Western Digital Caviar SE16 a 750GB

Western Digital Caviar SE16 a 750GB

Western Digital incrementa la capacità del proprio hard disk SATA da 3 pollici e mezzo, introducendo nuove tecnologie miranti a garantirne l'affidabilità

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 16:52 nel canale Storage
Western Digital
 

Western Digital ha annunciato la prossima disponibilità di un nuovo modello di hard disk della serie Caviar; parliamo del Caviar SE16, meccanica da 3 pollici e mezzo con capacità complessiva di 750 Gbytes. La struttura prevede 4 piatti, ciascuno capace di memorizzare 188 Gbytes di dati circa, con una velocità di rotazione di 7.200 giri al minuto, supporto al Native Command Queuing, cache da 16 Mbytes e interfaccia Serial ATA 300Mbytes al secondo.

Western Digital ha introdotto alcune nuove tecnologie all'interno di questa nuova serie di hard disk, miranti sia a ridurre il consumo che a incrementare la durata complessiva minimizzando le vibrazioni indesiderate; in questa versione la garanzia è di 3 anni, ma è presumibile che a breve Western Digital possa presentare una versione RE specificamente orientata al mercato enterprise con garanzia di 5 anni.

La prima tecnologia implementata prende il nome di IntelliSeek: con essa le testine che scorrono lungo i piatti vengono spostate nella posizione richiesta per la lettura o scrittura dei dati non nel modo più veloce possibile, ma bilanciando lo spostamento delle testine con la rotazione del piatto. L'obiettivo è quello di fare in modo che la testina giunga nell'area del piatto che deve raggiungere per la lettura o la scrittura dei dati esattamente nel tempo richiesto e non in anticipo, così che il movimento di spostamento della testina possa avvenire ad una velocità bilanciata e non necessariamente alla più alta possibile.

Non si verifica, con questa tecnica, un rallentamento delle prestazioni in lettura o scrittura quanto la testina è pronta nel momento in cui il piatto ha ruotato sino al punto corretto, ma dato che la velocità di spostamento della testina lungo il piatto può essere inferiore a quella massima si riducono le vibrazioni e quindi potenziali rischi di rottura nel lungo periodo. Sul sito Western Digital è disponibile, a questo indirizzo, una animazione che spiega come funzioni all'atto prativo IntelliSeek.

La seconda tecnologia implementata da Western Digital prende il nome di StableTrack motor: il motore di rotazione è più resistente alle vibrazioni rispetto a quanto implementato in precedenza, disegnato in modo tale che eventuali vibrazioni generate da altoparlanti posizionati vicino all'hard disk non introducano penalizzazioni prestazionali. Il nuovo hard disk inoltre implementa una tecnologia che blocca le testine durante le fasi di spin up e spin down, cioè accensione e spegnimento, evitando così che i piatti e le testine stesse possano essere inavvertitamente danneggiate durante queste fasi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
T3mp05 Giugno 2007, 16:59 #1
basteranno le news per oggi ? sono ubriaco
predator8705 Giugno 2007, 17:28 #2
Originariamente inviato da: T3mp
basteranno le news per oggi ? sono ubriaco


è vero! tantissime notizie oggi! uhauha
Dexther05 Giugno 2007, 17:53 #3
Hitman07905 Giugno 2007, 18:04 #4
bhè...dureranno di più sti hard disk?
Marco7105 Giugno 2007, 18:17 #5

Dunque...

...come al solito debbo constatare che sono veramente poche, pochissime le costruttrici di hard disk che hanno veramente innovato e con molto anticipo.
I.B.M introdusse "secoli fa" il sistema di loading/unloading e poi, ere geologiche dopo, esso comparve soprattutto sui modelli di unità in fattore di forma da 2.5 (ed inferiori ) pollici: Scorpio di W.D e Momentus di Seagate.
Mentre I.B.M->Hitachi Global Storage ha adottato tale sistema di "messa in sicurezza" del gruppo testine su tutte le linee di hard disk (Ultrastar, Desktar, Travelstar,Endurastar ecc. ecc.) il resto dei costruttori sol oed esclusivamente sulle unità di cui sopra...la totalità delle unità anche di grosso pregio (S.C.S.I,S.A.S, Raptor W.d ecc.) ha continuato ad adottare la molto poco "sicura" tecnica C.S.S.
E la storia si ripete attraverso corsi e ricorsi...
Hitachi Global Storage ere geologiche fa, sulla innovativa famiglia "near line" 7K400 introdusse sia il controllo addizionale delle vibrazioni indotte esternamente R.V.S (tramite accelerometri solid state della Murata; poi tale metodo adottato in toto da Seagate sulle serie NL35.x ed ES), sia un motore per lo spindle meccanicamente enhanced per supportare i 5 dischi dello stack...il che mi ricorda molto ma molto StableTrack di W.D.
Nel precambriano poi, Seagate introdusse per la prima volta in unità "hard disk" di tipo Winchester 30-30, con la prestigiosa famiglia X15 il sistema di spostamento integrato nel firmware di controllo del moto del gruppo testine, denominato "Just In Time" ed Intelliseek è una sua "riedizione" ovviamente semplificata.
"Just In Time" è presente poi in tutte le seguenti famiglie di h.d "enterprise" S.C.S.I/S.A.S ed è possibile disabilitarlo tramite le SeaTools Enteprise prima ovviamente di integrare le unità in matrici R.A.I.D (ad esempio).
Con il JustInTime off, il controllore alimenterà il V.C.M con un profilo di corrente simile al classico Bang-bang...con notevole emissione di vibrazioni spurie e rumore dovute al profilo molto ma molto aggressivo di accelerazioni/decelerazioni.
Le richieste di brevetto per JustInTime da parte di Seagate risalgono a fine anni '90.
Grazie.

