Samsung e Huawei si confermano i due principali produttori di smartphone

Samsung e Huawei si confermano i due principali produttori di smartphone

A dispetto del ban ricevuto dal governo americano, Huawei consolida la propria seconda posizione nel mercato degli smartphone dietro a Samsung; quest'ultima cresce e conquista il 22% del totale

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Telefonia
HuaweiSamsungOppoAppleXiaomi
 

Nonostante i dati complessivi di vendita siano in lieve contrazione, circa -3% rispetto al secondo trimestre dello scorso anno, c'è un certo fervore tra i principali produttori di smartphone a livello globale. Secondo quanto riportato da Strategy Analytics nella propria più recente analisi, Samsung è stata capace di guadagnare una quota di mercato del 22% del totale vendendo poco più di 76 milioni di smartphone. Si tratta di un incremento del 7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Al secondo posto troviamo Huawei, che è stata capace di crescere dell'8% su base annua nonostante le difficili relazioni con il governo americano totalizzando una quota di mercato del 17%. L'azienda asiatica ha beneficiato soprattutto di una domanda in ripresa nel mercato cinese, venendo poco meno di 59 milioni di smartphone nel secondo trimestre 2019.

Apple si conferma terzo produttore di smartphone a livello globale ma l'azienda americana ha registrato un calo del 12% rispetto allo scorso anno con una quota di mercato pari all'11%. Xiaomi segue al quarto posto con una quota di mercato del 9%, per circa 32 milioni di smartphone venduti nel periodo che sono di fatto allineati al dato di 12 mesi prima.

Chiude la top 5 la cinese OPPO, con una lieve contrazione rispetto al secondo trimestre dello scorso anno e una quota di mercato attorno al 9%. Per OPPO l'espansione in Europa, compreso il mercato italiano, ha bilanciato la maggiore pressione competitiva registrata nel mercato cinese ad opera di Huawei.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dwfgerw31 Luglio 2019, 16:05 #1
Samsung e huawei vendono molte unità ma il pesante -56% degli utili di samsung electronics pesa.. inoltre questo aumentare delle unità non si rispecchia tangilmente in un aumento di servizi ed utenti nel loro ecosistema. Samsung e huawei non hanno servizi remunerativi da proporrere e spesso un utente samsung può passare a oppo, o huaweii senza sentire particolari differenze.
Personaggio01 Agosto 2019, 15:16 #2
Originariamente inviato da: dwfgerw
Samsung e huawei vendono molte unità ma il pesante -56% degli utili di samsung electronics pesa.. inoltre questo aumentare delle unità non si rispecchia tangilmente in un aumento di servizi ed utenti nel loro ecosistema. Samsung e huawei non hanno servizi remunerativi da proporrere e spesso un utente samsung può passare a oppo, o huaweii senza sentire particolari differenze.


E' il principale motivo per il quale preferisco Android ad iOS, posso passare da un marchio all'altra quando e come mi pare senza alcun disagio. Persino le impostazioni e le personalizzazioni possono essere copiate da un dispositivo all'altro. Ho configurato un Honor 10 alla mia compagna copiando le impostazioni da un Samsung (di bassa gamma) semplicemente facendo toccare le parti posteriori dei due smartphone e, attraverso l'NFC si sono passati tutti contenuti e le impostazioni, anche se sono brand diversi con una interfaccia diversa e un launcher diverso. E Ovviamente poter usare la stessa licenza per le app acquistate.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^