Samsung Galaxy Note 9 arriva su GeekBench. Ecco le sue prime specifiche tecniche

Samsung Galaxy Note 9 arriva su GeekBench. Ecco le sue prime specifiche tecniche

L'attesa per il nuovo phablet dell'azienda sudcoreana si fa già incessante. Tanta la curiosità su cosa potrà fare Samsung con questo suo nuovo device. Alcune specifiche tecniche sono già apparse su GeekBench. Vediamole insieme.

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Telefonia
Samsung
 

Mancano ancora molti mesi alla presentazione del nuovo Samsung Galaxy Note 9 che l'azienda sudcoreana solitamente realizza durante il mese di agosto e settembre, ma di fatto le indiscrezioni sulle novità in arrivo con la nuova generazione si fanno già importanti. Le stesse oltretutto vengono anche confermate dalla comparsa del prodotto sul sito di GeekBench che altro non è che il raccoglitore dei test di potenza dei vari device presenti sul mercato o in arrivo. Ecco che il nuovo Note 9 potrebbe aver già fatto qui la sua prima comparsa svelando oltre ai punteggi nei test anche alcune specifiche tecniche.

Il test è stato realizzato su di un dispositivo con codice prodotto SM-N960U che, oltre ad essere comparso già in precedenti indiscrezioni, non fa che confermare il fatto che sia proprio il futuro Note 9 di Samsung. A livello pratico si scopre che il nuovo phablet dell'azienda sia in possesso di 6GB di RAM e che la versione utilizzata per i test sia la nuova Android 8.1 Oreo chiaramente personalizzata dall'azienda con la propria Samsung Experience.

I punteggi che lo smartphone ha ottenuto risultano nella norma con valori di 2.190 in single-core e valori di 8.806 invece in multi core. A tutto questo però si deve anche dichiarare come il nuovo smartphone di Samsung sia in possesso dello Snapdragon 845 in questa prova sintomo che il modello provato sia quello per il mercato americano e non per quello europeo che ricordiamo solitamente usufruisce della CPU Exynos.

Quali saranno però le vere novità di questo Samsung Galaxy Note 9? Effettivamente le indiscrezioni parlano di un prodotto che esteticamente potrebbe non cambiare molto rispetto agli attuali Note 8 ma anche Galaxy S9 e S9+. Di fatto da tempo si rumoreggia della possibilità che Samsung possa porre finalmente un sensore per le impronte digitali al di sotto del display e i tempi del Note 9 potrebbero in effetti essere proprio quelli di tale implementazione. Per il resto è chiaro l'upgrade delle fotocamere che con ogni probabilità vedranno l'aggiunta della variazione dell'apertura focale e chissà anche quali altre feature.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djfix1330 Marzo 2018, 16:26 #1
ma ha senso produrre un Top di Gamma come il Note senza mai aggiornarne le caratteristiche peculiari da "smartphone professionale"?
ma uno che ha preso il note 8 cosa se ne fischia delle impronte digitali sotto il display? o di avere 8 fotocamere da 40MPix.
mi facciano un uso ponderato della tecnologia attuale con collaborazioni al top!
inserite una Termocamera Flir, rimettete i vecchi sensori del Note 4 e affinateli (sensore IR con una app che mostri l'irradiazione e non una icona del sole!), inserite delle futures di mirroring native per windows (uso da tavoletta grafica). creazione di una serie di accessori connessi a USB-C con supporto magnetico? (cavo ricarica,cavo dati, cuffie, hdmi).

così è solo un galaxy S con la penna...tanto vale unire le 2 linee di produzione IHMO

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^