ToTok: l'app eliminata da Google e Apple per spionaggio

ToTok: l'app eliminata da Google e Apple per spionaggio

Questa app è accusata di intercettare e memorizzare le conversazioni degli utenti, e monitorare la loro attività sui social network. Sarebbe stata approntata negli Emirati Arabi Uniti a scopo di sorveglianza

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Telefonia
 

Che dietro questo progetto ci sia qualcosa di poco chiaro emerge a partire dal nome, furbescamente simile a quello dell'app oggi più in voga presso i giovani, TikTok. Invece, ToTok è un'apparentemente innocua app per la chat e le videochiamate realizzata dallo sviluppatore Breej Holding. Non la pensano così Google e Apple, che l'hanno prontamente rimossa rispettivamente da Play Store e da App Store accusandola di spionaggio e sorveglianza.

Questa app pare essere progettata per intercettare le conversazioni degli utenti, seguire le loro attività sui social network, tracciare i loro movimenti tramite geo-localizzazione e controllare i contenuti multimediali presenti nella memoria degli smartphone. Dietro al progetto ci sarebbe, inoltre, ben più che un semplice sviluppatore, visto che ToTok pare essere stata realizzata da DarkMatter, un'azienda finanziata dal governo degli Emirati Arabi Uniti di cui fanno parte ex rappresentanti dell'NSA e dell'intelligence militare israeliana.

ToTok

ToTok sembrerebbe un clone di un'app con finalità similari destinata alla Cina, ovvero YeeCall. Pensata inizialmente per i paesi arabi, l'app nel recente periodo ha riscontrato un certo successo negli Usa e nel resto del mondo occidentale, spingendo Google e Apple a indagare e a scoprire cosa ci fosse dietro. Naturalmente qualora l'aveste installata, il consiglio è quello di rimuoverla immediatamente.

ToTok miete successi nei paesi arabi al causa del blocco vigente in queste nazioni sulle app di messaggistica di matrice occidentale, come WhatsApp e Skype. La raccolta dati che viene fatta tramite questa app, tuttavia, sembra legittima, perché è lo stesso programma a chiedere all'utente di accedere al microfono e alla fotocamera dello smartphone, così come ai contatti memorizzati e alla posizione. ToTok non installa sul terminale alcuna backdoor o malware, come invece avviene con altre app con scopi similari.

Il New York Times ha evidenziato come i paesi arabi stiano cambiando strategia sulle modalità di sorveglianza: se prima si affidavano ad aziende esterne adesso hanno varato un piano di accentramento, portando avanti queste attività in modo diretto. ToTok "è usata da decine di milioni di utenti in centinaia di paesi", come si sottolinea sul blog ufficiale, con migliaia di recensioni positive sugli store dai quali è stata rimossa. Nel post, inoltre, si sostiene che trattative sono in corso con Google e Apple per cercare di trovare una soluzione al problema.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7723 Dicembre 2019, 15:08 #1
Mah..
Con la dovizia di app diffuse e disponibili per chat e videochiamate perchè cavolo uno dovrebbe andare a pescare sta qui?
Marko_00123 Dicembre 2019, 16:25 #2
a causa del blocco vigente in queste nazioni
sulle app di messaggistica di matrice occidentale
c'è scritto.
in po come in Russia e altri paesi, tipo l'Egitto,
dove i terroristi islamici dell'IS ora evitano Telegram
perché, grazie all'AI, sono riusciti a trovare chi postava i messaggi
(hanno detto che ci hanno arrestato l'assassino di un poliziotto)
e sono passati a TamTam di Mail dot ru
-
ps
vociferano che però potrebbe anche essere alle dirette dipendenze
dei servizi russi (sempre che le voci non arrivino da Pavel Valerevic durov)
fmf6723 Dicembre 2019, 16:31 #3

