Motorola Xoom, cronaca di un insuccesso annunciato

Motorola Xoom, cronaca di un insuccesso annunciato

Motorola Mobility, annunciata la chiusura del trimestre, ha dichiarato di aver consegnato 100.000 unità Xoom: cifra ben al di sotto delle aspettative e conferma diretta di una strategia completamente errata

di pubblicata il , alle 09:41 nel canale Tablet
Motorola
 

Motorola Mobility ha annunciato nella giornata di ieri i risultati di chiusura trimestre, ma non vogliamo fare un'analisi di quanto ha ottenuto l'azienda di recente acquistata da Google, bensì soffermarci su Xoom, la proposta tablet.

Gli utenti più attenti si ricorderanno come Xoom era stato lanciato in pompa magna da Motorola: il tablet era infatti uno dei primi a supportare Honeycomb, la versione di Android ottimizzata per soluzioni tablet, e l'azienda non ha badato a spese per il lancio del prodotto.

Motorola Xoom, non fosse stato per il prezzo di lancio, sarebbe stata anche una soluzione interessante; contraddistinta da una buona qualità costruttiva, il prodotto di Motorola è basato sulla classica piattaforma NVIDIA Tegra 2 che troviamo su molte unità tablet.

Nel corso del trimestre appena concluso Motorola ha consegnato 100.000 Xoom a livello mondiale: attenzione, stiamo parlando di unità consegnate, non vendute. Per avere un'idea delle dimensioni del volume smosso, Apple nel corso del trimestre appena concluso ha consegnato 11,1 milioni di iPad.

Tralasciando le problematiche che Xoom ha incontrato sul mercato, specialmente quello nord-americano, va segnalata la politica di prezzo applicata al prodotto: arrivato in commercio con alcuni problemi di funzionamento, Motorola ha voluto confrontarsi direttamente con le soluzioni iPad di Apple. Inutile parlare dei risultati. Se arrivare dopo sul mercato, con un prodotto che presenta ancora problemi di funzionamento e posizionarlo alla stessa fascia della concorrenza sembra essere una strategia vincente, la contraddizione in termini appare piuttosto evidente.

Solo alla fine dell'ultimo trimestre Motorola ha abbassato il prezzo di Xoom, ora acquistabile sul mercato nord-americano al prezzo di 400 dollari: in Italia il costo è ancora di circa 450 euro. Questa mossa potrebbe portare ad un lieve aumento delle vendite, ma non si avranno i risultati prima del prossimo anno.

Secondo le ultime indiscrezioni Motorola sarebbe al lavoro per lo sviluppo del successore di Xoom, una proposta più sottile con design simile a quello del Droid Razr. Nella speranza quindi che l'acquisizione di Google possa portare i frutti sperati, viene da pensare che non si può che imparare dagli errori passati.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Verro28 Ottobre 2011, 10:02 #1
Non riesco a capire. Ma come è possibile, COME E' POSSIBILE che gente che viene pagata fiori di migliaia di dollari, NON CAPISCA che posizionare un tablet del genere nella STESSA FASCIA DELL'IPAD è un suicidio???? ma...ma...quando devono decidere i prezzi, usano dei bigliettini con su scritti dei prezzi e li pescano a caso da una busta?
Ora capisco che il progetto è molto costoso, ma:

A: prima di costruirlo, controlli i probabili costi, il probabile prezzo di vendita e se vedi che non riesci a tenerlo basso/competitivo, lo rimandi a tempi migliori.

B: lo vendi con un bassissimo margine di guadagno, sperando di lavorare su grandi cifre e quindi recuperare, con i grandi numeri, la cifra investita anche se in piu tempo!

...tutto IMHO eh...
cicastol28 Ottobre 2011, 10:18 #2
Quoto quanto scritto sopra,a volte mi chiedo come certe aziende riescano a fare errori di calcolo così grossolani con gente al servizio superpluripagata quando basterebbe intervistare un bimbominchia qualsiasi per avere una risposta più sensata.
avvelenato28 Ottobre 2011, 10:33 #3
Semplice: hanno sbagliato in corsa, ormai era troppo tardi per tornare indietro, speravano quindi di vendere qualcosa per recuperare almeno parte delle spese sostenute.
D'altra parte una valutazione economica, quantitativa invece di qualitativa, di quanto faccia schifo un prodotto, non la si può dare a priori: la stabiliscono i consumatori.

