Addio alla net neutrality negli USA dal 23 aprile: ecco cosa cambierà

Addio alla net neutrality negli USA dal 23 aprile: ecco cosa cambierà

Le prime normative alla base dell'eliminazione delle leggi per la protezione della net neutrality verranno applicate a partire dal 23 aprile

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Web
 

Il mondo del web potrebbe cambiare negli USA a partire dal prossimo 23 aprile, data in cui verranno eliminate le protezioni della net neutrality. Le tempistiche sono state annunciate con la pubblicazione delle nuove regole nel Federal Register da parte della Federal Communication Commission (FCC), in cui si legge che dal 23 aprile alcune delle nuove norme verranno poste in atto al fine di revisionare le regole della neutralità della rete volute nel 2015.

Il cambiamento sarà inizialmente parziale perché la nuova normativa prevede anche modifiche nei requisiti per la raccolta dei dati che devono essere approvate dall'Office of Management and Budget. Una volta ricevuta l'approvazione la FCC pubblicherà un ulteriore documento nel registro in cui annuncerà quando le protezioni della net neutrality verranno del tutto scardinate. La nuova pubblicazione darà immancabilmente il via a una nuova battaglia per la neutralità della rete.

Le nuove norme infatti non sono popolari fra tutti i partiti, e c'è già in corso una battaglia al Congresso in cui si è cercato di eliminare del tutto le modifiche volute dai Repubblicani. La paura è che tali richieste non verranno mai ascoltate, visto che il ramo dei conservatori controlla entrambe le camere e si è sempre mostrato contrario in maniera piuttosto unita nei confronti della net neutrality. La battaglia potrebbe inoltre finire in tribunale, divenendo non solo politica ma anche legale.

E c'è un altro problema: le nuove regole sono, secondo alcuni, particolarmente lacunose dal momento che alla base dell'ordine "Restoring Internet Freedom" c'è la revoca totale delle normative a favore della net neutrality del 2015, senza proporre grandi novità in alternativa. Cosa succederà quindi? I fornitori di internet potranno bloccare, rallentare o accelerare contenuti e servizi a scelta se lo vogliono, con il solo obbligo di doverlo dichiarare se effettueranno una di queste azioni.

Il vantaggio è che la FCC avrà un potere maggiore nel rilevare e bloccare ogni tentativo di portare a termine pratiche considerabili anticompetitive. I cambiamenti saranno quindi notevoli dall'oggi al domani? Probabilmente non ci saranno grossi stravolgimenti nell'immediato futuro, tuttavia proprio per la mancanza di regole nette sarà difficile scoprire, nonostante le dichiarazioni degli ISP, quando verranno operati rallentamenti da considerare illeciti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tallines23 Febbraio 2018, 17:42 #1
Se vogliono creare disuguaglianze..........

http://www.lastampa.it/2017/12/15/t...YcO/pagina.html
Therinai23 Febbraio 2018, 23:47 #2
Aria fritta, mai capito che senso abbia il concetto di net neutrality... a parte il dare la possibilità di titolare articoli da bar sport con un'espressione inglese dal tono affascinante.
Notturnia23 Febbraio 2018, 23:51 #3
Non c'è mai stata questa net neutrality
Se vuoi che il tuo sito funzioni devi comprare spazi pubblicitari su google, devi avere un server connesso con molta banda etc.. e non è gratis o uguale per tutti.
A parte le parole degli illusi internet non è uguale per tutti ed è per questo che google, Amazon etc dominano la scena, perché sono loro che dettano le regole e non la net neutrality.
L'ipocrisia che internet sia libera è finita da quando la si usa per fare soldi
Negli anni 90 la si usava per chat tare fra università e li era già diversa perché tu avevi la connessione a 14.4k e gli altri a 128k e la differenza era giorno e notte..
uguaglianza e neutralità in internet ? Una bufala

C'è chi paga 9 euro per avere 200mbit di connessione e chi 40 per averne 6.. net neutrality un.....
thresher325324 Febbraio 2018, 00:07 #4
Originariamente inviato da: Notturnia
Non c'è mai stata questa net neutrality
Se vuoi che il tuo sito funzioni devi comprare spazi pubblicitari su google, devi avere un server connesso con molta banda etc.. e non è gratis o uguale per tutti.
A parte le parole degli illusi internet non è uguale per tutti ed è per questo che google, Amazon etc dominano la scena, perché sono loro che dettano le regole e non la net neutrality.
L'ipocrisia che internet sia libera è finita da quando la si usa per fare soldi
Negli anni 90 la si usava per chat tare fra università e li era già diversa perché tu avevi la connessione a 14.4k e gli altri a 128k e la differenza era giorno e notte..
uguaglianza e neutralità in internet ? Una bufala

C'è chi paga 9 euro per avere 200mbit di connessione e chi 40 per averne 6.. net neutrality un.....

