno "a vista"...sulla fiducia ?

Premesse, non voglio entrare nel merito del vaccinarsi o meno (lo sono, ma questo non ha importanza in questa discussione), ma cosa vieterebbe a qualcuno in caso di controlli blandi, a vista, di utilizzarne uno falso oppure quello vero di qualche "drittone di turno" che l'ha pubblicato nello stato whatsapp ? Con pochi sforzi si cambia il nome e salvo l'utilizzo di uno strumento informatico per verificarlo e scoprire che è falso o intestato a persona diversa, l'inganno riuscirebbe...

Quindi ripeto la domanda ? Tutti gli esercizi dovranno dotarsi (e spendere) di un nuovo strumento, probabilmente collegato a internet per verificare l'autenticità.

E tutto questo da qui al 6 agosto ? Mah...! Prevedo macello. Anzi prevedo che questa volta è la volta buona che si scatenerà qualche grosso casino a livello sociale.
TheFanDance23 Luglio 2021, 13:02 #4
Originariamente inviato da: Saturn
Per capire meglio...adesso ogni singolo bar, piscina, palestra, cinema, etc. etc. dovranno dotarsi di un lettore qr-code ?

Oppure controlleranno "a vista"...sulla fiducia ?

Premesse, non voglio entrare nel merito del vaccinarsi o meno (lo sono, ma questo non ha importanza in questa discussione), ma cosa vieterebbe a qualcuno in caso di controlli blandi, a vista, di utilizzarne uno falso oppure quello vero di qualche "drittone di turno" che l'ha pubblicato nello stato whatsapp ? Con pochi sforzi si cambia il nome e salvo l'utilizzo di uno strumento informatico per verificarlo e scoprire che è falso o intestato a persona diversa, l'inganno riuscirebbe...

Quindi ripeto la domanda ? Tutti gli esercizi dovranno dotarsi (e spendere) di un nuovo strumento, probabilmente collegato a internet per verificare l'autenticità.

E tutto questo da qui al 6 agosto ? Mah...! Prevedo macello. Anzi prevedo che questa volta è la volta buona che si scatenerà qualche grosso casino a livello sociale.

Senza contare il fatto che gli esercenti andranno anche incontro a sanzioni pecuniarie in caso di inadempienze e che l'utente li metterebbe a conoscenza della sua situazione sanitaria.
Con buona pace della privacy.
barbara6723 Luglio 2021, 13:08 #5
Originariamente inviato da: TheFanDance
Senza contare il fatto che gli esercenti andranno anche incontro a sanzioni pecuniarie in caso di inadempienze e che l'utente li metterebbe a conoscenza della sua situazione sanitaria.
Con buona pace della privacy.


E in che modo verrebbe a sapere della tua situazione sanitaria ?

Visto che legge solo un QR-Code e riceve una "v" verde o rossa.
barbara6723 Luglio 2021, 13:10 #6
Originariamente inviato da: Saturn
Per capire meglio...adesso ogni singolo bar, piscina, palestra, cinema, etc. etc. dovranno dotarsi di un lettore qr-code ?

Oppure controlleranno "a vista"...sulla fiducia ?

Premesse, non voglio entrare nel merito del vaccinarsi o meno (lo sono, ma questo non ha importanza in questa discussione), ma cosa vieterebbe a qualcuno in caso di controlli blandi, a vista, di utilizzarne uno falso oppure quello vero di qualche "drittone di turno" che l'ha pubblicato nello stato whatsapp ? Con pochi sforzi si cambia il nome e salvo l'utilizzo di uno strumento informatico per verificarlo e scoprire che è falso o intestato a persona diversa, l'inganno riuscirebbe...

Quindi ripeto la domanda ? Tutti gli esercizi dovranno dotarsi (e spendere) di un nuovo strumento, probabilmente collegato a internet per verificare l'autenticità.

