Trump: emergenza nazionale per proteggere le reti USA. Ma nel mirino c'è sempre Huawei

Trump: emergenza nazionale per proteggere le reti USA. Ma nel mirino c'è sempre Huawei

Firmato un ordine esecutivo che prevede il divieto alle società USA di acquistare apparati di rete prodotti da realtà estere. Le decisioni saranno valutate caso per caso dal segretario delle commercio

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Telefonia
Huawei
 

Il Presidente Trump ha firmato un ordine esecutivo che concede al Governo Federale degli Stati Uniti d'America il potere di vietare alle società statunitensi di acquistare apparati di telecomunicazioni prodotti da realtà estere a fronte di possibili rischi per la sicurezza nazionale.

L'ordine, che concede al segretario del commercio il potere di determinare quale tipo di operazione d'acquisto possa porre potenziali rischi alla sicurezza del Paese, non si riferisce formalmente ad alcuna compagnia specifica. Inevitabilmente, però, la decisione del Presidente Trump appare a tutti gli effetti come un colpo nei confronti del colosso cinese Huawei, da tempo nel mirino degli USA.

L'ordine emesso da Trump, a cui la Casa Bianca ha lavorato per oltre un anno, si basa sull'International Emergency Economic Powers act per poter applicare il divieto. Nell'ordine si auspica un "clima aperto per gli investimenti", ma anche che "l'apertura deve essere bilanciata dalla necessità di proteggere il Paese contro minacce critiche per la sicurezza nazionale".

Ajit Pai, presidente della Federal Communications Commission e nominato in questo ruolo proprio dal Presidente Trump, ha lodato la decisione: "La protezione delle reti di telecomunicazioni americane è vitale per la nostra sicurezza nazionale, economica e personale. Mi congratulo con il Presidente per l'emissione dell'ordine esecutivo a salvaguardia della catena di fornitura delle telecomunicazioni".

La guerriglia tra gli USA e Huawei va avanti da diversi mesi, in un più ampio contesto di guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina. A febbraio i vertici delle agenzie di intelligence statunitensi hanno avvertito i cittadini americani di non usare telefoni Huawei o ZTE. Gli USA hanno inoltre esercitato pressioni sugli alleati europei invitandoli a non usare apparati Huawei nelle loro strutture nazionali. A gennaio il dipartimento della giustizia USA aveva sollevato contro Huawei e la CFO Meng Whanzou svariati capi d'accusa, tra cui ostacolo alla giustizia e furto di tecnologia.

A seguito dell'emissione dell'ordine esecutivo, Huawei ha rilasciato un comunicato ufficiale, che riportiamo integralmente di seguito:

Huawei è leader globale nello sviluppo e implementazione della tecnologia 5G. Siamo disponibili e pronti a collaborare con il governo degli Stati Uniti per identificare misure efficaci al fine di garantire la sicurezza dei prodotti. Limitare la possibilità per Huawei di operare negli Stati Uniti non renderà il Paese più sicuro né più forte. Al contrario, questa decisione costringerà gli Stati Uniti a usare prodotti di qualità inferiore e più costosi, relegando il Paese in una posizione di svantaggio nell’adozione delle reti di ultima generazione e, in ultima analisi, danneggerà gli interessi delle aziende e dei consumatori statunitensi. Inoltre restrizioni ingiustificate violeranno i diritti di Huawei e solleveranno ulteriori questioni legali.

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
boboviz16 Maggio 2019, 13:04 #1
E' già da un pò che compro e faccio comprare Huawei.
jepessen16 Maggio 2019, 13:16 #2
Che carini a preoccuparsi per gli Stati Uniti..
Bradiper16 Maggio 2019, 13:54 #3
Invece I prodotti che vendono in America guarda intel... Sono sicuri.
Mi sa che è un po' psicopatico.. Se la Cina rifiutasse i prodotti americani? Cosa succederebbe al mercato statunitense? Una picchiata infinita
Sandro kensan16 Maggio 2019, 14:03 #4
Mi sa che siccome la Cina ha rifilato agli USA una paccata di miliardi di sanzioni allora gli USA si vendicano come nelle peggiori dittature. Ah la democrazia...
DevilsAdvocate16 Maggio 2019, 14:09 #5
Non so se gli vada dato torto, ma va detto che Huawei sta rendendo di fatto impossibile ottenere i privilegi di root su alcuni terminali, inserendo software piuttosto gravoso (es.:l'app di health) anche di default ed applicando così politiche volte alla chiusura del sistema operativo Android.

