Facebook, ecco tutte le novità in vista delle elezioni italiane

Facebook, ecco tutte le novità in vista delle elezioni italiane

A partire dai prossimi giorni gli utenti del social network potranno confrontare le posizioni dei singoli partiti sulle varie tematiche e seguire in diretta le varie interviste ai leader dei principali partiti e movimenti politici

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Web
Facebook
 

Al fine di offrire la massima trasparenza e rispettare le regole sulla par condicio, Facebook sta introducendo diverse novità in Italia in occasione delle elezioni del prossimo 4 marzo. L'obiettivo della compagnia è quello di aiutare le persone durante le elezioni con strumenti che consentano loro di essere facilmente informati su quando e dove votare, su chi sono i partiti coinvolti e, soprattutto, sulle posizioni dei diversi partiti e movimenti riguardo i tempi più caldi. Il tutto grazie all'aggiunta di Punti di vista, un nuovo strumento della News Feed.

Punti di vista aiuterà gli elettori a confrontare le posizioni dei principali partiti politici su questioni chiave legate alle elezioni. Le informazioni che vengono presentate vengono inserite dagli stessi responsabili dei partiti per mezzo della compilazione di contenuti all'interno della sezione Temi presente nella pagina Facebook dei partiti stessi. Le categorie della sezione, inoltre, sono state definite insieme a CENSIS, uno dei più importanti centri italiani di ricerche socio-demografiche, e all'International Center on Democracy and Democratization della LUISS.

Facebook ha spiegato in una nota rivolta alla stampa i punti chiave del funzionamento di Punti di vista:

  • Punti di Vista comparirà nel News Feed di tutti gli italiani su Facebook, invitandoli a confrontare le posizioni dei principali partiti politici su diversi temi. L'ordine dei partiti è casuale e i contenuti provengono dai partiti politici stessi. Provengono infatti dalla sezione Temi presente sulla loro pagina Facebook, in cui i partiti possono inserire le loro posizioni su diversi argomenti.
  • Punti di vista mostrerà le posizioni dei 10 partiti e movimenti politici che superano l'1% delle intenzioni di voto secondo i principali sondaggi politici elettorali. La sezione Temi è disponibile per tutti i partiti e candidati.
  • Punti di Vista verrà mostrato, una volta ogni tre giorni, nel News Feed delle persone che utilizzano Facebook in Italia e che hanno impostato i loro dispositivi sulla lingua italiana

La nuova sezione verrà proposta insieme a una serie di contenuti dell'ANSA, principalmente interviste via Facebook Live con i principali leader politici italiani che avranno luogo nella sede di Facebook a Milano a partire dalla prossima settimana. Le persone potranno così interagire, fare domande e commentare attraverso gli strumenti ordinari del social network, con la speranza di favorire un dialogo costruttivo e fugare ogni dubbio sul voto grazie anche alla moderazione dei giornalisti di ANSA. Le interviste saranno visibili sia sulla pagina Facebook sia sul sito internet dell'agenzia stampa, dove verrà reso disponibile anche il calendario degli appuntamenti.

Nelle prossime settimane Facebook lancerà anche la funzionalità Candidati, che aiuterà le persone ad entrare in contatto con i candidati e i partiti della loro circoscrizione. In questo modo si possono ricevere informazioni dettagliate sui temi rilevanti per ciascun candidato e sugli eventi previsti in campagna elettorale, oltre a maggiori delucidazioni su come votare con il nuovo sistema elettorale. Il 4 marzo Facebook proporrà in cima alla News Feed uno strumento che fornirà informazioni ufficiali su come e dove votare, e condividere con gli amici di averlo già fatto. Dopo la chiusura dei seggi i risultati degli scrutini saranno visibili su Facebook man mano che verranno aggiornati.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

52 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
coccos8409 Febbraio 2018, 15:52 #1

Idea buona

Speriamo che si sviluppi con attenzione e correttezza...
Tedturb009 Febbraio 2018, 16:05 #2
"L'obiettivo della compagnia è quello di aiutare le persone durante le elezioni [...]"

Non e' l'inizio della fine. Siamo gia a meta'. Quando poi verranno eletti i soliti filoamericani, grandi festeggiamenti perche "la propaganda russa non avrá influenzato gli elettori".
pabloski09 Febbraio 2018, 16:05 #3
Originariamente inviato da: coccos84
Speriamo che si sviluppi con attenzione e correttezza...


Come tutte le cose umane no!?!