E pensare che basterebbe fare tutto "perfetto", o almeno tentarci (era l'ossessione di jobs, nata a quanto si dice dal suo corso di calligrafia ai tempi del college), per diminuire drasticamente le probabilità di flop.
monkey.d.rufy28 Ottobre 2011, 10:33 #4
mi aggiungo al quote

spesso le scelte di certe aziende mi fanno pensare che certa gente all'interno sia li per caso, farei di meglio anche io
blade972228 Ottobre 2011, 10:41 #5
Originariamente inviato da: Verro
Non riesco a capire. Ma come è possibile, COME E' POSSIBILE che gente che viene pagata fiori di migliaia di dollari, NON CAPISCA che posizionare un tablet del genere nella STESSA FASCIA DELL'IPAD è un suicidio???? ma...ma...quando devono decidere i prezzi, usano dei bigliettini con su scritti dei prezzi e li pescano a caso da una busta?
Ora capisco che il progetto è molto costoso, ma:

A: prima di costruirlo, controlli i probabili costi, il probabile prezzo di vendita e se vedi che non riesci a tenerlo basso/competitivo, lo rimandi a tempi migliori.

B: lo vendi con un bassissimo margine di guadagno, sperando di lavorare su grandi cifre e quindi recuperare, con i grandi numeri, la cifra investita anche se in piu tempo!

...tutto IMHO eh...


Non è tanto una questione di concorrenza dell'IPAD. L'Asus Transformer ha venduto più delle stime, al punto che dopo la prima settimana era introvabile. Il problema è che il primo tablet Xoom era un prodotto affetto da seri bug, e questo credo stia influenzando le vendite.
calabar28 Ottobre 2011, 10:46 #6
In effetti il prezzo attuale non è così scandaloso, 450 euro per un prodotto di buona fattura è tutto sommato accettabile. Prima che escano le nuove soluzioni con tegra 3, per lo meno.
Se si avesse la certezza di un upgrade a ICS penso che una sua fetta di mercato potrebbe guadagnarla.

Ah, una nota per la redazione.
Se scrivete "l'acquisizione di Google" sembra che Motorola abbia acquisito Google (o quantomeno non si capisce bene chi abbia acquisito chi, a meno che non lo si sappia già, scrivere "l'acquisizione da parte di Google" sarebbe stato più chiaro.
(IH)Patriota28 Ottobre 2011, 10:56 #7
Il primo errore è stato quello di deridere sornioni l' iPad.La definizione di prodotto "magico" ha sollevato molta ilarità e sono tutti rimasti seduti a guardare aspettando il flop mentre invece è stato un boom.

Nel momento in cui hanno capito che non c'era un "..zzo" da ridere si sono messi a rincorrere, sperando che metterlo sugli scaffali il prima possibile avrebbe placato l' attenzione verso iPad commettendo l' errore di presentarlo con grossi problemi.

Il prezzo altro buco nell' acqua, di primo acchito tutti hanno detto che un iPad a quelle cifre era un furto poi alla fine non sono riusciti a fare molto meglio, lo scontano ora perchè hanno i magazzini pieni cosi' come ha fatto HP con il suo tablet prima di cestinare definitivamente il progetto.

L' unico che ha ottime chance di riuscita è Amazon che ha cercato di creare qualcosa di alternativo, in una fascia di prezzo diversa, con funzioni più semplici.Quando avra' consolidato le vendite potra' pensare di poter fare seria concorrenza ad iPad con un prodotto similare per caratteristiche e prezzo.

Samsung si è tagliata le gambe da sola prima sposorizzando il 7" (definito la misura perfetta) poi affiancata dal Galaxy 10 che non è nemmeno entrato in negozio in favore del 10.1 che è talmente scopiazzato da iPad da trovarselo bloccato su diversi mercati.

Purtroppo quando si arriva per secondi bisogna dare miglior qualita' ad un prezzo inferiore, recuperare il gap di iPad, sapendo come è maniacale Apple, in una manciata di mesi non dico che sia fantascienza (mai mettere un limite alle capacità umane) ma sicuramente era tutto meno che una passeggiata.
vipermario28 Ottobre 2011, 11:44 #8
Originariamente inviato da: (IH)Patriota
L' unico che ha ottime chance di riuscita è Amazon che ha cercato di creare qualcosa di alternativo, in una fascia di prezzo diversa, con funzioni più semplici.Quando avra' consolidato le vendite potra' pensare di poter fare seria concorrenza ad iPad con un prodotto similare per caratteristiche e prezzo.