E tutto questo da qui al 6 agosto ? Mah...! Prevedo macello. Anzi prevedo che questa volta è la volta buona che si scatenerà qualche grosso casino a livello sociale.


https://www.punto-informatico.it/ve...tificato-verde/

Non mi dire che i Ristoratori o Baristi non hanno un cellulare.
matrix8323 Luglio 2021, 13:12 #7
Originariamente inviato da: Saturn
Per capire meglio...adesso ogni singolo bar, piscina, palestra, cinema, etc. etc. dovranno dotarsi di un lettore qr-code ?

Oppure controlleranno "a vista"...sulla fiducia ?

Premesse, non voglio entrare nel merito del vaccinarsi o meno (lo sono, ma questo non ha importanza in questa discussione), ma cosa vieterebbe a qualcuno in caso di controlli blandi, a vista, di utilizzarne uno falso oppure quello vero di qualche "drittone di turno" che l'ha pubblicato nello stato whatsapp ? Con pochi sforzi si cambia il nome e salvo l'utilizzo di uno strumento informatico per verificarlo e scoprire che è falso o intestato a persona diversa, l'inganno riuscirebbe...

Quindi ripeto la domanda ? Tutti gli esercizi dovranno dotarsi (e spendere) di un nuovo strumento, probabilmente collegato a internet per verificare l'autenticità.

E tutto questo da qui al 6 agosto ? Mah...! Prevedo macello. Anzi prevedo che questa volta è la volta buona che si scatenerà qualche grosso casino a livello sociale.


Tanto per cominciare il lettore di QR code è presente in ogni telefono. E comunque il green pass conviene sempre stamparlo e portarselo cartaceo.


Originariamente inviato da: tommy781
io avendo avuto un mese fa un ictus non posso fare il vaccino e non esiste nessuna delega in merito al green pass, grazie mille per avermi escluso così come tutti quelli che non possono per ragioni mediche fare il vaccino. Per la cronaca non posso neanche permettermi di fare tamponi a pagamento a livello economico. Se a tutto questo aggiungiamo che i medici sostengono che le varianti sono causate dai vaccini stessi che selezionano in via indiretta i ceppi resistenti...direi che abbiamo perso il senso della misura.
Però senza pass posso andare al banco passando tra i clienti e consumare là tranquillamente, da chiedersi la differenza tra bancone affollato o tavolino separato quale sia la migliore.
Poi scusate, a settembre se lo mettono obbligatorio per i mezzi pubblici i ragazzi saranno di conseguenza obbligati a vaccinarsi anche se è sconsigliato per i giovani?


Se stai così male, non ti serve perchè non devi andare in nessuno di quei posti. Se non puoi permetterti un tampone poi, non credo tu possa andare in sale bingo, cinema e quant'altro.

Originariamente inviato da: egounix
quindi danno per scontato che tutti gli esercenti siano doppiadosizzati

cool!

mi pare un gran passo in avanti nella democrazia, e io che mi lamentavo se mi guardavano male quando facevo il saluto romano


Se impari a leggere il Green Pass viene emesso dopo la prima dose.
Mparlav23 Luglio 2021, 13:18 #8
Le sanzioni sono le stesse di chi non usa la mascherina, a carico dell'esercente e del cliente.

Qui
https://www.dgc.gov.it/web/app.html

l'app VerificaC19 per leggere il QR.
R@nda23 Luglio 2021, 13:22 #9
Mi stampo il Qr di una boccia di vino e mostro quello.
Sono vaccinato..ma bho.
canislupus23 Luglio 2021, 13:32 #10
@tommy781

Mi spiace per la tua situazione.
Purtroppo spesso è difficile contemplare le varie casistiche.
Bisogna solo sperare che qualcuno si accorga di questa anomalia (che per inciso riguarda anche tutti i minori di 12 anni).

@barbara67

Presumo che almeno nome, cognome e data di nascita dovranno richiederla e verificarla.
Altrimenti cosa vieterebbe a qualcuno di usare il QR Code stampato del Sig. Mario Rossi di 45 anni?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^