Gigaset entra nel mercato degli smartphone con tre modelli, due in acciaio inox

Gigaset entra nel mercato degli smartphone con tre modelli, due in acciaio inox

La line-up di Gigaset si compone di tre modelli per tutte le tasche, si parte da 349 euro con scocche in alluminio per arrivare a 549 euro con frame in acciaio inossidabile. E si strizza l'occhiolino ad iPhone

di Nino Grasso pubblicata il , alle 18:19 nel canale Telefonia
 

Già nota nell'ambito della telefonia DECT, Gigaset ha annunciato la sua prima linea di smartphone alla vigilia dell'IFA di Berlino, con un evento di presentazione organizzato proprio nella capitale tedesca. La nuova line-up si compone di tre modelli dalla fascia media in su, tutti caratterizzati dalla presenza di una porta USB Type-C, che partono da un listino di 349€ fino ad arrivare al top di gamma da 549€. Tutti i modelli arriveranno anche nel nostro mercato italiano.

Gigaset ME Pure è la soluzione entry-level del brand appena nato. A 349€ la società tedesca propone un dispositivo con display da 5" Full HD (1920x1080 pixel e 443 PPI di densità) con un frame in alluminio spesso 7,8 mm. Sotto la scocca troviamo un processore Qualcomm Snapdragon 615 supportato da 2GB di RAM e 16 GB di ROM espandibili fino a 128GB attraverso uno slot microSD. Sulla carta risulta particolarmente curato anche il comparto fotografico.

 

Gigaset ME Pure
Gigaset ME Pure

Il modello Pure adotta un sensore da 13 megapixel con ampiezza di 1,4um per il singolo pixel e obiettivo f/2.0, mentre sul fronte il sensore da 8 megapixel è abbinato ad un obiettivo (ancora una volta con apertura di diaframma f/2.0) grandangolare che copre un angolo di visione di 120°. La variante di base della neonata famiglia supporta reti 4G LTE Cat. 4 (150Mbps in download) ed è alimentata da una batteria da 3.320mAh, certamente generosa per un dispositivo con simili caratteristiche tecniche.

Sicuramente più particolari i due modelli delle fasce immediatamente successive: Gigaset ME e Gigaset ME Pro, proposti rispettivamente a 469 e 549€ nei mercati europei. I due dispositivi si caratterizzano per un telaio in acciaio inossidabile, decisamente più resistente e durevole dell'alluminio ormai ampiamente adottato sul mercato mobile. I due dispositivi sono spessi 7,7 mm e si differenziano soprattutto per la diagonale del display, da 5 e 5,5" con entrambi i modelli a risoluzione Full HD (1920x1080 pixel e rispettivamente 443 e 403PPI di densità dei pixel).

La piattaforma hardware è in entrambi i casi incentrata su processori Qualcomm Snapdragon 810 e 3GB di RAM DDR4, supportati da una memoria eMMC da 32GB espandibile tramite slot microSD. Sono invece differenti le fotocamere, entrambe con sensore Sony IMX230, ma con caratteristiche tecniche leggermente differenti. Entrambi i moduli sono stabilizzati otticamente, ma se Gigaset ME supporta un massimo di 16 megapixel, la variante Pro arriva a 20. Anche il sistema di lenti è diverso fra i due modelli.

Quello del modello intermedio è più luminoso con apertura di diaframma f/2.0, mentre il top di gamma utilizza un obiettivo f/2.2. E' invece la stessa la fotocamera frontale con modulo grandangolare da 8 megapixel. Se Gigaset ME viene alimentato da una batteria da 3.000 mAh, caratteristica standard per la fascia di mercato, la variante Pro propone un'interessantissima unità da 4.000mAh che, sulla carta, dovrebbe garantire ottimi risultati per quanto concerne l'autonomia operativa su singola carica.

Gigaset ME
Gigaset ME

I tre smartphone condividono parecchie caratteristiche tipiche dei modelli di fascia alta, come il vetro frontale 2,5D con angoli arrotondati, un sensore biometrico per la scansione delle impronte digitali, un comparto audio definito Hi-Fi e nei due modelli più alti in gamma anche un flash LED a doppia tonalità, un cardiofrequenzimetro e sensori infrarossi e UV. Tutti i modelli supportano invece 2 schede nano-SIM sostituibili a dispositivo acceso e tecnologie di ricarica rapida Qualcomm 2.0. Gigaset vanta inoltre il particolare design "holeless" grazie al quale non troviamo nessuna fessura sulla parte frontale.

Da valutare attentamente il peso delle soluzioni, soprattutto per i modelli con frame in acciaio inox. Per la soluzione da 5,5" l'ago della bilancia sfiora i 200g (195g, per l'esattezza), mentre la variante da 5 pollici si ferma a 160g. Si tratta dello scotto da pagare per l'adozione del metallo più rifinito che, abbinato a dimensioni non di certo standard, si fa sentire durante l'uso.

