Google Assistant arriva su tutti i più moderni smartphone Android

Google Assistant arriva su tutti i più moderni smartphone Android

Google Assistant è adesso disponibile anche su altri dispositivi Android, e non solo sui Pixel e alcuni Nexus. Arriverà prima negli Stati Uniti, ma presto sbarcherà anche in Europa

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Telefonia
GoogleAndroid
 

Google ha annunciato attraverso un video su YouTube che l'espansione di Google Assistant sui dispositivi Android compatibili inizia oggi. La notizia è stata rivelata alcuni giorni fa e la funzione è disponibile adesso su tutti gli smartphone Android con almeno Marshmallow o Nougat, ma solo in alcuni paesi selezionati. Il roll-out comincerà dagli Stati Uniti, e a seguire arriveranno Australia, Canada, Regno Unito e Germania. Nessuna parola sul futuro sbarco in Italia.

Chi soddisfa tutti i requisiti che abbiamo appena delineato riceverà Google Assistant semplicemente aggiornando i Google Play Services. Non ci sono infatti applicazioni da scaricare o eventuali operazioni complicate. Il sistema operativo proporrà l'aggiornamento dei servizi attraverso Google Play Store. Una volta installato l'update lo smartphone potrà accogliere le nuove richieste con l'intelligenza artificiale di Mountain View che sarà già pronta a rispondere.

La novità è stata sottolineata anche attraverso l'account Twitter ufficiale di Google: "Adesso in distribuzione su altri smartphone Android, è ora di conoscere il tuo Google Assistant". La compagnia promette che "centinaia di milioni di utenti Android" saranno adesso in grado di provare l'assistente in sostituzione delle feature di ricerca vocale presenti sino ad oggi sul robottino verde. L'interfaccia sarà comunque estremamente simile a quanto sono abituati da tempo gli utenti Android.

Cambieranno l'engine predittivo e il sistema di risposte, e nel tempo l'Assistente guadagnerà nuove funzioni. Dove previsto l'Assistente può essere richiamato lasciando premuto il tasto Home ed effettuando la richiesta. Con Google Assistant Big G ha lanciato la sfida per l'intelligenza artificiale su ogni dispositivo: si interfaccia con lo smartphone, così come i gadget dell'IoT, e offre tutta la potenza del motore di ricerca proprietario in una forma più discorsiva e colloquiale.

È chiaro che il roll-out partirà dai paesi che utilizzano la lingua inglese, con l'approdo in Italia che potrebbe ritardare ancora di qualche mese. Maggiori informazioni e dettagli sulla tecnologia a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^