Cellulari, sfoghi ed eritemi: colpa del nichel

Cellulari, sfoghi ed eritemi:  colpa del nichel

Con l'aumento dell'uso del cellulare cresce anche la comparsa di eruzioni cutanee sul viso, la colpa del nichel contenuto nei telefoni

di pubblicata il , alle 16:19 nel canale Telefonia
 

La diatriba che vede opposti quelli che sostengono che il cellulare sia dannoso e quelli che invece ritengono non esponga a rischi maggiori rispetto a qualsiasi altra cosa con cui entriamo in contatto nella vita quotidiana sempre aperta, con momenti in cui, nel grande pubblico, fanno pi presa le ipotesi dei primi o dei secondi.

Questa volta la BBC riporta di una ricerca lievemente diversa, portata avanti dalla British Association of Dermatologist, che andata ad analizzare la correlazione esistente tra l'uso del cellulare e la comparsa di sfoghi, eritemi ed eruzioni cutanee nella zona interessata dal contatto con il telefonino.

La spiegazione al fenomeno molto semplice ed legata all'allergia al nichel, disturbo che colpisce un numero abbastanza alto di persone. Tasti, cornici cromate, loghi, sono i particolari che pi spesso contengono nichel, secondo la ricerca in quasi un telefonino su due.

La soluzione al problema facilmente intuibile, sufficiente evitare il contatto della pelle con i particolari metallici incriminati, tramite l'uso di custodie, di auricolari o pi radicalmente optando per un modello che non contenga nichel nelle zone a contatto con il viso degli utenti.

Potrebbe essere un'iniziativa interessante, da parte dei produttori, indicare chiaramente se un cellulare nichel-free esteriormente o quali particolari contengano il metallo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pi interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

35 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
robest8817 Ottobre 2008, 16:32 #1
Grazie...almeno voi ci informate di questa cose...
SirCam7717 Ottobre 2008, 16:52 #2
Grazie per la info ma non sarebbe meglio dirci anche i modelli incriminati? O hanno paura che calano le vendite a discapito della nostra salute?
HyperText17 Ottobre 2008, 16:52 #3
Ah, ecco perchè esistono i brufoli!
SuperSandro17 Ottobre 2008, 17:02 #4
...e io che mi ostinavo a prendere il Viagra...

(mai scopare quando telefoni).
apahualca17 Ottobre 2008, 17:05 #5
Carino quel frammento di tavola periodica, disegnata a mano.

MorgaNet17 Ottobre 2008, 17:08 #6
Vabbè, pure gli spiccioli di euro (i centesimini per intenderci) sono in nikel...
Il cellulare è uno di tantissimi oggetti con dentro il nikel.
Credo che non sia il principale elemento scatenante dei fenomeni allergici.
costa@7317 Ottobre 2008, 17:18 #7
Bah.. io soffro di allergia al nichel da una vita , cinta,bigiotterie varie , orologi ecc , mi hanno sempre causato irritazioni anche piuttosto serie, ma mai i cellulari.
Anche perché ci deve essere contato per un certo tempo.
l'irritazione da allergia da bolle diverse dai brufoli, bolle piccole e molto irritanti.
Mah, che stronzata..
Pashark17 Ottobre 2008, 17:41 #8
Non è che sia una grossa scoperta, visto che ci sono stati che non coniano neanche monete in nickel.
khelidan198017 Ottobre 2008, 18:51 #9
Originariamente inviato da: MorgaNet
Credo che non sia il principale elemento scatenante dei fenomeni allergici.


Invece sì,l'allergia al nickel è una brutta bestia tante volte neanche ti accorgi di cose che hanno il nickel all'interno e per rispondere a costa@73 la mia ex ne soffriva e bastava anche un esposizioni di poco tempo per scatenare irritazioni,dipende dalla gravità dell'allergia,imho devono fare oggetti nickel-free già di base!
matmat17 Ottobre 2008, 19:55 #10
Perchè invece di parlare delle allergie nn parliamo delle onde elettromagnetiche e del cancro

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^