OCZ Z-Drive, tre versioni per tutti i gusti

OCZ Z-Drive, tre versioni per tutti i gusti

Cominciano ad arrivare sul mercato i primi esemplari di OCZ Z-Drive, l'alternativo sistema di storage che si interfaccia con connessioni PCI-Express

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 10:21 nel canale Storage
OCZ
 

In occasione del Cebit di Hannover, OCZ, società americana oramai da diversi anni attiva sul mercato delle memorie RAM e dischi SSD, ha presentato Z-Drive una unità con connessione PCI-Express x8 basata su due unità da 256GB in RAID 0.

ocz zdrive

La commercializzazione, come per molti dei prodotti presentati in occasione di queste ferie, avviene solo dopo qualche tempo, e, nel caso di Z-Drive, i primi modelli, hanno cominciato ora a fare capolino sul mercato europeo. In Francia, questo rivenditore, ha iniziato non solo a distribuire Z-Drive, ma ha anche a listino tre diversi modelli, caratterizzati da capienze differenti. Si parte da Z-Drive da 1TB in grado di garantire una velocità di lettura di 500 MB/s e una scrittura pari a 470MB/s, commercializzato con un costo di 3399,99 euro e basato su quattro dischi SSD da 256GB. Il modello intermedio è invece caratterizzato da una capienza di 500GB e raggiunge 510MB/s in lettura e 480MB/s, si dimostra pertanto più veloce della versione da 1TB. Il costo per questa soluzione è di 2199,99 euro.

Il modello "base", se così potremmo definirlo, è invece in grado di garantire uno spazio di 256GB e raggiunge performance di 450MB/s in lettura e 300MB/s in scrittura: per acquistare questa versione sono necessari 1399,99 euro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
deepdark23 Aprile 2009, 10:24 #1
Datosi che sti drive sono per aziende, non gli converrebbe fare un raid di dischi SAS e risparmiano pure soldi? (oltre che affidabilità
JohnPetrucci23 Aprile 2009, 10:26 #2
Cifre folli, fino a quando sarà così gli hard disk avranno vita lunga, qua non si muove una foglia in ambito prezzi, diciamo che oggi come oggi un utente che non ha soldi da buttare, può permettersi al massimo un ssd di scarsa capienza e di altrettanto scarsa velocità, il che rende gli hard disk tradizionali molto più appetibili.
Tra l'altro l'affidabilità e durata di queste soluzioni in base ai cicli vitali di scrittura sembra essere ancora acerba, quindi a maggior ragione si tratta di cifre folli.
aceomron23 Aprile 2009, 10:26 #3
voi siete scemi!!! dalla serie: "come buttare minimo 1399,99 euro..."
Severnaya23 Aprile 2009, 10:28 #4
scusa l'ignoranza ma nn mi sovviene una definizione di SAS in questo momento Y_Y
floc23 Aprile 2009, 10:29 #5
non e' ammissibile confrontare sas con ssd... se si parla di raid e scrittura sequenziale e' un conto, x il resto non c'e' comunque storia
aceomron23 Aprile 2009, 10:30 #6
Originariamente inviato da: Severnaya
scusa l'ignoranza ma nn mi sovviene una definizione di SAS in questo momento Y_Y


SAS acronimo di Siete Alquanto Scemi (se li comprate!)
Mparlav23 Aprile 2009, 10:39 #7
Andiamo bene.
Siamo passati dalla prima indiscrezione:
http://www.hwupgrade.it/news/storag...tura_28240.html

a questa news con quei prezzi :-/
Come spegnere tutti gli entusiasmi in un'attimo.
Spero che quei prezzi siano "sbagliati".
GByTe8723 Aprile 2009, 10:44 #8
Rispetto ai SAS [Serial Attached SCSI, brutalmente detto una "trasposizione" su un canale seriale del "comandi" SCSI] si guadagna [parecchio] in tempo di accesso, quindi ne risentono molto applicazioni che eseguono parecchi accessi non sequenziali su disco.
Micene.123 Aprile 2009, 10:51 #9
allora sto sata 3 ci muoviamo a farlo uscire sulle mobo?
deepdark23 Aprile 2009, 10:55 #10
@ GByTe87

Ad esempio?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^