WhatsApp: dal 15 maggio cambia tutto sulla privacy! Ecco cosa devi sapere se non accetti

WhatsApp: dal 15 maggio cambia tutto sulla privacy! Ecco cosa devi sapere se non accetti

Il prossimo 15 Maggio si avvicina e per gli utenti che usano WhatsApp potrebbe essere una data importantissima. In questo caso il sistema di messaggistica più famoso al mondo chiederà agli utenti di accettare le nuove norme sulla privacy. Cosa succederà a chi non lo farà? Ecco tutto spiegato.

di pubblicata il , alle 11:08 nel canale Telefonia
WhatsApp
 

WhatsApp cambierà tutto quello che riguarda la sua privacy e quella nei confronti dei suoi utenti dal prossimo 15 maggio 2021. Mancano dunque davvero pochissimi giorni e molti utenti ancora non hanno ben capito cosa accadrà se non si accettano se non si accetteranno le modifiche sulla privacy, che diventeranno effettive appunto dal prossimo sabato. Vi anticipiamo che, rispetto a quando profilato in questo nostro articolo, la situazione sul cambiamento non sarà così drastica come invece si pensava fino a qualche settimana fa.

La società infatti ha chiarito che chi non accetterà le novità entro il 15 maggio continuerà ad avere comunque accesso a molte delle funzionalità dell'applicazione, sebbene non tutte e comunque per un periodo di tempo limitato. Dopo di che, non potrà più usare WhatsApp. Quindi un passaggio meno indolore rispetto a quello che ci si attendeva ma che di fatto porta a dover accettare in qualche modo la nuova normativa sulla Privacy che da tempo proprio WhatsApp sta continuando a pubblicizzare sul proprio social.

WhatsApp: cosa cambia dal prossimo 15 maggio?

Sappiamo come la nuova normativa sulla privacy ha effetti importanti anche se semplici per gli utenti residenti nell'Unione Europea, dove vige il Regolamento Generale per la Protezione dei Dati Personali ossia il famoso GDPR, che non è invece presente in questo caso negli Stati Uniti. Continuare a rifiutare l'accettazione delle modifiche sulla privacy di WhatsApp significherà non tanto non essere più in grado di ricevere chiamate e notifiche, ma soprattutto non si avrà più la possibilità, nel lungo periodo, di leggere i messaggi ricevuti o inviarne di nuovi attraverso il client. Il messaggio che è stato recentemente pubblicato sulla pagina di supporto ufficiale dell’azienda da parte degli sviluppatori parla chiaro su cosa accadrà agli account degli utenti che non accetteranno le nuove regole dal 15 maggio:

Il 15 maggio non sarà eliminato nessun account e non si perderanno funzionalità a seguito di questo aggiornamento.

Nelle ultime settimane abbiamo mostrato una notifica in WhatsApp con maggiori informazioni sull'aggiornamento. Dopo aver dato a tutti il tempo necessario per controllare le informazioni presentate, continuiamo a ricordare, a chi non lo avesse ancora fatto, di verificarle e accettarle. Dopo un periodo di alcune settimane, il promemoria diventerà persistente.

Un messaggio che in qualche modo è cambiato rispetto a qualche settimana fa quando il pop-up che appariva agli utenti su WhatsApp venne preso da molti iscritti come una imposizione unilaterale e non solo anche una specie di invasione della privacy, dal momento che prevedeva il passaggio di alcune informazioni degli utenti tra WhatsApp e il social network Facebook. Da quel momento gli sviluppatori di WhatsApp hanno deciso di ''ammorbidire'' la pillola della privacy, consentendo di avere maggiori informazioni sui cambiamenti e permettendo alle aziende di inviare pubblicità su Facebook a tutti gli utenti che intraprendono con loro conversazioni sulla piattaforma di messaggistica.

In poche parole le aziende potranno usare i dati contenuti nelle conversazioni per azioni di marketing che riguarderanno anche le inserzioni su Facebook e gli altri social network. Non ci saranno invece cambiamenti evidenti nell'uso di WhatsApp e nella gestione della privacy degli utenti che utilizzano la versione normale dell'applicazione: le chat resteranno protette dalla crittografia end-to-end impedendo intercettazioni dei contenuti (come file condivisi messaggi delle chat).

I cambiamenti dunque che si avranno dal prossimo 15 maggio modificheranno la privacy sul social e in qualche modo faranno decidere se continuare sulla piattaforma, accettandole, o se trasferirsi su di un altro servizio. Per onore di cronaca sappiate che se si scegliesse la seconda opzione, gli utenti potranno eliminare il proprio account WhatsApp, ma gli sviluppatori avvertono che questo è un processo irreversibile. Dopo l’eliminazione, la copia di backup e tutta la cronologia dei messaggi verranno cancellate definitivamente.