Abbiamo avuto la possibilità di provare per qualche minuto i dispositivi, i quali si sono rivelati fluidi e reattivi nel portare a compimento i task di tutti i giorni. Con materiali come vetro e alluminio per il Pure e vetro e acciaio inox per i due più alti in gamma, i nuovi Gigaset non hanno nulla da invidiare ai dispositivi più blasonati del settore nemmeno sul piano della qualità costruttiva e delle finiture

Certo è che l'approccio di Gigaset è dei più coraggiosi: in un mercato in cui tutti puntano al ribasso, i tedeschi cercano di solleticare i palati più sopraffini con design e qualità, non dimenticando di offrire parallelamente anche una scheda tecnica di alto livello. E' ancora presto per tirare le conclusioni e non ci resta che attendere la stagione autunnale per verificare quale sarà l'impatto di Gigaset all'interno di un mercato sempre più inflazionato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mparlav01 Settembre 2015, 18:50 #1
Ci riprovano con gli smartphone (immagino anche questi prodotto da Quanta in Cina), dopo i tablet QV830 e QV1030, che allo scarso successo, hanno aggiunto un supporto sw nullo (ho il QV1030 che ha ricevuto un solo ed ultimo aggiornamento di sicurezza ed è fermo alla 4.2.2).
Fortuna che l'ho pagato 190 euro più di 1 anno fa' (il prezzo di lancio era quasi il doppio) e non ci sono bug di rilievo

Buona l'idea dell'acciaio inox, ma io punterei al ME Pure, specie se andasse "in saldo" dopo 6 mesi come accaduto con i tablet

Tedturb001 Settembre 2015, 19:44 #2
X il supporto software di gigaset non saprei, ma per essere carini lo sono di certo. Acciaio... Lo voglio! Peccato android..
Dumah Brazorf01 Settembre 2015, 19:51 #3
La DeLorean degli smartphone, sperando non faccia la stessa fine.
Se rompo il display vallo a trovare il ricambio.
rapbando01 Settembre 2015, 20:12 #4
Si sono fregati da soli decidendo per l'acciaio al posto del Titanio, quando avrebbero potuto fare il salto di qualità, ed essere gli unici ad avere un telefono avanti a tutti gli altri al prezzo di un iphone ma che non si piega nemmeno piangendo.
gigisfan01 Settembre 2015, 20:28 #5
Beh non è che l'inox sia cosi delicato, quello da 469 potrebbe essere interessante, ammesso che sia supportato
MiKeLezZ01 Settembre 2015, 20:29 #6
Originariamente inviato da: rapbando
Si sono fregati da soli decidendo per l'acciaio al posto del Titanio, quando avrebbero potuto fare il salto di qualità, ed essere gli unici ad avere un telefono avanti a tutti gli altri al prezzo di un iphone ma che non si piega nemmeno piangendo.
L'acciaio è più duro del titanio (che comunemente si usa in lega con l'alluminio, perché da solo sarebbe ancora più fragile), genio!
Hai visto troppi film futuristici mi sa...
Bivvoz01 Settembre 2015, 20:53 #7
Finalmente uno smartphone in un materiale ca**uto

Il peso non mi sembra eccessivo, un galaxy s5 5.1" in cerotto pesa 145g, un melaphone 6+ da 5.5" 172g, questi 160g e 195g non è che ti fanno cadere le braghe.
Anzi magari certa gente impara a mettersi la cintura invece di portarli intorno alla caviglie mostrando la fessura pelosa sul retro
Tennic01 Settembre 2015, 21:26 #8
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
L'acciaio è più duro del titanio (che comunemente si usa in lega con l'alluminio, perché da solo sarebbe ancora più fragile), genio!
Hai visto troppi film futuristici mi sa...


Forse non si riferiva alla durezza, ma alla leggerezza, infatti il titanio è resistente come l'acciaio, ma pesa la metà, e pesa poco più dell'alluminio
Il rapporto resistenza/peso è quindi elevatissimo, e su uno smartphone (dove si guarda il peso) sarebbe perfetto, a parte il costo sicuramente più elevato, anche dell'inflazionato alluminio, che ultimamente era per alcuni diventato un materiale "nobile"
La resistenza alla corrosione, altro pregio, non credo sia utile in uno smartphone, se non per fare scenografia
demon7701 Settembre 2015, 23:05 #9
belli sono belli.. anche come hardware non male per nulla.
I prezzi tutto sommato buoni, specie quando scenderanno più avanti.

Su questione supporto e altro non mi esprimo perchè non so.

Originale l'idea dell'acciaio anche se il peso si fa sentire..
personalmente non mi intressa la cosa come non mi interessa il cel in alluminio. Trovo che sia una cosa perfettamente inutile.
marchigiano02 Settembre 2015, 01:44 #10
a pari peso l'acciaio è meno robusto dell'alluminio perchè ce n'è di meno... però perchè deve pesare poco? voglio dire... un oggetto di lusso se pesa non è un problema, gioielli e orologi di brand lussuosi sono molto pesanti, non stanno ad alleggerirli... il titanio sarà sicuramente migliore ma si sogna la lucentezza e la possibilità di lavorazione dell'acciaio, su quest'ultimo inoltre un graffio lo togli con una semplice passata di carta abrasiva

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^