Gmail, le mail dinamiche arriveranno il 2 Luglio: cosa sono e come funzioneranno

Gmail, le mail dinamiche arriveranno il 2 Luglio: cosa sono e come funzioneranno

Google ha lanciato a inizio anno un nuovo format basato sulla tecnologia AMP per i contenuti presenti nelle e-mail. Il supporto alla funzionalità arriverà su Gmail a partire dal 2 Luglio

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Web
Google
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cronos199012 Giugno 2019, 08:30 #11
Originariamente inviato da: inited
Forse i libri di "Henry Potter", ma quelli di "Harry Potter" non li puoi leggere senza essere detentore di una copia, a meno che qualcuno non te ne abbia prestata una (che può cederti solo come bene fisico, mentre di un libro elettronico non potrebbe cederti una copia in quanto è una distribuzione di cui il detentore dei diritti si riserva l'esclusiva). Li paghi sia se vuoi farci una recita a scuola sia se li vuoi semplicemente leggere.
L'esempio dei libri che ha fatto Sandro kensan è sbagliato, però attenzione: open source non vuol dire gratuito, sebbene quasi tutti lo pensano. Vuol dire che puoi avere accesso al codice sorgente senza limitazioni e modificarlo secondo le tue esigenze, ma non è detto che lo sia gratuitamente (e anzi, le linee guida iniziali con cui è nato l'open source lasciano intendere l'esatto opposto).

Nell'esempio dei libri di Terry Porter (facendo una grossa forzatura), vorrebbe poter dire che tu puoi accedere alle bozze, modificare il testo della Rowling e poi pubblicarlo.


Tralasciando il discorso open source (che non centra nulla): se vuoi fare una cribbio di chat... crea una chat. Non mi andare a rovinare con queste cagate il servizio di mail.
Alpha412 Giugno 2019, 11:56 #12
sinceramente non la penso così.. tante volte per trovare una storia di una mail devo andare a fare ricerche assurde nella cronologia dove in ogni mail magari c'è solo una frase.. Se questo snellisce la ricerca e il passaggio delle informazioni non vedo cosa ci sia di male. Se non lo vuoi usare non lo usi..
Erotavlas_turbo12 Giugno 2019, 16:25 #13
Originariamente inviato da: VanCleef
Perdonatemi l'ignoranza, ma come è possibile questa frase:

?


In realtà, esistono 5 categorie di licenze:
[LIST]
[*]Proprietaria: licenza copyright di tipo EULA utilizzata da software closed source. Esempio: windows, whatsapp.
[*]Copyleft o FOSS: licenza libera o copyleft (GPL v2+, AGPL v2+, CC-BY-SA v3+) utilizzata da software open source per i quali è obbligatorio pubblicare eventuali modifiche con la stessa licenza. Esempio: GNU/linux, telegram.
[*]Lesser Copyleft o Lesser FOSS: licenza libera meno restrittiva o weak copyleft (LGPL v2+, MPL v2) utilizzata in software open source per i quali le eventuali modifiche possono non ereditare la stessa licenza. Esempio: firefox, libreoffice.
[*]Permissiva: licenza aperta (Apache v2, MIT, X11, BSD 3-clause, etc.) utilizzata da software open source per i quali le modifiche possono non essere pubblicate (diventare proprietari). Esempio: chromium->chrome, android AOSP ->android produttori.
[*]Pubblico dominio: la licenza può essere cambiata.
[/LIST]
VanCleef12 Giugno 2019, 16:43 #14
Originariamente inviato da: Erotavlas_turbo
In realtà, esistono 5 categorie di licenze:
[LIST]
[*]Proprietaria: licenza copyright di tipo EULA utilizza da software closed source. Esempio: windows, whatsapp.
[*]Copyleft o FOSS: licenza libera o copyleft (GPL v2+, AGPL v2+, CC-BY-SA v3+) utilizzata da software open source per i quali è obbligatorio pubblicare eventuali modifiche con la stessa licenza. Esempio: GNU/linux, telegram.
[*]Lesser Copyleft o Lesser FOSS: licenza libera meno restrittiva o weak copyleft (LGPL v2+, MPL v2) utilizzata in software open source per i quali le eventuali modifiche possono non ereditare la stessa licenza. Esempio: firefox, libreoffice.
[*]Permissiva: licenza aperta (Apache v2, MIT, X11, BSD 3-clause, etc.) utilizzate da software open source per i quali le modifiche possono non essere pubblicate (diventare proprietari). Esempio: chromium->chrome, android AOSP ->android produttori.
[*]Pubblico dominio: la licenza può essere cambiata.
[/LIST]

grazie, confondevo il concetto di Open Source con la seconda che hai elencato
mi scuso per l'OT

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^