Samsung si è tagliata le gambe da sola prima sposorizzando il 7" (definito la misura perfetta) poi affiancata dal Galaxy 10 che non è nemmeno entrato in negozio in favore del 10.1 che è talmente scopiazzato da iPad da trovarselo bloccato su diversi mercati.


samsung ha fatto il 7" perchè ai tempi non c'era Android 3.0 e la massima diagonale supportata da android 2.X è proprio di 7", lo hanno venduto come "ideale" ma in realtà era l'unica mossa percorribile per arrivare il prima possibile sul mercato tablet, infatti appena hanno potuto hanno fatto il 10 e ora il 9 (ne ho due per lavoro che samsung mi ha consegnato a metà ottobre e sono fantastici a mio parere, mi spiace infatti che con android 4.0 si torni a un unico OS per tablet e smartphone, la differenziazione attuale è proprio il plus rispetto a iPad che, a parte app specifiche (embedded e non) ha l'interfaccia di un grosso iPhone, e penso di poter parlare con cognizione di causa perchè ho tutti i tablet e smartphone sul mercato che mi interessano a disposizione).

riguardo ad amazon sono perfettamente d'accordo, magari sul nostro mercato passerà quasi innosservato ma negli usa potrebbe fare il botto e i motivi sono tre:
1) il prezzo, come già ribadito (ma non è il più rilevante)
2) una base di clienti con carta di credito già registrata enorme, e questo pesa, apple docet
3) una mole di contenuti multimediali già pronti impressionante, a cui si aggiungeranno le app android su cui amazon avrà il controllo diretto

se si aggiunge nokia-microsoft il 2012 si profila molto interessante.
MaxArt28 Ottobre 2011, 12:03 #9
Non sempre tutti i mali vengono per nuocere e lo Xoom è stato sicuramente un terreno ideale per Motorola per apprendere i nuovi concetti dei tablet.
Lo Xoom ha venduto poco, sì, ha sofferto di bug, sì, ma gli sarà anche servito da lezione, in sostanza. Anche per Google.

Originariamente inviato da: (IH)Patriota
Il primo errore è stato quello di deridere sornioni l' iPad.La definizione di prodotto "magico" ha sollevato molta ilarità e sono tutti rimasti seduti a guardare aspettando il flop mentre invece è stato un boom.

Nel momento in cui hanno capito che non c'era un "..zzo" da ridere si sono messi a rincorrere, sperando che metterlo sugli scaffali il prima possibile avrebbe placato l' attenzione verso iPad commettendo l' errore di presentarlo con grossi problemi.
Credo che nessun *produttore* abbia deriso Apple e l'iPad, ben consapevoli che questo poteva sbloccare un mercato che è sempre rimasto di nicchia.

Originariamente inviato da: vipermario
samsung ha fatto il 7" perchè ai tempi non c'era Android 3.0 e la massima diagonale supportata da android 2.X è proprio di 7"
No, Android non c'entra nulla. Infatti il Toshiba Folio 100 aveva diagonale da 10".

mi spiace infatti che con android 4.0 si torni a un unico OS per tablet e smartphone, la differenziazione attuale è proprio il plus rispetto a iPad che, a parte app specifiche (embedded e non) ha l'interfaccia di un grosso iPhone
Android 4.0 funzionerà in maniera abbastanza diversa a seconda della dimensione del display. Cambia interfaccia e tutto, ma questo in realtà era già in nuce con Honeycomb che nascondeva l'interfaccia di Gingerbread.
AVRILfan28 Ottobre 2011, 12:09 #10
In realtà non costava quanto un iPad ma molto di più anche se offriva, a livello di hardware, molto di più...

Io ne avrei preso uno ma la commercializzazine tardiva in Italia, i problemi riscontrati, e, soprattutto, il taglio di prezzo del primo iPad, mi hanno fatto cambiare idea...

Come sempre, a livello di marketing, tutte le aziende hanno tantissimo da imparare da Apple, fanno delle figuracce immani...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^