49 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
al13511 Maggio 2021, 11:38 #1
bye bye uozzap
ormai sto su telegram per fortuna
\_Davide_/11 Maggio 2021, 11:39 #2
A parte il fatto che questa condivisione di informazioni la avevano già proposta più di 2 anni fa e quasi tutti gli utenti la avevano accettata...

A parte che non so se si siano accorti cosa hanno scritto:

n poche parole le aziende potranno usare i dati contenuti nelle conversazioni per azioni di marketing che riguarderanno anche le inserzioni su Facebook e gli altri social network. Non ci saranno invece cambiamenti evidenti nell'uso di WhatsApp e nella gestione della privacy degli utenti che utilizzano la versione normale dell'applicazione: le chat resteranno protette dalla crittografia end-to-end impedendo intercettazioni dei contenuti (come file condivisi messaggi delle chat).



Io non ho mai accettato nessuno di questi banner, peccato che, in concomitanza con il penultimo, dopo aver parlato di un determinato argomento con un contatto su Whatsapp mi sono ritrovato pieno di pubblicità su Instagram.

Argomento ovviamente fuori dai miei interessi e di cui non avevo parlato prima. Oltre a questo anche altre piccole cose legate alle conversazioni che in quel momento avevo su Whatsapp.

A quel punto ho smesso di usare Whatsapp e le inserzioni sono tornate a non avere senso come prima: cosa stanno facendo?
Jacopo Mordillo11 Maggio 2021, 12:05 #3

crittografia millantata

Io non capisco, ma se le conversazioni sono criptate end to end come fanno le aziende ad elaborarne il contenuto ed i nostri interessi?

per quanto whatsapp sbandieri questa crittografia di fatto NON c è.
forse la crittografia è presente solo nel file .db presente sul dispositivo o sul backup
demon7711 Maggio 2021, 12:06 #4
"In poche parole le aziende potranno usare i dati contenuti nelle conversazioni per azioni di marketing che riguarderanno anche le inserzioni su Facebook e gli altri social network"

CIOE'... Le mie conversazioni vengono analizzate per poi mandarmi pubblicità.. VENGONO ANALIZZATE?!?!?!
E LACRITTOGRAFIA END TO END!?! E LA SICUREZZA DEI DATI!?!

In pratica mi stanno dicendo che "crittografia" un paio di palle.
Non solo hanno pieno accesso al contenuto delle conversazioni.. ma lo analizzano pure.

Sta cosa è invasiva parecchio. Ma parecchio parecchio.
Non nacondo certo che mi da molto fastidio.

PROBLEMA: io posso passare pure a telegram, signal o chi per esso.. ma non è che dipende da me. Hanno tutti WA.
Non solo amici o conoscenti, ma clienti, persone terze di vario genere con cui si interagisce per lavoro..

COME SI RISOLVE??
\_Davide_/11 Maggio 2021, 12:12 #5
Originariamente inviato da: Jacopo Mordillo
Io non capisco, ma se le conversazioni sono criptate end to end come fanno le aziende ad elaborarne il contenuto ed i nostri interessi?

per quanto whatsapp sbandieri questa crittografia di fatto NON c è.
forse la crittografia è presente solo nel file .db presente sul dispositivo o sul backup


La crittografia c'è, poi però viene caricata una copia delle conversazioni di backup in chiaro sui server (media compresi, che in ogni caso vengono trasmessi in chiaro).

Quindi c'è, ma non ha nessun motivo per esserci.

Inoltre, mentre finora era sufficiente che nessuna delle due parti avesse il backup attivo per non condividere le conversazioni, dopo il 15 Maggio penso "sbirceranno" comunque, backup attivo o no.


Originariamente inviato da: demon77
CIOE'... Le mie conversazioni vengono analizzate per poi mandarmi pubblicità.. VENGONO ANALIZZATE?!?!?!
E LACRITTOGRAFIA END TO END!?! E LA SICUREZZA DEI DATI!?!


Il problema non è tanto la pubblicità, quanto la profilazione e la manipolazione che possono esercitare sulle persone (vedi Cambridge Analytica).

Originariamente inviato da: demon77
PROBLEMA: io posso passare pure a telegram, signal o chi per esso.. ma non è che dipende da me. Hanno tutti WA.
Non solo amici o conoscenti, ma clienti, persone terze di vario genere con cui si interagisce per lavoro..