Marco71.
kelendil05 Giugno 2007, 18:40 #6
Originariamente inviato da: Marco71
...come al solito debbo constatare che sono veramente poche, pochissime le costruttrici di hard disk che hanno veramente innovato e con molto anticipo.
I.B.M introdusse "secoli fa" il sistema di loading/unloading e poi, ere geologiche dopo, esso comparve soprattutto sui modelli di unità in fattore di forma da 2.5 (ed inferiori ) pollici: Scorpio di W.D e Momentus di Seagate.
Mentre I.B.M->Hitachi Global Storage ha adottato tale sistema di "messa in sicurezza" del gruppo testine su tutte le linee di hard disk (Ultrastar, Desktar, Travelstar,Endurastar ecc. ecc.) il resto dei costruttori sol oed esclusivamente sulle unità di cui sopra...la totalità delle unità anche di grosso pregio (S.C.S.I,S.A.S, Raptor W.d ecc.) ha continuato ad adottare la molto poco "sicura" tecnica C.S.S.
E la storia si ripete attraverso corsi e ricorsi...
Hitachi Global Storage ere geologiche fa, sulla innovativa famiglia "near line" 7K400 introdusse sia il controllo addizionale delle vibrazioni indotte esternamente R.V.S (tramite accelerometri solid state della Murata; poi tale metodo adottato in toto da Seagate sulle serie NL35.x ed ES), sia un motore per lo spindle meccanicamente enhanced per supportare i 5 dischi dello stack...il che mi ricorda molto ma molto StableTrack di W.D.
Nel precambriano poi, Seagate introdusse per la prima volta in unità "hard disk" di tipo Winchester 30-30, con la prestigiosa famiglia X15 il sistema di spostamento integrato nel firmware di controllo del moto del gruppo testine, denominato "Just In Time" ed Intelliseek è una sua "riedizione" ovviamente semplificata.
"Just In Time" è presente poi in tutte le seguenti famiglie di h.d "enterprise" S.C.S.I/S.A.S ed è possibile disabilitarlo tramite le SeaTools Enteprise prima ovviamente di integrare le unità in matrici R.A.I.D (ad esempio).
Con il JustInTime off, il controllore alimenterà il V.C.M con un profilo di corrente simile al classico Bang-bang...con notevole emissione di vibrazioni spurie e rumore dovute al profilo molto ma molto aggressivo di accelerazioni/decelerazioni.
Le richieste di brevetto per JustInTime da parte di Seagate risalgono a fine anni '90.
Grazie.

Marco71.


Praticamente una notiza nella notizia
Crux_MM05 Giugno 2007, 19:14 #7
Ah..chissà il costo..750 GB mi servono proprio..
JohnPetrucci05 Giugno 2007, 19:40 #8
Originariamente inviato da: T3mp
basteranno le news per oggi ? sono ubriaco

Verissimo.
Cmq ormai le capienze degli hard disk meccanici hanno raggiunto capienze enormi, se consideriamo che man mano verranno sostituiti dai solid disk, direi che i prezzi anche di questi mostri di capienza sono destinati a scendere in fretta.
CheCk_OuTSidE06 Giugno 2007, 02:02 #9
Originariamente inviato da: Crux_MM
Ah..chissà il costo..750 GB mi servono proprio..


Beh.. il Caviar 320 lo danno a circa 80/90 euro.. mentre il 500 a circa il doppio (180/190 più o meno)..
Questo non avrà un prezzo esorbitante.. saremo a meno di 300 euro sicuro..
Nexon200406 Giugno 2007, 10:59 #10

E' uscito anche quello da 1Tera!!!

Bè veramente oramai i 750Gb su eBay li trovi tra i 250 e 200 euro

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^