Il cellulare Motorola a idrogeno

Il cellulare Motorola a idrogeno

Pare in fase avanzata di sperimentazione il cellulare nato dalla collaboraizone tra Motorola e Angstrom Power: utilizza celle a combustibile a idrogeno

di pubblicata il , alle 12:25 nel canale Telefonia
Motorola
 

Il problema della durata delle batterie affligge i dispositivi portatili fin dalla loro nascita e la costante evoluzione della tecnologia che ruota attorno agli accumulatori si scontra con il crescente bisogno di energia dei dispositivi. Al giorno d'oggi gran parte dei cellulari è ad esempio in grado di trasformarsi in un personal media player o in una piattaforma di gioco in mobilità.

Un prototipo sperimentale di cellulare a celle a combustibile, nato dalla collaborazione tra Motorola e Angstrom Power, sembrerebbe portare buone nuove in questo campo. La notizia ha ripreso vigore in rete in questi giorni, dopo essere passata forse un po' in sordina allo scorso CES.

Secondo quanto riporta H2Daily, il prototipo ha già superato la prima fase di sei mesi di test. Il prototipo, basato su un cellulare MOTOSLVR L7 senza modificarne le dimensioni esterne, non usa una vera e propria batteria, ma ricava energia dalla Angstrom Micro Hydrogen platform, una cella a combustibile dotata di un nuovo tipo di serbatotio di idrogeno ricaricabile.

La ricerca in questo campo è molta e, stando alle attuali previsioni, il mercato dovrebbe vedere l'arrivo di dispositivi simili entro il 2010.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

59 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dottorpalmito18 Febbraio 2008, 12:28 #1
bell'aggeggio...ma qualche info in più tipo la durata con il sistema a idrogeno, come si ricarica ecc...?
demon7718 Febbraio 2008, 12:31 #2
Mah.. non mi pronuncio finchè non ci saranno dati alla mano per saggiarne le prestazioni e la durabilità.. devo però ammettere che l'idea mi spaventa un po'.. l'idrogeno è un elemento piuttosto pericoloso
Raven18 Febbraio 2008, 12:40 #3
*driiin!*......*driiiin!*......*driiiin!*

- Siiiiiì?! Pront...*KABOOOOOOOOOM!!!!*




Luca6918 Febbraio 2008, 12:43 #4
...e come lo porto in Aereo?!?
King8318 Febbraio 2008, 12:44 #5
e che faranno venderanno le bombolette di idrogeno x la ricarica?
così andremo dal tabacchino: mi fa una ricarica di 50 della vodafone e una da 20 di idogeno...
mi sa che andrà a finire proprio così...nuovo bisnsess all'orizzonte...
HostFat18 Febbraio 2008, 12:49 #6
Si ricarica tenendola alla luce del sole direi ...
Pokoto18 Febbraio 2008, 12:50 #7
ma non stavano mollando i cellulari? forse si concentrano solo sulla ricerca tecnologica?
Amargosa18 Febbraio 2008, 12:54 #8

Cellulare ad idrogoeno = gioccatolo ad idrogeno

Secondo me funziona ti po quest macchina.
Osservate. Consiglio vivamente.

http://www.cittadelsole.it/customer...mp;mode=preview
Firestormgdi18 Febbraio 2008, 12:55 #9
Se fa come quel cellulare che esplose (mi sembra in cina) non vorrei essere il portatore
King8318 Febbraio 2008, 12:56 #10
Originariamente inviato da: HostFat
Si ricarica tenendola alla luce del sole direi ...


se fosse così vorrebbe dire che sfrutterebbe il principio della scissione dell'acqua in idrogeno e ossigeno attraverso l'elettrolisi e quindi lo si ricaricherebbe non di idrogeno ma di acqua scissa grazie all'energia elettrica prodotta con un pannello fotovoltaico...ma allora non varrebbe la pena farlo funzionare solo col pannello fotovoltaico senza passare dall'idrolisi e ricombinazione idrogeno-ossigeno nella cella combustibile che comporta inevitabilmente a delle perdite di efficienza dato che il passaggio intermedio avrà un efficienza inferiore al 100(sarà 40-50)??

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^