Facebook: i defunti hanno una sezione per essere ricordati dagli amici o conoscenti

Facebook: i defunti hanno una sezione per essere ricordati dagli amici o conoscenti

Chiunque potrà decidere cosa succederà al proprio profilo di Facebook una volta morto. Il Social Network più utilizzato al mondo possiede ora una sezione commemorativa dedicata per amici e parenti che permette di pubblicare contenuti dopo la morte e non solo.

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Web
Facebook
 

"Facebook è il più grande cimitero del mondo", una frase ricorrente negli ultimi tempi che puntualizza effettivamente una questione reale sul fatto che il social sia lo strumento più utilizzato al mondo con i suoi 2 miliardi di "abitanti". Esiste una pagina specifica sul Social Network che permette di impostare il proprio profilo sul futuro nel caso in cui si venga a morire prematuramente o anche per giusta natura.

Per una persona iscritta ai social network la vita continua online anche dopo la morte. Ha fatto notizia la storia di una madre, che dopo la morte del figlio, ha continuato a 'tenere in vita' il profilo del figlio, perché conosceva la password e perché "quella pagina era la mia isola, era un piccolo rifugio senza pretese. Non sono mai stata ossessiva, mai sgarbata, mai inopportuna. Quindi, è tutto normale: è difficile spiegarlo, ma ogni mamma può capirmi", dichiarava la donna.

Facebook ha dunque deciso da diverso tempo di "commemorare" i defunti proponendo una speciale sezione nel profilo dell'utente morto. Un vero e proprio profilo commemorativo ossia una versione diversa da quella del profilo originale che permette, agli eredi designati dall'utente stesso in precedenza, di ricevere post commemorativi in ricordo proprio della persona venuta a mancare. Una sorta di memoriale dove chiunque, amici o parenti, potranno usare per ricordare la persona a loro cara.


Clicca per ingrandire

Facebook: come sono fatti i profili commemorativi

Innanzitutto sappiate che Facebook permette di nominare un contatto edere che gestisca il proprio account commemorativo oppure che lo elimini in modo permanente nel momento della propria morte. Se non si sceglie alcuna delle due strade sappiate che Facebook renderà commemorativo il proprio account non appena si saprà del decesso. Gli account commemorativi permettono ad amici e famiglia di raccogliere e condividere ricordi di una persona deceduta e presentano particolari funzioni:

  • L'espressione In memoria di sarà visualizzata accanto al nome della persona sul suo profilo.
  • A seconda delle impostazioni sulla privacy dell'account, gli amici possono condividere ricordi sul diario commemorativo.
  • I contenuti condivisi dalla persona (ad es. foto e post) continuano a essere su Facebook e sono visibili al pubblico con cui sono stati condivisi.
  • I profili commemorativi non vengono visualizzati in spazi pubblici come i suggerimenti delle Persone che potresti conoscere, le inserzioni o i promemoria dei compleanni.
  • Nessuno può accedere a un account commemorativo.

E gli eredi? Un contatto "erede" è una persona che chiunque su Facebook può scegliere per gestire l'account se viene reso commemorativo. Il social network consiglia vivamente di impostare un contatto erede che gestisca il proprio account quando verrà reso commemorativo. In questo caso un contatto erede può accettare le richieste di amicizia per conto di un account commemorativo, aggiungere un post omaggio al profilo e modificare l'immagine del profilo e quella di copertina. Se l'account commemorativo ha una sezione per gli omaggi, un contatto erede potrà decidere chi può vedere e pubblicare gli omaggi. Insomma l'erede prende in mano il profilo commemorativo e lo porta avanti anche dopo la vita terrena del defunto.

Ricordiamo che la pagina commemorativa e la pagina dell'account originale rimangono comunque separate. Facebook permetterà agli utenti amici o parenti di omaggiare il loro amico o parente defunto sulla pagina specifica commemorativa oppure di continuare a intervenire nei post pubblicati in passato dalla persona morta.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen10 Aprile 2019, 19:30 #1
Diciamo che quando sarò morto il destino della mia pagina facebook sarà l'ultimo dei problemi, ma capisco che a molti possa dare fastidio non avere like postmortem...
Opteranium10 Aprile 2019, 22:52 #2
è ufficiale, fb ti perseguita anche da morto
floc10 Aprile 2019, 23:02 #3
Originariamente inviato da: jepessen
Diciamo che quando sarò morto il destino della mia pagina facebook sarà l'ultimo dei problemi, ma capisco che a molti possa dare fastidio non avere like postmortem...


beh pensa a chi ha una pagina che in qualche modo monetizza, fb, twitter o instagram che sia... L'idea di lasciare tutto a qualcuno può essere utile. In Italia il tema dell'eredità digitale è caldissimo proprio oggi leggevo questo

http://www.ansa.it/piemonte/notizie...eefcde33c6.html

Facebook e google si muovono (anzi, si sono già mossi perchè fb sta copiando google con questa opzione, disponibile già da tempo) ma in maniera non pienamente legale dal punto di vista successorio.
regenesi11 Aprile 2019, 09:47 #4

!!!

Spesso nei film si dice che una volta toccato il fondo si può solo risalire ...
...
ma questi hanno iniziato a SCAVARE !!!!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^