Condividi notizie vecchie di 3 mesi su Facebook? Il social ti avviserà

Condividi notizie vecchie di 3 mesi su Facebook? Il social ti avviserà

Facebook ha annunciato che mostrerà avvisi agli utenti che condividono notizie vecchie di oltre 3 mesi. Nei prossimi mesi l'azienda metterà anche in risalto la fonte delle news su COVID-19. Si tratta di un tentativo per frenare la disinformazione.

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Web
Facebook
 

Facebook avviserà gli utenti se stanno condividendo un articolo più vecchio di tre mesi (90 giorni). La novità del social network guidato da Mark Zuckerberg è pensata per dare alle persone maggiore contesto sugli articoli prima che li condividano con la comunità, nella speranza che quanto diffuso sia non solo più puntuale, ma anche credibile. Insomma, una piccola lotta "preventiva" alla disinformazione.

Si tratta di un tentativo per far riflettere le persone prima che condividano informazioni datate o bufale vere e proprie, senza però operare censura preventiva: gli utenti potranno comunque condividere con i propri amici l'articolo anche dopo l'avviso.

Il social network afferma che la funzionalità è stata sviluppata per evitare che si diffondano vecchie notizie come se fossero nuove, creando potenziale apprensione in chi se le ritrova davanti. L'azienda mostrerà un avviso anche quando si condivideranno notizie sulla COVID-19, specificandone la fonte e aggiungendo un collegamento al Centro di informazioni sul coronavirus che ritroviamo a fianco delle nostro bacheche.

Facebook non è l'unica realtà che sta cercando di capire come veicolare al meglio le informazioni sulle proprie pagine: lo scorso mese Twitter ha annunciato il test di una funzionalità volta a incoraggiare le persone a leggere gli articoli prima di condividerli.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sk0rpi0n28 Giugno 2020, 08:12 #1
Quindi si arrogano il diritto di decidere loro se le notizie, vecchie a parte, siano bufale o meno.
Prendiamo ad esempio il coronavirus: ci rendiamo conto di quanto siano mutate le opinioni di medici e virologi da quando è iniziata l'emergenza fino ad ora?
Notizie che erano ritenute veritiere e da fonti affidabili 3 mesi fa si sono rivelate non veritiere e viceversa; viene da chiedersi come si sarebbe comportato il caro amico Facebook a quel tempo, ma soprattutto ciò non toglie il quesito principale: chi controlla i controllori?
Stiamo andando inesorabilmente verso un futuro controllato dalle grandi corporations, ormai anche i governi non hanno poteri in merito; vedasi il caso della censura del discorso della Cunial in parlamento, dal quale comunque mi discosto: contenuti a parte è stato comunque censurato da YouTube un qualcosa che avrebbe invece dovuto essere disponibile pubblicamente.
Marko_00128 Giugno 2020, 08:36 #2
ieri ho riportato una notizia che circa 100 autovetture della nota,
ed osannata, marca automobilistica di uno che non s'annoia,
hanno inaspettatamente, ed in modo autonomo, accelerato provocando
incidenti e feriti (il noto livello 3 della guida autonoma dopo una fumata)
la notizia è di più di 3 mesi addietro (tra l'altro si riferiva
ad una azione di chiamata in giudizio, non che quell'auto
arriva da 0 a 100 in x secondi facendo sdilinguire gli accelerometri)
quindi la notizia è inaccurata? che pubblichino la notizia che
definisce meglio le cose, se proprio vogliono fare i correttori di bozze,
ma non possono dire, a prescindere, che la notizia non è più vera.
anche perché più nuovo non è sinonimo di più vero
Axios200628 Giugno 2020, 10:20 #3
Fa tanto 1984 di George Orwell: la storia riscritta ogni giorno.

Comunque, peggio per chi usa Facebook. È un sito privato. E loro fanno le regole.
Ago7228 Giugno 2020, 10:28 #4
Io la trovo lodevole come iniziativa, spesso mi imbatto in notizie vecchie condivise, con testo del tipo "guarda cosa stanno cercando di far passare" e solito appello.

Secondo me le fonti dovrebbero avere una valutazione, così che queste "fonti" si impegnino a generare contenuti di qualità, invece di articoli con titoli e sottotitoli(*) strappa click, buoni solo per la pubblicità.


Comunque se qualcuno ha una idea buona per ripulire FB, è il momento di tirarla fuori. Io ormai tengo FB solo per video divertenti... e ho eliminato tutte quelle persone che generano contenuti falsi, a base di rabbia o di odio

(*)
Ahime, molti non vanno oltre il titolo e sottotitolo.
Therinai28 Giugno 2020, 11:40 #5
Originariamente inviato da: sk0rpi0n
Quindi si arrogano il diritto di decidere loro se le notizie, vecchie a parte, siano bufale o meno.
Prendiamo ad esempio il coronavirus: ci rendiamo conto di quanto siano mutate le opinioni di medici e virologi da quando è iniziata l'emergenza fino ad ora?
Notizie che erano ritenute veritiere e da fonti affidabili 3 mesi fa si sono rivelate non veritiere e viceversa; viene da chiedersi come si sarebbe comportato il caro amico Facebook a quel tempo, ma soprattutto ciò non toglie il quesito principale: chi controlla i controllori?
Stiamo andando inesorabilmente verso un futuro controllato dalle grandi corporations, ormai anche i governi non hanno poteri in merito; vedasi il caso della censura del discorso della Cunial in parlamento, dal quale comunque mi discosto: contenuti a parte è stato comunque censurato da YouTube un qualcosa che avrebbe invece dovuto essere disponibile pubblicamente.


Originariamente inviato da: Axios2006
Fa tanto 1984 di George Orwell: la storia riscritta ogni giorno.

Comunque, peggio per chi usa Facebook. È un sito privato. E loro fanno le regole.


Ma avete letto l'articolo almeno? C'è scritto che facebook avvisa gli utenti se condividono notizie più vecchie di 3 mesi. STOP.
Non è una iniziativa campata per aria, un sacco di gente condivide notizie vecchissime convinta che siano novità del momento.
Gio2228 Giugno 2020, 14:02 #6
Originariamente inviato da: Therinai
Non è una iniziativa campata per aria, un sacco di gente condivide notizie vecchissime convinta che siano novità del momento.


Inammissibile!!!!!!!!!!!!!!!!

!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^