Sottosistema ibrido SSD/HDD secondo Marvell

Sottosistema ibrido SSD/HDD secondo Marvell

Aggiornamento gratuito in vista per Marvell, che offrirà un software per gestire al meglio la presenza di Hard disk e SSD in abbinamento al proprio chipset 88E9128 SATA 6Gbps

di pubblicata il , alle 09:00 nel canale Storage
 

Interessante novità per i possessori di schede madri equipaggiate con il chipset di casa Marvell 88E9128 SATA 6Gbps che, come indica la dicitura, allarga la compatibilità dei dischi allo standard SATA 6Gbps. Marvell presenterà un aggiornamento software gratuito per il proprio chipset in grado di realizzare un sottosistema ibrido HDD/SSD operante in due modalità.

In presenza di una unità SSD e una tradizionale a piatti rotanti, e su precisa indicazione dell'utente, il software Marvell sarà in grado di far riconoscere al sistema una sola unità, scegliendo in maniera automatica cosa archiviare sul Solid State Drive e sul disco tradizionale.

L'operazione è tutto sommato semplice: monitorando gli accessi ai file il nuovo software, disponibile per ambienti Windows, archivierà su SSD tutti quelli utilizzati con maggior frequenza, lasciando al disco tradizionale il compito di archiviare i dati utilizzati meno frequentemente. Il risultato, secondo Marvell, è quello di un disco ibrido virtuale che permette di beneficiare delle prestazioni dei Solid State Drive e della capacità tipica dei dischi tradizionali.

Marvell

La seconda modalità, safety, è qualcosa di simile a una catena RAID 1 asincrona, in cui i dati archiviati su SSD sono replicati sul disco tradizionale, che però include anche altri dati. Una soluzione pensata per scongiurare la perdita dei dati dal Solid State Drive, scelto sicuramente dal software per ospitare il sistema operativo e le sue componenti.

Il sistema ricorda molto da vicino quello realizzato da Silverstone e battezzato Hybrid SSD mounting kit, con la differenza che la soluzione Marvell è compatibile con l'interfaccia SATA 6Gbps. Tutti i possessori di unascheda madre con chip Marvell 88E9128 sono avvisati: presto verrà reso disponibile un software, completamente gratuito, che permetterà di realizzare un disco ibrido virtuale, a patto di possedere un disco tradizionale e un Solid State Drive.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nick09121 Giugno 2010, 09:22 #1
che dire?
sembra la perfezione dello storage per un pc
ConteZero21 Giugno 2010, 09:53 #2
In pratica è un implementazione del concetto di cache al disco.

Il modo safe è l'unico che userei visto che l'SSD sarà sicuramente più sforzato (come letture/scritture) dell'HDD.
Almeno quando il SSD inizia a cedere non rischi di perdere pezzi del device logico.
frankie21 Giugno 2010, 09:57 #3
mmmh queste soluzioni ibride, sebbene performanti, non mi sono mai piaciute.
Preferisco (come ho) un SSD per il sistema operativo e un HDD per i dati.
Certo che implementare un boost come gli HD seagate se non sbaglio con un SSD da 4G su un HD da 2.5 non è male.
In effetti vorrei passare ad un case uatx, ma questo è un altro discorso (ho due da 2.5 e uno da 3.5)
ConteZero21 Giugno 2010, 10:34 #4
Originariamente inviato da: frankie
mmmh queste soluzioni ibride, sebbene performanti, non mi sono mai piaciute.
Preferisco (come ho) un SSD per il sistema operativo e un HDD per i dati.
Certo che implementare un boost come gli HD seagate se non sbaglio con un SSD da 4G su un HD da 2.5 non è male.
In effetti vorrei passare ad un case uatx, ma questo è un altro discorso (ho due da 2.5 e uno da 3.5)


Credo che sotto linux si possano ottenere performance simili semplicemente mettendo il journal esterno sull'SSD e data=journal.
nick09121 Giugno 2010, 11:09 #5
Originariamente inviato da: ConteZero
Credo che sotto linux si possano ottenere performance simili semplicemente mettendo il journal esterno sull'SSD e data=journal.


