Vodafone e Coronavirus: donazione di 500.000€ a Croce Rossa Italiana e Fondazione Buzzi

Vodafone e Coronavirus: donazione di 500.000€ a Croce Rossa Italiana e Fondazione Buzzi

Anche Vodafone decide di partecipare attivamente alla battaglia contro il Coronavirus. L'operatore decide di farlo con una donazione da 500.000€ per la Croce Rossa Italiana e la Fondazione Buzzi. Ecco i dettagli.

di pubblicata il , alle 13:41 nel canale Telefonia
Vodafone
 

Vodafone tramite la sua Fondazione ha deciso di sostenere Fondazione Buzzi e Croce Rossa Italiana, due realtà impegnate in prima linea nella lotta al Coronavirus, con una donazione di 500.000 euro. Stiamo vivendo una delle più importanti emergenze sanitarie di tutti i tempi e in questo momento di emergenza, l’iniziativa della Fondazione Vodafone va ad unirsi in qualche modo alle iniziative già messe in campo da Vodafone per i clienti, le aziende e per i giovani studenti di tutto il territorio nazionale.

“Vogliamo dare un contribuito concreto a tutti coloro che sono ogni giorno in prima linea per combattere la diffusione del Covid-19 - ha dichiarato Marinella Soldi, Presidente di Fondazione Vodafone Italia I fondi serviranno a gestire le attività di assistenza sanitaria e l’acquisto di apparecchiature per il potenziamento della terapia intensiva. Vogliamo essere vicini a tutti coloro che stanno dando il massimo per permettere al Paese di superare l’emergenza."

Nel dettaglio alla Fondazione Buzzi sarà donato l’allestimento di 4 postazioni di rianimazione che saranno messe a disposizione del gruppo ospedaliero Buzzi-Fatebenefratelli-Sacco per affrontare l’emergenza. Queste attrezzature - una volta terminata l’emergenza - saranno restituite all’Ospedale Buzzi e faranno parte dell’attrezzatura dedicata al reparto di rianimazione della nuova area dell’Ospedale Pediatrico Buzzi, in costruzione per il 2021.

La Fondazione Buzzi sta sostenendo con i propri macchinari la Terapia Intensiva degli adulti del Sacco e ha già sostenuto altri ospedali della Lombardia che in questo momento affrontano l’emergenza con la donazione di respiratori. La Fondazione ha anche organizzato una cabina di regia per approvvigionamenti e selezione di fornitori degli ospedali lombardi e, se si renderà necessario italiani, il tutto in coordinamento con il Super Commissario per l’emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri.

La donazione alla Croce Rossa Italiana è finalizzata alla gestione delle attività di assistenza sanitaria in tutto il Paese e consentirà di acquistare materiali per l’emergenza COVID-19. Anche la Croce Rossa Italiana è in prima linea nell'emergenza del Covid-19 su tutto il territorio nazionale con migliaia di volontari e operatori che stanno lavorando senza sosta per sostenere la popolazione. La CRI, seduta al tavolo tecnico del Comitato Operativo dell’emergenza, sta intervenendo con i suoi mezzi, le sue donne e i suoi uomini per garantire soccorso, supporto sanitario e logistico, gestendo in sicurezza i trasporti sanitari dei casi potenzialmente sospetti con mezzi ad alto-biocontenimento e fornendo controllo della temperatura dei viaggiatori in ingresso in Italia nei porti e negli aeroporti.

Con il numero verde CRI PER LE PERSONE 800 – 065510 attivo h24 sta fornendo supporto psicologico e informazioni corrette a migliaia di cittadini. Oltre gli interventi in emergenza, la Croce Rossa Italiana si sta impegnando a trasformare questo momento critico nel “Tempo della Gentilezza”, intensificando su tutto il territorio nazionale, i servizi per le persone più vulnerabili e con maggior fragilità sociali e sanitarie, tra i quali la spesa a domicilio, il trasporto sociale, la consegna dei farmaci e dei beni di prima necessità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bagnino8918 Marzo 2020, 14:18 #1
Rimodulazioni incoming
Perseverance18 Marzo 2020, 14:28 #2
A me fa schifo leggere di queste donazioni. Se uno vuol fare una donazione lo fà e sta zitto, sennò non è donazione ma è pubblicità e ci deve pagà le tasse!

Pagano gli spazi televisivi per fare pubblicità? Bene, per me questa storia delle donazioni non-anonime è uguale ad aver pagato per farsi pubblicità. E' una cosa che fà schifo!

Han tagliato miliardi alla sanità per favorire gli interessi privati e ora pigliano per il culo facendosi pubblicità che fanno queste donazioni?! Ci metto dentro anche la politica tutta.

Volete donare 500.000 €? Bene fatelo ma state zitti! Xkè sennò è pubblicità esentasse!
doctor who ?18 Marzo 2020, 14:33 #3
Originariamente inviato da: Perseverance
A me fa schifo leggere di queste donazioni. Se uno vuol fare una donazione lo fà e sta zitto, sennò non è donazione ma è pubblicità e ci deve pagà le tasse!

Pagano gli spazi televisivi per fare pubblicità? Bene, per me questa storia delle donazioni non-anonime è uguale ad aver pagato per farsi pubblicità. E' una cosa che fà schifo!

Han tagliato miliardi alla sanità per favorire gli interessi privati e ora pigliano per il culo facendosi pubblicità che fanno queste donazioni?! Ci metto dentro anche la politica tutta.

Volete donare 500.000 €? Bene fatelo ma state zitti! Xkè sennò è pubblicità esentasse!