Con la differenza che ora in USA (e poi ovviamente anche da noi perché sia mai che le TLC si lascino scappare l'occasione di fare spiccioli extra) paghi quei 40 per avere i 6 mbit, poi altri 10 per i servizi di streaming, 5 per i servizi di messaggistica, altri 5 per i social network...
Therinai24 Febbraio 2018, 00:27 #5
Raga state confondendo digital divide con net neutrality... il costo per l'accesso non c'entra niente con net neutrality. Per farvi capire di cosa si parla a livello pratico, la net neutrality prevede che chi ti fornisce il servizio non applichi policy che ti facciano aspetare di più per visualizzare la home di hwu rispetto a quella di un sito concorrente... che ne so, tipo tom's hardware.
Provate ad applicare questo scenario su una scala più ampia... che ne so, il capo di amazon litiga con trump e questo fa due chiacchere con il capo di at&t e dal giorno dopo magicamente metà degli abitanti degli states nel fare acquisti online caricano più velocemente le app e i siti dei concorrenti di amazon...
Ma questi controlli sono inapplicabili nella pratica, hai voglia a dimostrare che un ISP abbia in qualche modo un ruolo in questo gioco. Tecnicamente ovviamente lo ha, ma non è possibile dimostrarlo.
E a scanso di equivoci, ripeto: è un esempio, somministrate il criterio al contesto desiderato per ottenere l'effetto desiderato...
Madcrix24 Febbraio 2018, 03:14 #6
Originariamente inviato da: Therinai
Aria fritta, mai capito che senso abbia il concetto di net neutrality... a parte il dare la possibilità di titolare articoli da bar sport con un'espressione inglese dal tono affascinante.


mi sa che le idee un po' confuse, ma la mia voglia di spiegarti i mille motivi per cui sbagli è meno di zero

il max dello sbattito che posso trovare è questo video

https://www.youtube.com/watch?v=MhpKG0FN1CA
Yakkuz24 Febbraio 2018, 05:42 #7
Dai, il concetto di base non è così ostico.

CON

Un'ISP non può scegliere arbitrariamente di favorire un tipo di contenuti rispetto ad un altro (Hai una 20mbit, ma su Spotify vai piano, perché ho il mio servizio di streaming musicale e voglio dargli priorità rispetto alla concorrenza).

SENZA

Si aprono scenari sconosciuti. Non solo nei rallentamenti "sotto-banco" difficilissimi da dimostrare (come l'esempio fatto prima), ma pure nelle pratiche commerciali.

Sarebbe lecita una cosa del genere:

"Vuoi un ADSL premium che ti permetta di vedere Netflix velocemente, senza attese e stuttering? Per oggi solo 5€ aggiuntivi al mese!"

E ti cambiano solo la priorità dei pacchetti, senza un briciolo di banda in più.

E' come se in autostrada mettessero una corsia preferenziale solo per chi paga di più e rallentassero tutti gli altri per rendere più allettante la versione "premium".
Opteranium24 Febbraio 2018, 08:51 #8
Una su tutte: addio a torrent, eMule e simili, perché la banda per questi verrà ridotta all'osso all'istante, sotto richiesta più o meno esplicita di MPAA e compagnia
TheZioFede24 Febbraio 2018, 08:58 #9
anche letto che da aprile l'uk vuole bloccare il porno online, anche se non ho capito come... ultimamente usa e uk vanno a braccetto
s-y24 Febbraio 2018, 09:58 #10
quello che è sul piatto non è il concetto di web libero. la libertà assoluta è un concetto astratto...

casomai si parla di 'meno libero di adesso', anche se l'applicazione pratica non è ancora chiara, ci sono varie opzioni possibili, delle quali nessuna ininfluente. staremo comunque a vedere, e da qui ovviamente aspetteremo a sfintere aperto, tanto siano abituati

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^