blocco provider

te lo spiego io:
se vuoi comunicare con amici e parenti in Italia o nel resto dal mondo a partire da questo innominato paese, devi pagare oltre alla connessione dati un balzello di 30 euro al mese per utilizzare Botim o un'altra applicazione che non ricordo, in piú devi pagare se non vuoi pubblicitá invasive sulle suddette applicationi, diciamo un totale di 35 euro al mese piu' il costo di connessione (metti che in media per avere 3GB dati devi pagare 25 euro al mese)
Le VPN a pagamento funzionano al rallentatore. Io ho provato VPN Nord, ma dalla mia posizione abitativa ho dovuto rinunciare, era praticamente impossibile fare una connessione solo voce.
mikypolice23 Dicembre 2019, 23:06 #4
Cioè se ti spiano gli americani va bene, gli Emirati Arabi o i cinesi no... quindi parliamo sempre di aria fritta...
LMCH24 Dicembre 2019, 00:30 #5
Originariamente inviato da: mikypolice
Cioè se ti spiano gli americani va bene, gli Emirati Arabi o i cinesi no... quindi parliamo sempre di aria fritta...


Non va bene in ogni caso, ma come le malattie: tra virus ebola, polmonite e raffreddore c'è una bella differenza anche se son sempre delle malattie.
DenisJ24 Dicembre 2019, 07:31 #6
Secondo me e solo questione di concorrenza
La G sta perdendo un casino di clienti che ora guardano TokTok invece del tubo.
e si stanno cagando sotto... altro che spionaggio.
Silent Bob24 Dicembre 2019, 10:20 #7
Originariamente inviato da: LMCH
Non va bene in ogni caso, ma come le malattie: tra virus ebola, polmonite e raffreddore c'è una bella differenza anche se son sempre delle malattie.


Il bello è che in realtà nessuno di quei casi piace, non credo assolutamente che l'USA sia il male minore poiché si sentono in DIRITTO di impicciarsi di cosa fa la gente comune con la scusa del terrorismo. Dall'altra c'è un controllo totale, ma era già palese non nascosto come inizialmente era dagli americani.
Insomma, più che dalla padella alla brace, salti da una brace all'altra.
Gringo [ITF]24 Dicembre 2019, 10:25 #8
Secondo me e solo questione di concorrenza
La G sta perdendo un casino di clienti che ora guardano TokTok invece del tubo.
e si stanno cagando sotto... altro che spionaggio.


non confondiamo TikTok con ToTok

Solo TikTok riduce gli italiani a Pagliacci.... :3
emiliano8424 Dicembre 2019, 18:51 #9
Originariamente inviato da: fmf67
te lo spiego io:
se vuoi comunicare con amici e parenti in Italia o nel resto dal mondo a partire da questo innominato paese, devi pagare oltre alla connessione dati un balzello di 30 euro al mese per utilizzare Botim o un'altra applicazione che non ricordo, in piú devi pagare se non vuoi pubblicitá invasive sulle suddette applicationi, diciamo un totale di 35 euro al mese piu' il costo di connessione (metti che in media per avere 3GB dati devi pagare 25 euro al mese)
Le VPN a pagamento funzionano al rallentatore. Io ho provato VPN Nord, ma dalla mia posizione abitativa ho dovuto rinunciare, era praticamente impossibile fare una connessione solo voce.


ti consiglio pure vpn, e magari connettendoti ad un paese vicino tipo india
LMCH26 Dicembre 2019, 02:43 #10
Originariamente inviato da: Silent Bob
Il bello è che in realtà nessuno di quei casi piace, non credo assolutamente che l'USA sia il male minore poiché si sentono in DIRITTO di impicciarsi di cosa fa la gente comune con la scusa del terrorismo. Dall'altra c'è un controllo totale, ma era già palese non nascosto come inizialmente era dagli americani.
Insomma, più che dalla padella alla brace, salti da una brace all'altra.


Scusa ma dissento con quanto hai scritto.
Il male minore non è legato al livello di "onestà" o alle loro giustificazioni sul perché lo fanno, ma semmai è legato al danno che potresti avere in situazioni equivalenti nei tre casi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^