AIM è morto: se ne va un pezzo della storia del web

AIM è morto: se ne va un pezzo della storia del web

La "morte" di AIM è stata annunciata ad ottobre, e a partire da oggi il servizio non è più utilizzabile

di Nino Grasso pubblicata il , alle 15:01 nel canale Web
 

AIM è ufficialmente morto. Per anni è stato uno dei servizi di comunicazione online più diffusi, ma con l'avvento dei sistemi moderni di messaggistica, e gli smartphone, l'applicazione di AOL (oggi Oath) ha perso drasticamente in popolarità forzando la compagnia ad annunciare lo scorso mese di ottobre la sua eliminazione a dicembre. AIM nasceva nel 1997 e ha raggiunto il massimo della sua diffusione negli anni '00, ma oggi è quasi del tutto abbandonato.

La morte di AIM è stata annunciata anticipatamente da Michael Albers di Oath, la sussidiaria di Verizon che ha la proprietà di AOL e Yahoo. Queste le sue parole: "Probabilmente vi ricordate il CD, il vostro primo screenname, i messaggi di away attentamente curati, e come organizzavate le vostre buddy list. Oggi potete ricordare com'era competere con i familiari per il computer domestico per chattare con gli amici dopo essere usciti da scuola... Nei tardi anni '90 il mondo non aveva ancora visto niente di simile. E ci ha stupito tutti".

Ad oggi la compagnia non ha ulteriori programmi di messaggistica in preparazione, anche se qualcosa potrebbe bollire in pentola. Un rappresentante di Oath ha dichiarato che "tutti noi in Oath siamo entusiasti di continuare a sviluppare nuova generazioni di brand iconici e prodotti in grado di cambiare le vite agli utenti in tutto il mondo". La società non ha mai offerto una motivazione ufficiale sull'eliminazione del servizio, ma si tratta chiaramente di un vistoso calo di popolarità.

All'inizio del 2017 Ars Technica scriveva che il servizio aveva perso negli ultimi anni milioni di utenti, e supponeva che quest'anno gli utenti AIM erano di molto inferiori ai 10 milioni in tutto il mondo. Con queste cifre inizia a diventare difficile giustificare i costi di mantenimento del protocollo OSCAR proprietario utilizzato sul servizio, e infatti nella prima metà dell'anno Oath si è trovata a eliminare parti dell'applicazione, come ad esempio il supporto dell'accesso alle app di terze parti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
matrix8315 Dicembre 2017, 16:19 #1
Rip Anni 90
chuckbird15 Dicembre 2017, 16:35 #2
Anni '90?
Direi più anni 2000.
Forse negli anni '90 quella roba è stata concepita.
r134815 Dicembre 2017, 22:59 #3
Mai usato AIM. In compenso ho conosciuto mia moglie su ICQ.
arcofreccia16 Dicembre 2017, 00:29 #4
Non pensavo fosse ancora attivo il servizio.. quindi volendo si poteva ancora creare un profilo fino ad oggi?
ethan8616 Dicembre 2017, 10:34 #5
SOLO MSN Messenger!
Notturnia17 Dicembre 2017, 02:24 #6
Pure io ho conosciuto mia moglie su icq e iol elite 9
cdimauro17 Dicembre 2017, 07:41 #7
La mia su una BBS. Per chi sa cosa fosse.
gianluca.f18 Dicembre 2017, 09:07 #8
recoil18 Dicembre 2017, 10:20 #9
Originariamente inviato da: cdimauro
La mia su una BBS. Per chi sa cosa fosse.


mamma mia quanto si va indietro nel tempo
le ho usate, quando ero un piccolo nerd brufoloso

invece AIM non ricordo di averlo usato, ricordo ICQ e poi MSN, oltre ovviamente a IRC

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^