iSuppli corregge previsioni su storage flash

iSuppli corregge previsioni su storage flash

Una nuova nota emessa da iSuppli rivede le stime di diffusione delle soluzioni flash storage all'interno dei sistemi notebook

di pubblicata il , alle 09:50 nel canale Storage
 

La società di analisi di mercato iSupply ha redatto una nuova nota riguardante le previsioni di diffusione delle soluzioni di storage basate su memoria flash all'interno dei dispositivi portatili. La nuova nota si prefigge di correggere le previsioni emesse all'inizio del mese di maggio, cui abbiamo dato notizia in questa pagina.

iSuppli prevede che entro la fine del 2009 le soluzioni Solid State Disk (di seguito SSD) raggiungano il 12% del volume totale di sistemi notebook in circolazione mentre invece sarà del 35% la proporzione dei notebook provvisti di Hybrid Hard Disk (di seguito HHD)

Krishna Chander, senior analyst presso iSupply, ha dichiarato: "Le soluzioni SSD e HHD sono caratterizzate da interessanti vantaggi prestazionali rispetto ai tradizionali hard disk. Sebbene nel breve periodo il costo di queste soluzioni risulterà essere ancora troppo elevato per una massiccia diffusione sul mercato, il divario di prezzo si assottiglierà nel corso dei prossimi anni, dando luogo ad una adozione sempre più ampia".

Chander osserva che la penetrazione sul mercato degli Hard Disk ibridi avverrà con maggiore rapidità rispetto a quella delle soluzioni a stato solido per diversi motivi: innanzitutto un costo di produzione inferiore, in secondo luogo una più agevole possibilità, per i produttori, di incrementarne capienza e prestazioni e in ultima analisi un livello di integrità dei dati che può essere garantito solamente da soluzioni che comprendono una tecnologia di tipo hard disk tradizionale.

In conclusione dell'analisi iSuppli sottolinea che nel corso del 2007 si assisterà ad una progressiva diffusione della tecnologia Intel Turbo Memory, che sarà soggetta ad un tasso di penetrazione maggiore rispetto a quello delle soluzioni ibride. iSupply stima quindi che entro la fine del 2009 il 60% dei notebook in circolazione saranno provvisti di una qualche forma di storage basato su memoria flash.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SuperSandro19 Giugno 2007, 10:03 #1

Prestazioni / affidabilità

Purtroppo non riesco a rintracciare articoli /news di HWUpgrade relativi ai parametri prestazioni e affidabilità. In particolare, cercavo una risposta alle seguenti domande:

1) L'uso intensivo di una memoria flash riduce la "vita" della memoria (come avviene con le economiche penne USB)?

2) Le prestazioni globali medie (apertura + lettura + scrittura + buffer temporaneo + ecc.) di quanto sono superiori ai tradizioonali HD magnetici?

Grazie
Paganetor19 Giugno 2007, 10:06 #2
Sandro, se ne è parlato parecchio

1) la loro vita utile è molto superiore a quella delle memorie delle chiavette usb perchè si tratta di memorie di tipo differente

2) diciamo che i tempi di accesso medio sono 1/100 di quelle dei comuni dischi a piatti rotanti, e il transfer rate massimo per ora si attesta intorno ai 50-60 mega/secondo costanti (i dischi convenzionali difficilmente raggiungono queste rpestazioni con file un po' frammentati).

mi viene solo un dubbio: con la frase "iSupply stima quindi che entro la fine del 2009 il 60% dei notebook in circolazione saranno provvisti di una qualche forma di storage basato su memoria flash. " cosa si intende? Cioè, anche quelle memoriette che servono a velocizzare il pc (ho un lapsus... mi viene in mente turbomemory ) fanno parte del conto?
Crux_MM19 Giugno 2007, 10:17 #3
Cissà..fatto sta che davano proiezione su scala decennale..ora si sono ridimensionati..e grazie!!
La tecnologia è veloce..normalissimo!
Bluknigth19 Giugno 2007, 10:18 #4
Paganetor: Credo si riferiscano proprio a quelle....


Comunque credo che quando la gente toccherà con mano le prestazioni dei Dischi solidi abbandonerà in fretta i dischi tradizionali. E parlo soprattutto di risparmi energetico e peso per quanto riguarda i notebook.

Le soluzioni ibride invece non mi convincono molto...

Anche perchè fino ad ora ce li stanno presentando Sata con dimensioni da 2,5 pollici, ma se il Solid State si afferma e si crea un proprio standard di dimensione, credo non sia difficile vedere Slot per hdd SSD grandi quanto una penna USB.
ramarromarrone19 Giugno 2007, 10:43 #5
meno male che qlcs si muove nel settore storage...con queste nuove soluzioni il problema del collo di bottiglia dato dalle operazioni I/O dovrebbe ridursi...

qualcuno sa le soluzioni per pc usciranno prima di quelle per portatili o nello stesso periodo?saranno + performanti o saranno identiche a quelle per notebook?
Portocala19 Giugno 2007, 11:01 #6
ci sono già in giro ma costano troppo
magilvia20 Giugno 2007, 00:20 #7
Le soluzioni ibride invece non mi convincono molto...

Anche perchè fino ad ora ce li stanno presentando Sata con dimensioni da 2,5 pollici, ma se il Solid State si afferma e si crea un proprio standard di dimensione, credo non sia difficile vedere Slot per hdd SSD grandi quanto una penna USB.

Sono daccordo. Infatti gli ibridi danno solo miglioramenti marginali di prestazioni, nessuno in calore, consumo, rumore, ingombro.
SuperSandro20 Giugno 2007, 08:54 #8

Doppio vantaggio

Concludendo, se le cose stanno così, saranno possibili scenari ben più ottimistici:

1) Oggi il collo di bottiglia, come è noto, sono i dischi rigidi.

2) Sostituendoli con memorie flash, non saranno più necessari processori ultraveloci (a parità di prestazioni, Office quanto meno).

3) La possibilità di inserire processori meno performanti - per ottenere, in definitiva, notebook dalle medesime prestazioni odierne - permetterà di limitarsi a raffreddamenti meno severi (passivi? perché no...).

4) La possibilità di limitare ventole e sistemi di raffreddamento consentirebbe di limitare complessità, peso, spessore e costi dei notebook.

A meno che, ovviamente, non si voglia sempre ottenere il massimo del massimo a qualunque costo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^