Seriamente dobbiamo criticare le donazioni ora che ogni aiuto è grasso che cola ?

Hanno tagliato alla sanità chi ? Vodafone ha chiuso l'ospedale ?

Nel mio paesino qualche anno fa è stato chiuso l'ospedale, non è venuto vodafone a chiuderlo, non ho visto cortei di protesta, non ho visto cortei di protesta quando abbiamo avuto i morti per mafia, però ho visto i cortei di protesta quando arrivarono ben 3 immigrati e la cosa fece notizia.

Troppo facile dare la colpa al politico di turno, quello si limita solo a cavalcare la moda del momento.
Perseverance18 Marzo 2020, 14:46 #4
Ci si fà una se*a con l'elemosina di Silvio e Caprotti! Questa è pubblicità non sono donazioni! E' inutile aver donato 10000€ se coi suoi governi ha tagliato per miliardi. E' una presa per il culo.

Benvengano ma zitti devono stare! Se doni e ti vanti dicendo che hai donato tot allora ti fai pubblicità e c'è il secondo fine! Non gli costava niente donare la stessa cifra senza dire nulla ma non avrebbero avuto il ritorno d'immagine che invece hanno avuto. Quindi è pubblicità!
Perseverance18 Marzo 2020, 14:55 #5
Le notizie di queste fantomatiche donazioni prima di apparire sui giornali devono essere approvate dall'ufficio stampa e pubblicità di ogni azienda. Vodafone compresa!

Una multinazionale della mia zona, grossa a livello internazionale, ha donato una cifra enorme. Sò l'ammontare xkè conosco personalmente chi sta negli uffici. E' stato contattato l'ufficio stampa di questa azienda x chiederle se aveva intenzione di rendere pubblico quanto fatto e da veri signori hanno risposto negando e che la notizia e l'ammontare dovevano rimanere anonimi!

E' così che si fà e che si dovrebbe fare!

Se la notizia di Vodafone, Esselunga e compagnia bella finisce sui giornali è xkè c'è stato e c'è l'interesse affinché avvenga: interesse economico dal ritorno d'immagine e quant'altro! Pe*** di merd*!
StIwY18 Marzo 2020, 15:00 #6
Invece che dalle "fondazioni" o enti non governativi, o chiedere i soldini sempre al popolino con i messaggini SMS o donazioni varie, già vessato da tasse quasi insostenibili ormai, sarebbe auspicabile qualche donazione da qualche riccone che ha talmente tanti soldi da non SAPERNE CHE FARSENE.

Ed in Italia, fidatevi che ce ne sono tantissimi.
gnpb18 Marzo 2020, 15:33 #7
Originariamente inviato da: Perseverance
Ci si fà una se*a con l'elemosina di Silvio e Caprotti! Questa è pubblicità non sono donazioni! E' inutile aver donato 10000€ se coi suoi governi ha tagliato per miliardi. E' una presa per il culo.

Benvengano ma zitti devono stare! Se doni e ti vanti dicendo che hai donato tot allora ti fai pubblicità e c'è il secondo fine! Non gli costava niente donare la stessa cifra senza dire nulla ma non avrebbero avuto il ritorno d'immagine che invece hanno avuto. Quindi è pubblicità!


Giusto per dare un'idea delle proporzioni, Silvio ha Donato 10.000.000€ così come Caprotti, non 10.000 e nemmeno i 500.000 di Vodafone (che fanno ridere in confronto al fatturato dell'azienda).
canislupus18 Marzo 2020, 17:53 #8
Originariamente inviato da: Perseverance
Le notizie di queste fantomatiche donazioni prima di apparire sui giornali devono essere approvate dall'ufficio stampa e pubblicità di ogni azienda. Vodafone compresa!

Una multinazionale della mia zona, grossa a livello internazionale, ha donato una cifra enorme. Sò l'ammontare xkè conosco personalmente chi sta negli uffici. E' stato contattato l'ufficio stampa di questa azienda x chiederle se aveva intenzione di rendere pubblico quanto fatto e da veri signori hanno risposto negando e che la notizia e l'ammontare dovevano rimanere anonimi!

E' così che si fà e che si dovrebbe fare!

Se la notizia di Vodafone, Esselunga e compagnia bella finisce sui giornali è xkè c'è stato e c'è l'interesse affinché avvenga: interesse economico dal ritorno d'immagine e quant'altro! Pe*** di merd*!


Non hai tutti i torti.
Per carità ben vengano le donazioni perchè alla fine i soldi non fanno schifo e in queste condizioni di emergenza sono sempre utili, però i veri signori non chiedono di pubblicizzare la cosa o nasce un ragionevole dubbio.
Perseverance18 Marzo 2020, 18:41 #9
Originariamente inviato da: gnpb
Giusto per dare un'idea delle proporzioni, Silvio ha Donato 10.000.000€ così come Caprotti, non 10.000 e nemmeno i 500.000 di Vodafone (che fanno ridere in confronto al fatturato dell'azienda).


Ci devono pagà le tasse dioiovene! C'è chi compra spazi nei palinsesti televisivi per veicolarti gli spot pubblicitari e c'è chi fà così elargendo "donazioni" e facendo sapere bene chi è e quanto ha dato. Fai conto che abbia comprato uno spazio pubblicitario, è un investimento, anche xkè "di queste notizie" ne nascono degli articoli e degli annunci ed è tutta pubblicità e guadagno d'immagine ed altro per l'azienda che si prostituisce al marketing in questo modo e in questo momento!

Falle le donazioni e stà zitto!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^