Huawei ha venduto 240 milioni di smartphone nel 2019 nonostante il ban del governo Trump

Huawei ha venduto 240 milioni di smartphone nel 2019 nonostante il ban del governo Trump

Il 2019 è stato un anno da record per Huawei che, nonostante il contesto difficile, è riuscita a superare con un buon margine i risultati dell'anno precedente

di pubblicata il , alle 14:41 nel canale Telefonia
Huawei
 

Huawei ha annunciato che ha venduto più di 240 milioni di smartphone nel 2019 nonostante il ban del governo Trump e l'impossibilità di sfruttare proprietà USA sui propri dispositivi. In un contesto difficile la multinazionale è riuscita a sfiorare le stime di inizio anno, pari a 250 milioni di vendite, grazie all'ottimo risultato maturato dai dispositivi di fascia alta delle famiglie P30 e Mate 30 e grazie all'arrivo dei nuovi smartphone con modem 5G. Nonostante tutto l'azienda è riuscita a superare il record precedente del 2018.

Nel corso dei dodici mesi del 2019 l'azienda è riuscita a vendere 34 milioni di smartphone in più rispetto all'anno precedente e, secondo le parole spese da Xu Zhijun, grossa parte del merito è dell'aumento delle vendite sulla fascia alta: il Presidente di Huawei ha affermato infatti che le famiglie P30 e Mate 30 hanno venduto il 50% in più rispetto all'anno scorso. L'ultima serie Huawei Mate 30, da sola, ha contribuito per 12 milioni di unità - secondo le ultime news - nonostante l'assenza dei Google Play Services.

Si tratta comunque di un successo, in quest'ultimo caso, quasi del tutto legato ai risultati ottenuti in madrepatria. Inutile nascondere che nel resto del mondo la situazione della società è più difficile, soprattutto nell'importante mercato nord-americano dove Huawei è interdetta alle vendite. Chiaro però che in una situazione difficile Huawei ha saputo rispondere in maniera efficace, andando contro anche le più rosee aspettative e registrando il risultato migliore mai ottenuto in termini di vendite unitarie di smartphone.

La cifra divulgata nelle scorse ore è addirittura superiore rispetto alle ultime stime condotte da Richard Yu verso la fine del 2019, quando il dirigente della società cinese affermava che le stime prevedevano 230 milioni di unità vendute entro fine anno. Il risultato è comunque inferiore rispetto a quanto stimato dal fondatore di Huawei, Ren Zhengfei, nel mese di ottobre, quando la stima per la fine dell'anno era di 270 milioni di unità vendute.

In termini di fatturato l'azienda ha generato 850 miliardi di Yuan, pari a circa 110 miliardi di euro al cambio attuale, maturando una crescita del 18% rispetto all'anno precedente. Si tratta di numeri straordinari se si valuta la complessità della situazione dell'azienda, tuttavia la crescita annuale è al di sotto delle aspettative di mercato. Privata della licenza Android e bandita dal mercato statunitense, Huawei ha registrato un tasso di crescita leggermente inferiore rispetto a quello registrato nel 2018.

Non è una sorpresa che la manovra decretata da Donald Trump abbia avuto un impatto negativo nelle prestazioni finanziarie della società e il 2020 potrebbe essere un nuovo anno difficile per la società se la situazione non si smuove a favore dei cinesi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
rob-roy17 Gennaio 2020, 15:04 #1
Vedremo quest'anno.
Il BAN è arrivato ad agosto, vediamo a chi li vendono gli smarphone senza servizi Google.

In Europa sono semplicemente finiti.
ninja75017 Gennaio 2020, 15:09 #2
quali sono gli indispensabili servizi di google?
rob-roy17 Gennaio 2020, 15:15 #3
Stai scherzando vero?

rob-roy17 Gennaio 2020, 15:16 #4
Vai avanti e compralo, poi ci dici come ti trovi con stò soprammobile.
Alpha417 Gennaio 2020, 15:36 #5
Quoto... Tutti i modelli attuali sul mercato hanno si servizi google..
vediamo quest'anno quanti P40 vendono..
supertigrotto17 Gennaio 2020, 16:42 #6

Finalmente la verità!

Android è open source fino a un certo punto (provate a rootare e a rompere il telefono e mandarlo in assistenza in garanzia) e dipendente da Google e i suoi servizi anche se qualche alternativa ci sarebbe.
Ci sono voluti i cinesi per dare una svegliata al mondo?
Quasi ogni persona che ha un telefono android è nelle mani di Google,con i suoi dati e tutto il resto.
Ora devono ancora dimostrarmi che gli americani sono i buoni e il resto del mondo è cattivo,Google non è certamente europea e nemmeno una Onlus.
Se Huawei sviluppa delle alternative ai servizi Google,forse altri seguirebbero il suo esempio,riequilibrando lo strapotere digitale statunitense.
Alpha417 Gennaio 2020, 17:09 #7
sei mai stato in Cina?

Ok l'hardware, ma il software nelle mani della Cina... no..
Io scelgo Google, non sono un narcotrafficante e la privacy non esiste da almeno 50 anni.
Max(IT)17 Gennaio 2020, 17:26 #8
Originariamente inviato da: ninja750
quali sono gli indispensabili servizi di google?


nel mondo Android (ma non solo) ? Tutti...
Huawei vende tanto in patria, e rifilando alla clientela decine di modelli tutti uguali.
emiliano8417 Gennaio 2020, 17:34 #9
Originariamente inviato da: Alpha4
Quoto... Tutti i modelli attuali sul mercato hanno si servizi google..
vediamo quest'anno quanti P40 vendono..


il mate 30/pro no, se il p50 pro sara' ancora senza google lo prendo sicuro
Nui_Mg17 Gennaio 2020, 17:37 #10
Originariamente inviato da: rob-roy
Vai avanti e compralo, poi ci dici come ti trovi con stò soprammobile.

Benché non comprerò mai uno smartphone Huawei per tutta una serie di motivi, ti informo che uno smartphone android senza servizi google può funzionare ugualmente benissimo e pure in maniera ben più efficiente (anche senza root, se vogliamo dirla tutta).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^