mica tanto
per quanto ho letto con linux bisogna usare ext4 disabilitando il journaling, forse per limitare l'usura delle celle mlc

comunque se 'sta cosa funziona spero arrivi presto l'interfacciamento con linux
nick09121 Giugno 2010, 11:13 #6
Originariamente inviato da: frankie
mmmh queste soluzioni ibride, sebbene performanti, non mi sono mai piaciute.
Preferisco (come ho) un SSD per il sistema operativo e un HDD per i dati.

secondo me farebbe le stesse cose, ma con un ssd più piccolo ed economico
Anzi farebbe anche meglio visto che terrebbe sull'ssd i file utente "lavori in corso"
ConteZero21 Giugno 2010, 12:24 #7
Originariamente inviato da: nick091
mica tanto
per quanto ho letto con linux bisogna usare ext4 disabilitando il journaling, forse per limitare l'usura delle celle mlc

comunque se 'sta cosa funziona spero arrivi presto l'interfacciamento con linux


Ti stai confondendo.
Visto che il journal "stressa" un po'il disco sui dischi SSD lo si disabilita (anche perché su un SSD il tempo di seek è 0, quindi è poco utile).
Nel caso tu volessi fare un "device ibrido" la cosa più pratica invece è mettere il journal su in device terzo "velore" senza tempi di seek.
In questo modo tutte le scritture sul device verrebbero "parcheggiate" su quel device e poi effettuate fisicamente in background.
Ovvio che a quel punto bisogna dare libertà all'OS di ottimizzare letture e scritture per limitare i seek, ed a quello dovrebbe pensarci data=journal.

Se trovi una penna USB abbastanza veloce puoi fare delle prove... dovresti avere un notevole miglioramento, specialmente sulle scritture "random".
nick09121 Giugno 2010, 12:40 #8
Originariamente inviato da: ConteZero
Ti stai confondendo.
Visto che ci sono i soliti paurosi e visto che il journal "stressa" un po'il disco c'è chi sui dischi SSD lo disabilita (anche perché su un SSD il tempo di seek è 0).
Nel caso tu volessi fare un "device ibrido" la cosa più pratica invece è mettere il journal su in device terzo "velore" senza tempi di seek.
In questo modo tutte le scritture sul device verrebbero "parcheggiate" su quel device e poi effettuate fisicamente in background.
Ovvio che a quel punto bisogna dare libertà all'OS di ottimizzare letture e scritture per limitare i seek, ed a quello dovrebbe pensarci data=journal.

Se trovi una penna USB abbastanza veloce puoi fare delle prove... dovresti avere un notevole miglioramento, specialmente sulle scritture "random".

il funzionamento che proponi l'ho capito (almeno credo ) e mi sembra anche una cosa intelligente
solo che in giro ho letto da più parti di disabilitare il journaling
saresti il primo che mi capita leggere con una proposta controcorrente, questo non toglie che potresti avere ragionissima naturalmente
cagi6921 Giugno 2010, 12:51 #9
Dopo questa notizia probabilmente qualcuno alla Intel ha preso una bacchettata sul dorso delle mani per non averci pensato loro
"Facciamo i dischi, facciamo i chipset, un matrix storage con queste caratteristiche non potevate pensarlo?"
ConteZero21 Giugno 2010, 12:56 #10
Originariamente inviato da: nick091
il funzionamento che proponi l'ho capito (almeno credo ) e mi sembra anche una cosa intelligente
solo che in giro ho letto da più parti di disabilitare il journaling
saresti il primo che mi capita leggere con una proposta controcorrente, questo non toglie che potresti avere ragionissima naturalmente


Quando hai un disco SSD se vuoi usarlo al meglio sotto linux gli disabiliti il journal... quelle che leggi sono guide relative a tizi che per lo più hanno netbook con dischi SSD e vogliono "preservare" il disco.
Io parlo di usare un disco normale in congiunzione ad un device flash (o ad un altro disco SSD)... il disco normale tiene i "dati" e quello flash fa da cache.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^