COME SI RISOLVE??


Io sto risolvendo come al tempo ho risolto non volendo usare le chiamate whatsapp: non rispondo.

Se hanno bisogno mi cercano in altro modo.

Famigliari e amici li ho gentilmente obbligati a suon di frustate a installare qualcos'altro.
WarDuck11 Maggio 2021, 12:15 #6
Da quello che capisco io il "problema" sorge quando si chatta con account WhatsApp "aziendali", ovvero Business (in genere compare in alto sulla chat se l'account con cui si chatta è aziendale).

La crittografia end-to-end continuerà ad essere usata per le conversazioni tra utenti privati.

Si noti che i gruppi non sono protetti end-to-end, ma si passa per il server di WA.
WarDuck11 Maggio 2021, 12:18 #7
Originariamente inviato da: \_Davide_/
La crittografia c'è, poi però viene caricata una copia delle conversazioni di backup in chiaro sui server (media compresi, che in ogni caso vengono trasmessi in chiaro).


Di default vengono mandate a Google (non a WA), ma è sufficiente disattivare la funzione e i backup avvengono solo localmente al telefono.

Originariamente inviato da: \_Davide_/
Quindi c'è, ma non ha nessun motivo per esserci.

Inoltre, mentre finora era sufficiente che nessuna delle due parti avesse il backup attivo per non condividere le conversazioni, dopo il 15 Maggio penso "sbirceranno" comunque, backup attivo o no.


Falso.

Originariamente inviato da: \_Davide_/
Il problema non è tanto la pubblicità, quanto la profilazione e la manipolazione che possono esercitare sulle persone (vedi Cambridge Analytica).


Motivo per cui è meglio abbandonare tutti i "social".

Originariamente inviato da: \_Davide_/
Io sto risolvendo come al tempo ho risolto non volendo usare le chiamate whatsapp: non rispondo.

Se hanno bisogno mi cercano in altro modo.

Famigliari e amici li ho gentilmente obbligati a suon di frustate a installare qualcos'altro.


Le chiamate WA tra singoli individui sono più sicure di quelle standard su rete GSM e simili.

In generale conversazioni e chiamate tra singoli sono cifrate end-to-end. Per i gruppi passi dai server WA.
\_Davide_/11 Maggio 2021, 12:22 #8
Originariamente inviato da: WarDuck
Da quello che capisco io il "problema" sorge quando si chatta con account WhatsApp "aziendali", ovvero Business (in genere compare in alto sulla chat se l'account con cui si chatta è aziendale).

La crittografia end-to-end continuerà ad essere usata per le conversazioni tra utenti privati.

Si noti che i gruppi non sono protetti end-to-end, ma si passa per il server di WA.


Nein, le conversazioni con account aziendali erano già analizzate da sempre, ora si tratta di tutte le conversazioni.

La crittografia E2E è lì solo per figura, come ho detto su. Fino ad ora funzionava se entrambe le parti avevano il backup disattivato, mentre a partire dal 15 Maggio non basterà più nemmeno questa misura.
demon7711 Maggio 2021, 12:24 #9
Originariamente inviato da: WarDuck
Da quello che capisco io il "problema" sorge quando si chatta con account WhatsApp "aziendali", ovvero Business (in genere compare in alto sulla chat se l'account con cui si chatta è aziendale).

La crittografia end-to-end continuerà ad essere usata per le conversazioni tra utenti privati.

Si noti che i gruppi non sono protetti end-to-end, ma si passa per il server di WA.


mmmm...
allora se è come dici e quindi la mancata riservatezza delle conversazioni è solo per account aziendali o gruppi già mi va meglio.
Mi sta sul cazzo lo stesso ma va meglio.

Comunque qui c'è un assaggio del problema.. siamo abituati ad usare strumenti come wa che hanno una diffusione capillare ma sono comunque strumenti privati offerti ad uso gratuito che chiaramente possono cambiare le regole in corsa come gli pare approfittando della posizione domianate in temini di diffusione..
Quasi tutti accetteranno il nuovo contratto per andare avanti ad usare WA..
demon7711 Maggio 2021, 12:25 #10
Originariamente inviato da: \_Davide_/
Nein, le conversazioni con account aziendali erano già analizzate da sempre, ora si tratta di tutte le conversazioni.

La crittografia E2E è lì solo per figura, come ho detto su. Fino ad ora funzionava se entrambe le parti avevano il backup disattivato, mentre a partire dal 15 Maggio non basterà più nemmeno questa misura.


Oh... mettetevi d'accordo però..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^