A molti va bene anche cosi', fate voi.
dirac_sea16 Maggio 2019, 14:14 #6
La questione sicurezza è effettiva, negli apparati hardware si possono inserire backdoor per l'intercettazione, la disattivazione, il sabotaggio, e così via. Quello che agli USA non garba è che la Cina possa fare ciò che NSA, CIA, FBI già praticano nel mondo... in pratica, è lo spione che non vuole essere spiato...
pabloski16 Maggio 2019, 14:24 #7
Originariamente inviato da: Bradiper
Se la Cina rifiutasse i prodotti americani? Cosa succederebbe al mercato statunitense? Una picchiata infinita


Chiedilo agli americani sommersi dalla plastica, perchè la Cina ha smesso da mesi di accettare la loro "mondezza".

E chiedilo ad Apple, che già qualche anno fa, è stata vittima del boicottaggio cinese.

E proprio ieri, il Global Times ha lanciato un nuovo appello al boicottaggio dei prodotti americani. Da quelle parti non si mettono le tariffe, si fa leva sul nazionalismo cinese. E funziona....
pabloski16 Maggio 2019, 14:27 #8
Originariamente inviato da: DevilsAdvocate
Non so se gli vada dato torto, ma va detto che Huawei sta rendendo di fatto impossibile ottenere i privilegi di root su alcuni terminali, inserendo software piuttosto gravoso (es.:l'app di health) anche di default ed applicando così politiche volte alla chiusura del sistema operativo Android.

A molti va bene anche cosi', fate voi.


Il caso delle apparecchiature di rete è ben diverso. Ad esempio, in Gran Bretagna, i cinesi hanno dichiarato di essere pronti a collaborare col governo e mostrare la mercanzia, proprio per fugare ogni dubbio.

Inoltre, questo genere di cose, viene affrontato a livello diplomatico. Si prendono i rapporti dei servizi e si sbattono in faccia all'ambasciatore di turno. Do ut des. Ma l'azione americana non è spinta da prove concrete, ergo è puramente volontà di fare concorrenza sleale usando la legge.
Sputafuoco Bill16 Maggio 2019, 15:04 #9
Ottima notizia, non si può permettere la costruzione di infrastrutture di comunicazione strategiche ad un'azienda che è stata fondata per volontà del partito comunista cinese mediante un incarico ad un ex generale dell'armata popolare.

Tutte queste aziende cinesi sono controllate dal governo cinese, sono strumentali alla politica estera cinese e per fare gli interessi del governo cinese.

Vendere tecnologia americana ad aziende guidate dallo stato cinese, come Huawei, è come se durante gli anni '30 gli Stati Uniti avessero fornito acciaio alla Germania nazista per costruire le armi.

Dopotutto anche la Cina blocca le aziende americane e in generale occidentali, a cui è vietato partecipare ad appalti per le infrastrutture di comunicazione cinesi.
trapanator16 Maggio 2019, 15:12 #10
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Ottima notizia, non si può permettere la costruzione di infrastrutture di comunicazione strategiche ad un'azienda che è stata fondata per volontà del partito comunista cinese mediante un incarico ad un ex generale dell'armata popolare.

Tutte queste aziende cinesi sono controllate dal governo cinese, sono strumentali alla politica estera cinese e per fare gli interessi del governo cinese.

Vendere tecnologia americana ad aziende guidate dallo stato cinese, come Huawei, è come se durante gli anni '30 gli Stati Uniti avessero fornito acciaio alla Germania nazista per costruire le armi.

Dopotutto anche la Cina blocca le aziende americane e in generale occidentali, a cui è vietato partecipare ad appalti per le infrastrutture di comunicazione cinesi.


Finalmente un commento imparziale.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^