E' la solita porcata pro-regime, infatti le news sono solo quelle dell'ANSA. I regimi avanzano da ogni lato ormai.
Noir7909 Febbraio 2018, 16:13 #4
"L'obiettivo della compagnia è quello di aiutare le persone durante le elezioni [...]"

No, l'obiettivo é quello di condizionare gli italiani a votare secondo le posizioni liberal-regressiste promosse da Facebook.
Nui_Mg09 Febbraio 2018, 16:53 #5
Siamo veramente alla follia, non mi stupisce più niente, "corsi e ricorsi della storia".
Notturnia09 Febbraio 2018, 16:57 #6
ed ecco che arriva il condizionamento di zucchina..
danieleg.dg09 Febbraio 2018, 20:21 #7
Originariamente inviato da: Tedturb0
Non e' l'inizio della fine. Siamo gia a meta'. Quando poi verranno eletti i soliti filoamericani, grandi festeggiamenti perche "la propaganda russa non avrá influenzato gli elettori".


La propaganda nelle recenti elezioni americane c'è stata, ormai sarebbe assurdo negarlo. Molto difficile è stabilire se ha avuto successo (o il successo sperato).
Nui_Mg09 Febbraio 2018, 20:37 #8
Originariamente inviato da: danieleg.dg
La propaganda nelle recenti elezioni americane c'è stata,

In che senso? Nel senso che hanno cercato di influenzare gli elettori americani? Se è questo, non è quello che succede praticamente in ogni luogo internettiano, e non solo, di cercare di influenzare questo o quello? Quello che è certo e che è sotto gli occhi di tutti, almeno se si è intellettualmente onesti e che piaccia o meno Trump, è che durante le elezioni politiche QUASI TUTTI gli organi di informazione del MONDO si sono schierati con la Clinton, campagne a favore di 'sta cornuta semplicemente infinite, da parte di tutti gli artisti, da parte di cip&ciop, paperoga, pennino, pluto, ecc.., Trump dalla sua praticamente niente, nemmeno l'intero suo partito

Per ora io le fake news le ho viste praticamente partire quasi esclusivamente da movimenti/persone/sostenitori opposti alla destra. Hollywood, pensa, che è totalmente "democratica" (alcune rare eccezioni tipo Eastwood, il quale è uno spirito libero visto che ha avuto la tranquillità di controbattere nei suoi film ad alcune tematiche tanto "intoccabili" del partito repubblicano che lui sostiene), in alcuni dei suoi prodotti si è permessa di giudicare alcune formazioni di destra europee solo PER SENTITO DIRE (ovviamente oppositori delle destre) dagli altri, prova ne è che alcune di questi moviment politici di destra europea chiedono solo un controllo immigrazione simile a quello da sempre esistito negli USA (che è infinitamente più restrittivo di quello che c'è in Italia e che i nostri falliti dei centri sociali chiamerebbero "fascista" pure nell'epoca del doppio mandato di Obama.

Zero coerenza, ipocrisia infinita, ignoranza e disinformazione a go-go. Brava l'Austria, attualmente non è successo il finimondo sventolato dai pezzenti visto che l'attuale ministero della difesa, dell'interno e degli esteri è in mano non alla destra, ma all'ultra destra austriaca.
LucaLindholm09 Febbraio 2018, 22:42 #9

Ahahahahah

Le uniche elezioni veramente truccate a livello praticamente ufficiale sono state quelle Russe del 1996, dove Zyuganov, del Partito Comunista, era in vantaggio, ma stranamente vinse di nuovo il criminale Eltsin, del quale i russi volevano ampiamente sbarazzarsi visto il declino totale iniziato con la "perestroika" di Gorbaciov, a partire dall'85-86.

Per non parlare di tutti i grandi leader socialisti fatti fuori dagli USA, dai suoi servizi segreti o dalla Nato:
- Allende, nel 1973
- Palme, nel 1986
- Sankara, nel 1987
- Hussein, nel 2006
- Gheddafi, nel 2011

Tedturb010 Febbraio 2018, 00:03 #10
Originariamente inviato da: danieleg.dg
La propaganda nelle recenti elezioni americane c'è stata, ormai sarebbe assurdo negarlo. Molto difficile è stabilire se ha avuto successo (o il successo sperato).


La propaganda americana nelle elezioni italiane c'e' dal secondo dopoguerra, quando le poste americane intercettavano la posta di ritorno degli emigrati italiani, aggiungendo esortazioni a votare per la DC.
Con gli americani funziona cosi. Loro "aiutano", gli altri influenzano.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^